n63

Log in
NEWS
Forza Italia, nominati i componenti del coordinamento cittadino Universiadi, A. Cesaro (Fi): Il silenzio del ministro è un'occasione persa Giovanni Francesco Russo nuovo coordinatore di Campania Libera Napoli Turismo, domani al Med Festival Experience la firma all'intesa con Russia, Serbia e Brasile Volontariato al Sud, contributi alle coop sociali Go Sud, un concorso di idee per valorizzare i luoghi della cultura Le verità, presentato il thriller psicologico ambientato a Napoli Dal consolato spagnolo l'omaggio al connubio culturale con Napoli Sicurezza sul lavoro, al via l’assegnazione degli incentivi: domande fino al 5 giugno Unione Industriali, fronte comune tra Regione e imprese sullo sviluppo urbano Capitale europea dell’innovazione: primo premio da 1milione di euro Centenario Unione Industriali Napoli, De Vincenti: In moto investimenti importanti Centenario Unione Industriali Napoli, Boccia: In Italia troppi esperti del passato Centenario Unione Industriali Napoli, Prezioso: Bagnoli? Servono interventi choc Abc, all'azienda del Comune di Napoli il Premio Natura 2017 Centenario Unione Industriali Napoli,Pan: Il Sud snodo geopolitico chiave per l'Ue Centenario Unione Industriali Napoli,Arcuri: Appello al silenzio per Bagnoli Centenario Unione Industriali Napoli, Guido: Porti, puntare sull'internazionalizzazione Libri, sabato a Gaeta la presentazione del volume di Paolo Russo "Sua Eccellenza" Visionemotion, questa sera la videomostra personale di Salvio Vassallo Lepore sui giovani: Devono contribuire allo sviluppo Carabinieri aprono nuova caserma nel salernitano De Vincenti su Bagnoli: Presto la Cabina di regia Napoli, nella chiesa di S. Gregorio la commemorazione del genocidio armeno Turismo, Sorrento e Paestum le località che puntato più sul web Musica, apre in città prima sala della musica napoletana Cassa Rurale di Battipaglia e Montecorvino Rovella, nasce la Fondazione Aidepi, ecco la guida per abbinare pasta e condimento Giubileo Sepe, l'omelia dell'Arcivescovo: Insieme contro il grave cancro della malavita PizzaUnesco, il sottosegretario De Filippo firma la petizione Sud, Boccia: Spopolamento? Occorre reagire per evitare che accada Sisma, la Pro Loco di Montecorvino Rovella dona una ludoteca a Cittareale Alitalia, Boccia: Una vicenda specchio del Paese Sindaci della Costiera Amalfitana in campo per piano traffico Napoli, da Polizia Municipale retata contro taxi abusivi

kimbo shop ildenaro 016

Confindustria, l’impasto che serve all’Europa

Avere successo insieme o diventare irrilevanti separatamente è l’alternativa di fronte alla quale i presidenti delle Confindustrie europee dei Paesi fondatori hanno messo i rispettivi governi nel giorno del Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma. La dichiarazione è stata consegnata per tutti al presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni, al presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e lo sarà presto anche al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

Dal mondo imprenditoriale viene dunque uno stringente monito al mondo della politica e delle istituzioni. Che cosa vogliamo fare del nostro futuro mentre celebriamo il nostro passato? Ci faremo assalire e sconfiggere dai problemi che oggi nessuno può negare decidendo di andare ciascuno per la sua strada o sapremo recuperare i valori che diedero vita all’Unione rinverdendoli e rilanciandoli a beneficio di tutte le popolazioni?

La comunità delle imprese non ha dubbi e ribadisce il sostegno al progetto unitario che sarà anche in grave crisi ma, per parafrasare una celebre espressione, resta comunque il migliore che c’è. D’altra parte, si fa notare, non si possono dimenticare i progressi che il Vecchio Continente è riuscito a conseguire da quando si è consorziato e bisogna avere fiducia nella possibilità che le ragioni dello stare insieme ritrovino la voglia di farsi riconoscere e rispettare.

Non sfugge alla rappresentanza delle forze produttive il sentimento dei tempi fatto di una tale pasta di scetticismo da scadere nella voglia di protezionismo e quindi in un nuovo egoismo dal quale si attendono risposte che l’integrazione non ha saputo dare. I cambiamenti sono stati così veloci e radicali da aver sorpreso un po’ tutti e, sì, è vero che la reazione non è stata efficace e rapida come avrebbe dovuto anche a causa di un elefantismo che potevamo evitarci.

Ma gli errori commessi non devono essere la scusa per commetterne altri, magari ancora più grossi. La grande casa comune edificata per ottenere pace e crescita dopo anni di guerre e carestia deve tornare a fornire un tetto ristoratore per tutti i suoi abitanti e dunque dovrà modificare sensibilmente il suo funzionamento. Sempre meno macchina burocratica a beneficio di pochi privilegiati e non più camicia di forza per tanti suoi abitanti.

Il nodo che occorre sciogliere, come ormai risulta evidente, è di carattere economico. La rivoluzione tecnologica ha segnato un cambiamento epocale al quale non ci si può ribellare perché inutile e velleitario. Occorre invece comprenderne fino in fondo la portata per limitare le minacce che inevitabilmente comporta e ampliare le opportunità che contiene. Con nuove politiche, nuovi strumenti, nuove combinazioni di quelle e di questi.

Bisogna ritrovare il coraggio delle scelte giuste non perché agganciate a un parametro ma perché foriere di benessere per il maggior numero possibile di persone. Bisogna tornare a volare alto per restituire libertà e dignità ai popoli e ai singoli individui che li compongono. Dalle fabbriche, dai luoghi di produzione che rispondono tutti alle stesse leggi e dove si parla la stessa lingua, può nascere l’impasto per ristrutturare la grande e scricchiolante costruzione europea.