n63

Log in
NEWS
Napoli, limitazioni al traffico nel centro antico fino al 30 giugno Firema, riprende l'attività. De Luca: Salva grazie a commesse e investitori stranieri Psicologi, pronta la task force di assistenza ai migranti Eav, De Luca. Tre anni per concludere il piano di ammodernamento Start up, Fascione: Contributi a fondo perduto dalla Regione Sicurezza, mercoledì a Napoli vertice in prefettura Assocamerestero, accordo con Cfi per la promozione del sistema fieristico italiano Premio giovani talenti, a Ercolano i protagonisti della moda campana del futuro Eav, De Luca a un pendolare: Problemi? Serve tempo, non sono brioche Sicurezza, De Magistris su Fb: Lo Stato faccia di più Sicurezza, G. Alfano: Serve un piano straordinario per Napoli Eav, De Gregorio: A Pasqua del prossimo anno il Cuma Express Camorra, Verdi: Per sconfiggerla serve una reazione dei cittadini Nuoto, festa al Grand Prix di Napoli per Federica Pellegrini San Vitaliano, veglia di preghiera di solidarietà ai lavoratori del salumificio Spiezia Pd, Simone Valiante: Si apra una riflessione vera sull'Industria Dl manovra, Boccia: Voucher? Il futuro dell'Italia non passa di qui Migranti, a Napoli la nave di Msf con 1500 persone Salerno, i Neri per caso chiudono"Porto di Parole": c'è anche De Luca Capri Watch. il marchio campano protagonista al Roland Garros con tre testimonial Cai, Napoli capitale della montagna: c'è l'assemblea nazionale Mann, flash mob per dire no alla sentenza del Tar Università di Salerno, occhialini 3D per il piano formativo in live surgery Napoli, il ministro Orlando a de Magistris: Noi attenti alla città Ariano International Film Festival, presentata a Cannes la V edizione Napoli, cambia la giunta. Il sindaco: non c'è giudizio politico Napoli, de Magistris: Governo garantisca più risorse Bcc Napoli, bilancio di solidità Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default

kimbo shop ildenaro 016

Intelligenza e volontà fattori di ricchezza

 

Stupisce il dato della produzione industriale che a dicembre 2016 cresce dell’1,4 per cento su novembre e del 6,6 per cento sullo stesso mese dell’anno precedente. Stupisce ancora di più se si considera che l’aspettativa era per un calo. E le spiegazioni postume non possono che somigliare alla classica arrampicata sugli specchi.

Si legge nel bollettino dell’Istat che il successo è dovuto in buona misura all’export che si sta sostituendo come motore di crescita al mercato interno diventato praticamente piatto. In questo caso non partecipano alla festa i distretti del Mezzogiorno se è vero che il risultato finale è in flessione come il rapporto Monitor di Banca Intesa afferma.

Certo, al di là della specificità delle singole imprese ci sono settori che vanno bene e altri che vanno male. Ma la media che concorre formare la consistenza nazionale è sotto lo zero. Un segnale che indica un ulteriore allontanamento tra il Nord e il Sud del paese già distanti in termini economici (e non solo) più di quanto non accada altrove in l’Europa.

Siccome è bene guardare al bicchiere mezzo pieno è possibile che il sistema produttivo ampiamente inteso stia recuperando produttività e quindi capacità competitiva attraverso aggiustamenti che ciascun capo azienda sta introducendo in fabbrica e in ufficio consapevole di essere alle prese con una lotta bruta per la sopravvivenza.

L’Italia possiede la seconda manifattura d’Europa dietro la ferrea Germania e sopravanza di poco la Francia invidiosa che tenta il recupero. Bisogna difendere le posizioni acquisite e conquistarne di nuove in un mondo nel quale le relazioni minacciano di farsi sempre più dure e somiglianti ai leader che s’impongono via via sulla scena.

Purtroppo non manca il bicchiere mezzo vuoto ed è rappresentato dall’endemica mancanza di occupazione soprattutto tra i giovani e in particolare meridionali. La tecnologia sta distruggendo posti che non sono rimpiazzati. E nessuno sa se lo saranno mai perché il cambiamento è così radicale da non somigliare a niente che si sia già sperimentato.

Con una coraggiosa iniziativa la Curia di Napoli ha chiamato a raccolta cento vescovi per parlare all’ombra del Vesuvio di Chiesa e Lavoro. Non un’invasione nel campo della politica, per quanto sguarnito sia stato lasciato, ma la presa di coscienza che a fenomeni eccezionali si risponde con eccezionali misure. Uno stimolo a ricordare che la questione è viva.

All’invito del Cardinale Crescenzio Sepe hanno risposto istituzioni locali e nazionali con una diffusa presenza delle regioni meridionali che più avvertono il problema e al tempo stesso possiederebbero gli strumenti per risolverlo. Ma, per quanto necessaria, una sana e buona amministrazione non è sufficiente a fornire risposte a domande sempre più complesse.

Oggi più di ieri occorre aggiungere ai fattori da cui dipende la ricchezza delle nazioni i due già raccomandati ai suoi contemporanei da Carlo Cattaneo: intelligenza e volontà.