Log in
NEWS
Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese Erasmus giovani imprenditori global: le domande entro il 30 agosto Scavi di Pompei, ieri guasto all'impianto di illuminazione: le visite notturne riprendono Anche questo sarà il nostro tempo La consistenza dell’intangibile Torre del Greco, sciolto il Consiglio: arriva il commissario Attentato Barcellona, a Napoli bandiere a mezz'asta a Palazzo S. Giacomo La lezione di Roosevelt: un New Deal per l'Italia Ad ogni opera d'arte il giusto tipo d'esposizione Attacco terroristico a Barcellona: furgone contro la folla sulla Rambla, morti e feriti Guardia Sanframondi, ordinanza del sindaco: No a cellulari e filmati per il rito dei Flagellanti Il volo dell'angelo della console Usa a Napoli Il consolato d'Australia porta "Troppo Napoletano" ad Adelaide Luigi Mercogliano nominato nella direzione regionale di Fdi-An Parco Archeologico di Ercolano, visitatori in aumento: + 16,70% rispetto al 2016 Intesa Sanpaolo, a ferragosto oltre 4.000 visitatori a Palazzo Zevallos Aeroporti, l'Enac va avanti con la certificazione: Ok il 40% degli scali, c'è Napoli Morte garante detenuti, Palmieri: Amica delle persone fragili Morte Garante detenuti, E. Russo: Con lei la detenzione ha fatto progressi Periti industriali, Sansone: Pronti a collaborare per l’adeguamento degli impianti sportivi di Scampia Riforma Madia, altro stop sulla soppressione del Corpo Forestale: parola alla Corte Costituzionale Morte garante detenuti, Dap: Donna di grande valore Scavi di Pompei, al via il cantiere: entro il 2019 area interamente consolidata Regione, Caldoro: No agli aumenti gli stipendi dei manager della Sanità

kimbo shop ildenaro 016

Sviluppo, l’irresistibile ascesa delle Reti

Il mondo delle reti medico-scientifiche si è dato appuntamento a Venafro, frazione Pozzilli, presso l’Istituto di ricerca Neuromed. Divisi nei tre filoni principali della Neurologia, della Cardiologia e dell’Oncologia questi enti molto particolari hanno incontrato le imprese italiane rappresentate da Confindustria per verificare quali possibilità di collaborazione possono scaturire per dare maggiore forza agli attori di entrambe le categorie.
Il sistema delle reti sta conoscendo nel Paese un periodo fortunato. Quelle tra imprese sono diventate a inizio aprile 3.588 e raggruppano 18.079 realtà con una crescita esponenziale negli ultimi mesi che testimonia la bontà dello strumento e le sue potenzialità. La fortuna del modello è dovuta in particolare alla composizione del sistema produttivo italiano fatto di piccole e piccolissime aziende il più delle volte gelose della propria autonomia eppure desiderose di crescere.
Mettersi insieme nella cornice di un contratto di rete consente di raggiungere entrambi gli obiettivi: diventare grandi restando autonomi. Certo, occorre almeno aprirsi alla collaborazione, alla condivisione, alla visione comune per poter percorrere un pezzo di strada in compagnia ma si tratta di un salto culturale che comunque andava fatto per raggiungere caratteristiche competitive compatibili con le dimensioni dei mercati internazionali.
Il fenomeno ha raggiunto una dimensione tale, in termini quantitativi e qualitativi, da essere riuscito a conquistare vantaggi fiscali molto interessanti a favore di tutti i partecipanti che potranno godere di ammortamenti, super ammortamenti e di tutte le agevolazioni riservate a chi investe nelle aree di crisi. Far parte di una rete, inoltre, darà la possibilità di partecipare ai bandi di Industria 4.0 e di cogliere altre opportunità riservate a soggetti di grande taglia.
Il tema affrontato a Pozzilli - alla presenza del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, del responsabile di RetImpresa Antonello Montante e del patron di Neuromed Aldo Patriciello - è come far dialogare le reti d’impresa con quelle della ricerca in una interazione tra pubblico e privato da sempre osteggiata nel Paese per ragioni ideologiche ma oggi indispensabile per orientare gli sforzi degli uni e degli altri a beneficio dell’intera società.
Si tratta, tra l’altro, di mettere a fattor comune l’enorme quantità di dati che la tecnologia consente oggi di ricavare potenziando con la condivisione la capacità di analisi e l’interpretazione secondo la filosofia che informa la quarta rivoluzione industriale che aggiunge intelligenza a ogni funzione e punta a migliorare il valore aggiunto creando le condizioni per creare nuova ricchezza senza la quale sono impensabili investimenti e sviluppo.
Il passaggio è cruciale. Molto più delicato e sensibile di quanto si possa immaginare anche perché nascosto da una dialettica politica che sembra ignorarlo o, almeno, relegarlo al rango degli argomenti vari ed eventuali mentre invece meriterebbe il primo posto nell’Agenda di un Paese che volesse riprendere la strada della crescita lungo la quale, solo, si trovano le risposte che si cercano dove non sono e non potrebbero essere.