n63

Log in
NEWS
Unione Industriali di Napoli, seminario sugli investimenti in Russia La Farnesina incontra le imprese, Brancaccio (Coelmo): Ambasciate incidano sulle Pmi La Farnesina incontra le imprese, Zigon (Getra): Necessario fare rete Napoli, sì del consiglio comunale a delibera sulle partecipate Cantone a Napoli lancia l'allarme: Corruzione è aumentata Heroes, al via la Prize Competition Cnr, superati i ritardi per il fascicolo elettronico Eccellenze Campane riceve visita del ministro Alfano Unipegaso, nuovo processo tributario: successo per il dibattito a Padula Maurizio Maddaloni nel consiglio nazionale di Confcommercio Malta Business, Passariello: Isola partner strategico, altro che Panama d'Europa Donne lavoratrici, 20% smette dopo nascita primo figlio Contributi aggiuntivi per la formazione, il bando di Fondimpresa Capri, completata messa in sicurezza dell'Arco Naturale Ministro Alfano a Napoli: Italia super potenza della cultura e della bellezza Prodotti di seconda mano, Campania seconda in Italia Sbarchi migranti, Campania terza regione per accoglienza La Ciità di Salerno licenzia, insorge il sindacato Fnsi Festival dello Sviluppo Sostenibile, Franceschini: Investire in cultura, antidoto ai populismi Cinema, Giffoni FIlm Festival patrimonio dell'Unesco: al via la richiesta Confindustria, Boccia: Non esiste una questione meridionale ma una questione Italia Asse Pascale-Cina, a Napoli 450 oncologi cinesi Allo show room della Lamborghini gli studenti incontrano il mondo del lavoro. Polizze assicurative, anche le non obbligatorie rientrano nel calcolo del Teg Vetrerie Empoli presenta a Perigi il calice che gira Indagine Unimpresa: La crisi ci è costata 960 miliardi di euro Sviluppo sostenibile, da oggi a Napoli primo Festival italiano Arte e gusto, Pasquale Palamaro a Casa Morra tra Duchamp e Cage Borsa della Ricerca, Boccia: Imprese in prima linea Ap, Alfano a Napoli presenta candidati alle Amministrative Mostra d'Oltremare, Oliviero: Preoccupa futuro di New Edenlandia Assessore Fortini su dispersione scolastica: E' al 30% Ercolano, ritorno nel Pd per due esuli: è polemica Pd, Bassolino con le mucche "sfida" Berlusconi: Silvio che dici? Rc auto, in Campania il 24% dei veicoli senza assicurazione

kimbo shop ildenaro 016

Cento anni di Confindustria, Napoli sfida passato e futuro

1918-2017, l’Unione degli Industriali di Napoli compie 100 anni e decide di celebrare l’evento con una serie d’iniziative la prima delle quali è in calendario lunedì 27 e martedì 28 febbraio nel nuovo complesso dell’Università Federico II nato a San Giovanni nella fabbrica dismessa della Cirio che oggi ospita, tra molto altro, l’accademia della Apple.

Non a caso il tema unificante delle due giornate sarà l’innovazione e in particolare quella tecnologica legata al progetto conosciuto come Industria 4.0 sul quale Confindustria con il suo presidente Vincenzo Boccia si sta molto spendendo in affiancamento al ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda che ne ha fatto il punto qualificante della sua esperienza di governo.

Napoli, dunque, diventa tappa obbligata e privilegiata del road show confindustriale che dovrebbe rivoluzionare tecniche e comportamenti all’interno delle fabbriche perché recuperino capacità competitiva nei confronti dei concorrenti in Europa e nel resto del mondo con l’obiettivo di difendere confermare e possibilmente migliorare i primati conquistati nella manifattura.

Giovani, buone pratiche e successi imprenditoriali saranno al centro della manifestazione che invita a riflettere sull’energia che ha sempre alimentato l’azione di un popolo nato fortunato per la fertilità dei luoghi, la mitezza del clima, la centralità geografica e l’acutezza dell’ingegno che questa serie di circostanze ha naturalmente generato.

Antica e nobilissima, sinuosamente affacciata su uno dei golfi più suggestivi e luccicanti del globo, attorniata da bellezze impareggiabili, Napoli trae dalla profondità del mare dove si bagna e della potenza del fuoco che tiene sveglio il Vesuvio una capacità creativa che l’ha resa unica e irripetibile. Nel bene e purtroppo anche nel male come le cronache s’incaricano di ricordare.

Ora la città è chiamata a una nuova sfida e deve prepararsi a vincerla se non vuole perdere l’aggancio con la modernità compromettendo il proprio futuro. Non si tratta di rinnegare se stessa ma di recuperare la centralità perduta facendo leva su nuovi saperi e nuove abilità, nuove scoperte e nuove industrie. Per andare avanti la grande metropoli ha bisogno di recuperare l’orgoglio del suo passato.

Guardandosi dentro Napoli scoprirà di avere più forza e intelligenza imprenditoriale di quanto non sospetti. È vero che i grandi gruppi statali sono un ricordo (e purtroppo sulle loro ceneri poco o nulla è stato edificato) ma è anche vero che comincia a formarsi una rete di medie aziende con marchi e prodotti di tutto rispetto e già leader in patria e sui mercati internazionali.

Sono questi i campioni su cui sarà opportuno investire perché possano svolgere quel ruolo di driver dello sviluppo utile a far compiere all’intero sistema industriale un indispensabile salto culturale. Perché industria e cultura vanno a braccetto essendo l’una condizione dell’altra. E discendere dai pensatori della Magna Grecia potrebbe finalmente risultare un vantaggio.