Log in
NEWS
Carri di grano di Foglianise, successo per la sfilata dedicata alle zone terremotate Ravello for Africa, un concerto per il Burkina Faso Ferragosto, oltre 6200 visitatori al Museo di San Gennaro A Pompei nasce la "palestra per la legalità" Universiadi, delegazione campana a Taipei: presentato il report per Napoli 2019 Confapi Napoli, Falco: Male la Regione sui Fondi Ue Inchiesta Consip, torna libero Romeo: era ai domiciliari dal 4 luglio Regione, 10 milioni per i piani di efficientamento energetico delle Pmi: pubblicata la delibera Incendi: ancora fiamme sul Monte Faito, rogo a Maiori Libri, Amazon: Milano regina della lettura, male Napoli Ritorno alla Serenissima Pil, nel II trimestre +0,4% e +1,5% sull'anno: è l'aumento più alto da sei anni Eventi storici, una proposta di legge per valorizzare i più celebri palii italiani Napoli, De Magistris su Fb: Ferragosto giornata di solidarietà e integrazione Napoli, rifiuti e degrado in centro: la protesta dei residenti Ferragosto, boom di presenze al Museo di San Gennaro Ferragosto, più di 3mila alle visite guidate al S.Carlo Università, Sapienza prima in Italia: Federico II fuori dalla top 6 Regione, pubblicato il Piano strategico per l'internazionalizzazione: ecco il documento Quarto, presidio per riaprire Montagna Spacccata Canale 21, la programmazione per Napoli-Nizza Ambiente, 15 mln alle isoli minori per progetti di sostenibilità Miss Mondo Italia, tre napoletane sul podio della prima tappa regionale Meeting di Rimini, attesi sei ministri e tanti altri big: faccia a faccia Boccia-Furlan Torre del Greco, la maggioranza col sindaco arrestato: Dimostrerà la sua innocenza Reggia di Caserta, apertura straordinaria a ferragosto Ambiente, consumo del suolo e abusi: male la Campania Napoli, de Magistris su Fb: Azione forte e strutturale per la città Roghi, la condanna del Vescovo: Incendiari assassini, almeno l'Isis rivendica Teatro San Carlo, visite guidate e prove a Ferragosto Ambiente, un terzo della superficie bruciata nel 2017 è di valore naturalistico: Campania tra le più colpite Fca, cinesi pronti a rilevare l'azienda del Lingotto? Ddl Concorrenza, novità per professioni e imprese: ecco tutte le misure Pollena Trocchia, aperte le iscrizioni per l'asilo nido: struttura in funzione da metà settembre Capri, a ferragosto niente vetro ed alcol in spiaggia

kimbo shop ildenaro 016

Confindustria, l’impasto che serve all’Europa

Avere successo insieme o diventare irrilevanti separatamente è l’alternativa di fronte alla quale i presidenti delle Confindustrie europee dei Paesi fondatori hanno messo i rispettivi governi nel giorno del Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma. La dichiarazione è stata consegnata per tutti al presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni, al presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e lo sarà presto anche al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

Dal mondo imprenditoriale viene dunque uno stringente monito al mondo della politica e delle istituzioni. Che cosa vogliamo fare del nostro futuro mentre celebriamo il nostro passato? Ci faremo assalire e sconfiggere dai problemi che oggi nessuno può negare decidendo di andare ciascuno per la sua strada o sapremo recuperare i valori che diedero vita all’Unione rinverdendoli e rilanciandoli a beneficio di tutte le popolazioni?

La comunità delle imprese non ha dubbi e ribadisce il sostegno al progetto unitario che sarà anche in grave crisi ma, per parafrasare una celebre espressione, resta comunque il migliore che c’è. D’altra parte, si fa notare, non si possono dimenticare i progressi che il Vecchio Continente è riuscito a conseguire da quando si è consorziato e bisogna avere fiducia nella possibilità che le ragioni dello stare insieme ritrovino la voglia di farsi riconoscere e rispettare.

Non sfugge alla rappresentanza delle forze produttive il sentimento dei tempi fatto di una tale pasta di scetticismo da scadere nella voglia di protezionismo e quindi in un nuovo egoismo dal quale si attendono risposte che l’integrazione non ha saputo dare. I cambiamenti sono stati così veloci e radicali da aver sorpreso un po’ tutti e, sì, è vero che la reazione non è stata efficace e rapida come avrebbe dovuto anche a causa di un elefantismo che potevamo evitarci.

Ma gli errori commessi non devono essere la scusa per commetterne altri, magari ancora più grossi. La grande casa comune edificata per ottenere pace e crescita dopo anni di guerre e carestia deve tornare a fornire un tetto ristoratore per tutti i suoi abitanti e dunque dovrà modificare sensibilmente il suo funzionamento. Sempre meno macchina burocratica a beneficio di pochi privilegiati e non più camicia di forza per tanti suoi abitanti.

Il nodo che occorre sciogliere, come ormai risulta evidente, è di carattere economico. La rivoluzione tecnologica ha segnato un cambiamento epocale al quale non ci si può ribellare perché inutile e velleitario. Occorre invece comprenderne fino in fondo la portata per limitare le minacce che inevitabilmente comporta e ampliare le opportunità che contiene. Con nuove politiche, nuovi strumenti, nuove combinazioni di quelle e di questi.

Bisogna ritrovare il coraggio delle scelte giuste non perché agganciate a un parametro ma perché foriere di benessere per il maggior numero possibile di persone. Bisogna tornare a volare alto per restituire libertà e dignità ai popoli e ai singoli individui che li compongono. Dalle fabbriche, dai luoghi di produzione che rispondono tutti alle stesse leggi e dove si parla la stessa lingua, può nascere l’impasto per ristrutturare la grande e scricchiolante costruzione europea.