Log in
NEWS
Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese Erasmus giovani imprenditori global: le domande entro il 30 agosto Scavi di Pompei, ieri guasto all'impianto di illuminazione: le visite notturne riprendono Anche questo sarà il nostro tempo La consistenza dell’intangibile Torre del Greco, sciolto il Consiglio: arriva il commissario Attentato Barcellona, a Napoli bandiere a mezz'asta a Palazzo S. Giacomo La lezione di Roosevelt: un New Deal per l'Italia Ad ogni opera d'arte il giusto tipo d'esposizione Attacco terroristico a Barcellona: furgone contro la folla sulla Rambla, morti e feriti Guardia Sanframondi, ordinanza del sindaco: No a cellulari e filmati per il rito dei Flagellanti Il volo dell'angelo della console Usa a Napoli Il consolato d'Australia porta "Troppo Napoletano" ad Adelaide Luigi Mercogliano nominato nella direzione regionale di Fdi-An Parco Archeologico di Ercolano, visitatori in aumento: + 16,70% rispetto al 2016 Intesa Sanpaolo, a ferragosto oltre 4.000 visitatori a Palazzo Zevallos Aeroporti, l'Enac va avanti con la certificazione: Ok il 40% degli scali, c'è Napoli Morte garante detenuti, Palmieri: Amica delle persone fragili Morte Garante detenuti, E. Russo: Con lei la detenzione ha fatto progressi Periti industriali, Sansone: Pronti a collaborare per l’adeguamento degli impianti sportivi di Scampia Riforma Madia, altro stop sulla soppressione del Corpo Forestale: parola alla Corte Costituzionale Morte garante detenuti, Dap: Donna di grande valore Scavi di Pompei, al via il cantiere: entro il 2019 area interamente consolidata Regione, Caldoro: No agli aumenti gli stipendi dei manager della Sanità

kimbo shop ildenaro 016

Cento anni di Confindustria, Napoli sfida passato e futuro

1918-2017, l’Unione degli Industriali di Napoli compie 100 anni e decide di celebrare l’evento con una serie d’iniziative la prima delle quali è in calendario lunedì 27 e martedì 28 febbraio nel nuovo complesso dell’Università Federico II nato a San Giovanni nella fabbrica dismessa della Cirio che oggi ospita, tra molto altro, l’accademia della Apple.

Non a caso il tema unificante delle due giornate sarà l’innovazione e in particolare quella tecnologica legata al progetto conosciuto come Industria 4.0 sul quale Confindustria con il suo presidente Vincenzo Boccia si sta molto spendendo in affiancamento al ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda che ne ha fatto il punto qualificante della sua esperienza di governo.

Napoli, dunque, diventa tappa obbligata e privilegiata del road show confindustriale che dovrebbe rivoluzionare tecniche e comportamenti all’interno delle fabbriche perché recuperino capacità competitiva nei confronti dei concorrenti in Europa e nel resto del mondo con l’obiettivo di difendere confermare e possibilmente migliorare i primati conquistati nella manifattura.

Giovani, buone pratiche e successi imprenditoriali saranno al centro della manifestazione che invita a riflettere sull’energia che ha sempre alimentato l’azione di un popolo nato fortunato per la fertilità dei luoghi, la mitezza del clima, la centralità geografica e l’acutezza dell’ingegno che questa serie di circostanze ha naturalmente generato.

Antica e nobilissima, sinuosamente affacciata su uno dei golfi più suggestivi e luccicanti del globo, attorniata da bellezze impareggiabili, Napoli trae dalla profondità del mare dove si bagna e della potenza del fuoco che tiene sveglio il Vesuvio una capacità creativa che l’ha resa unica e irripetibile. Nel bene e purtroppo anche nel male come le cronache s’incaricano di ricordare.

Ora la città è chiamata a una nuova sfida e deve prepararsi a vincerla se non vuole perdere l’aggancio con la modernità compromettendo il proprio futuro. Non si tratta di rinnegare se stessa ma di recuperare la centralità perduta facendo leva su nuovi saperi e nuove abilità, nuove scoperte e nuove industrie. Per andare avanti la grande metropoli ha bisogno di recuperare l’orgoglio del suo passato.

Guardandosi dentro Napoli scoprirà di avere più forza e intelligenza imprenditoriale di quanto non sospetti. È vero che i grandi gruppi statali sono un ricordo (e purtroppo sulle loro ceneri poco o nulla è stato edificato) ma è anche vero che comincia a formarsi una rete di medie aziende con marchi e prodotti di tutto rispetto e già leader in patria e sui mercati internazionali.

Sono questi i campioni su cui sarà opportuno investire perché possano svolgere quel ruolo di driver dello sviluppo utile a far compiere all’intero sistema industriale un indispensabile salto culturale. Perché industria e cultura vanno a braccetto essendo l’una condizione dell’altra. E discendere dai pensatori della Magna Grecia potrebbe finalmente risultare un vantaggio.