Log in
NEWS
Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano Made in Italy, studio di Confartigianato: Protagoniste le piccole imprese Gianfranco Rotondi (Fi): Alle elezioni ci sarà un vincitore e sarà il centrodestra Regione, aumento stipendio ai manager. Di Scala (Fi): Grottesca difesa di De Gregorio Guardia Sanframondi, al via domani i "Riti Settennali" Roghi, emergenza sui Monti Lattari: fiamme vicino ad hotel Napoli, Moxedano: Situazione trasporti sempre più complicata Confartigianato: Le Pmi italiane pagano l'energia il 29% in più rispetto alla media Ue Montenero, al via la prima edizione di "Corti al Mulino" Premio Capri Danza International, al via la V edizione alla Certosa di San Giacomo Attentato Barcellona, a Napoli rafforzate le misure di sicurezza Diwine Jazz Festival, a Montecorice quattro serate tra vino e buona musica Da Pasqualino, omaggio a Capri: ecco i faraglioni di pizza Ermanno Russo: Che errore depotenziare l'oculistica al Vecchio Pellegrini Napoli, Comune: Dal 28 ordinanza per fornire indicazioni sui vaccini Geometri, Carlino: Al fianco dei periti industriali per il campetto a Scampia Estate, 38 mln di italiani in vacanza: tra i souvenir i prodotti tipici del territorio Giovani Confapi Napoli, Marrone: Bene l'occupazione, investire sulla formazione Lavoro, dati Cgia: nell'ultima parte dell'anno 123 mila nuovi posti Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils

kimbo shop ildenaro 016

B7, il senso di Confindustria per il Paese

Il linguaggio delle imprese e quello della politica si sta vistosamente divaricando. Lo confermano gli avvenimenti degli ultimi giorni che ricalcano un andamento iniziato già da qualche anno in corrispondenza della crisi economica i cui effetti continuano a manifestarsi in varie forme.


E mentre una preoccupante quantità di partiti si adatta al tanto peggio tanto meglio proponendo soluzioni che appaiono più pericolose del problema che si candidano a risolvere gli industriali si ritrovano tutti insieme a Roma per cercare di porre un argine alla pressione demagogica che confonde le idee.
E così presso la sede di Confindustria – alla presenza del premier Gentiloni e di una nutrita schiera di ministri - si sono confrontate le rappresentanze imprenditoriali di America, Giappone, Germania, Inghilterra, Francia, Canada e Italia: in pratica lo specchio economico (B7) del G7 politico che vedrà presto riuniti a Taormina i grandi della Terra.
La dichiarazione congiunta rilasciata dalle Associazioni industriali dei paesi più ricchi è sorprendente se rapportata al momento storico che stiamo vivendo e ribadisce con forza la preferenza per un sistema aperto e dialogante, senza barriere per merci e persone, moderno e connesso.


I produttori di reddito, insomma, sanno bene che per accrescere il benessere c’è bisogno di scambi più fitti e veloci; conoscono bene le dinamiche dello sviluppo e tentano di alzare la voce per farsi sentire da governi che mirano a ostacolare il libero scambio in nome di anacronistici nazionalismi.
La minaccia del neo presidente americano Donald Trump di mettere dazi su alcuni prodotti europei per reagire alla presunta chiusura nei confronti della carne di manzo non è che un anello della lunga catena di atti ostili coi quali leader più o meno autoritari ingombrano il campo delle relazioni internazionali.
La tentazione di rinchiudersi nelle quattro mura di casa per non disperdere neanche una goccia delle risorse disponibili può forse funzionare nel breve tempo ma è destinata a impoverire chi la pratica con ricadute disastrose proprio su quegli strati di popolazione che si afferma di voler proteggere.


Per questo collaborazione e cooperazione sono i vocaboli più usati da tutti i rappresentanti delle organizzazioni industriali, nessuno escluso, che sanno di avere problemi analoghi e hanno deciso di provare a rimuoverli insieme secondo la massima sempre in vigore dell’unione che fa la forza.
In base allo stesso principio hanno fatto blocco le Confindustrie di Germania e Italia - primo e secondo paese manifatturiero dell’Unione - consapevoli che la concorrenza si gioca su uno scacchiere globale in considerazione del quale la dimensione del Continente è l’unica possibile per non soccombere.
L’Europa costituisce l’area più affluente del mondo con un debito pubblico aggregato inferiore a quello degli Stati Uniti. Se fosse una vera federazione, e non una semplice somma di Stati per lo più malaticci e litigiosi, saprebbe meglio difendere tesori e prerogative che sarebbe delittuoso perdere.


La circostanza che questa presa di coscienza si sia cristallizzata in Italia nel doppio appuntamento del Business Europe della scorsa settimana sotto la guida di Emma Marcegaglia e dell’attuale B7 sotto il coordinamento di Vincenzo Boccia conferisce a Confindustria una centralità che può venir buona all’intero Paese.