n63

Log in
NEWS
De Luca allo stadio per Salernitana-Ascoli Confindustria incontra il territorio, venerdì appuntamento a San Marco dei Cavoti Scuola, si avvicina la pausa di Pasqua: stop alle lezioni dal 13 al 18 aprile Voucher, Confesercenti: Occupazione a rischio in 1 impresa su 2 Busitalia, in arrivo 10 nuovi mezzi a Salerno Letteratura, presentato premio nazionale Amerigo delle Quattro Libertà Verdi, continua l'Open space a Roma: c'è anche De Magistris Banco di Napoli Intesa Sanpaolo, Monte di Pietà in vendita: dove nacque la lotta alla usura Disarmiamo l'ignoranza, mostra d'arte a San Giorgio Confindustria, l’impasto che serve all’Europa Nozze d'argento per il Fai: 59 siti aperti solo in Campania Ap, Alfano: A Benevento il primo gruppo provinciale Vincenzo Schiavo eletto presidente di Confesercenri Campania-Molise Imprese di assicurazione, dati in calo ma mercato solido Comune di Napoli, lettera contro il rischiio crac: Dirigenti, recuperate risorse Magna Group assume gli ex Capaldo Ambiente, anche a Napoli iniziative per l'Ora della Terra Avvocati, i matrimonialisti si confrontano sulla nuova condizione dei padri Flora Beneduce (FI): La Regione accolga l'appello dei produttori a difesa dell’olio dei nostri territori Vincenzo Sbrescia (Fare Ambiente): L’Europa al crocevia della storia Chiamarsi Italiano e Cittadino d’Europa. Federalberghi Salerno, indagine sui B&B Fondi europei, un progetto per fare rete: da EUBE e LUPT mano tesa alle imprese Gli sperimentatori e la sindrome del "successo come al solito" Agenzie di stampa, 24 ore di sciopero Napoli, dopo Pasqua via a progetto Bagnoli Borsa mediterranea del Turismo, folla allo stand Blu Hotels per i calciatori del Napoli Confindustria Benevento, il 31 incontro con gli iscritti a San Marco dei Cavoti Mdp, sabato 1° aprile a Napoli la prima assemblea nazionale dei comitati promotori Fondi Ue, De Luca: Rendicontato il 104% del ciclo 2007-2013 Napoli, Bilancio 2017-2019: confermate le tariffe per rifiuti, Imu e Tasi Amministratori professionisti, la sicurezza in condominio: confronto tra categorie Ragazzi incattiviti: la legge del bullismo Credito delle Pmi, 225 mln ai Confidi: domande dal 2 maggio Afragola, sì ai progetti di riqualificazione nei quartieri dellarea Tav

kimbo shop ildenaro 016

Italia – Germania, fine dell’austerità

Il metodo prima di tutto. Così convincente da indurre i premier Angela Merkel e Claudio Gentiloni a mettere il sigillo all’incontro di Berlino tra il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia e il suo omologo tedesco Dieter Kempf (in sella da in paio di settimane ma perfettamente in linea con il predecessore Ulrich Grillo) sulla necessità di collaborare per riportare la politica industriale al centro dell’attenzione dei due paesi e quindi dell’Europa.

Non a caso l’appuntamento è ospitato dal ministro federale dell’Economia Sigmar Gabriel alla presenza del collega italiano Carlo Calenda mettendo per la prima volta insieme, come lo stesso Gentiloni tiene a sottolineare, governi e comunità degli affari. Con la conseguenza di stroncare sul nascere la polemica sulle emissioni delle auto Fca perché non bisogna dividersi nel Vecchio Continente ma fronteggiare insieme il nemico esterno.

La triplice pressione cui l’Ue è sottoposta dal nuovo credo americano incarnato da Donald Trump, dall’attivismo russo di Vladimr Putin e dalle mire espansionistiche della Cina di XI Jinping dev’essere cosi forte in Germania – ritenuta a torto o a ragione il cardine della costruzione europea – che si è potuto impunemente parlare di crescita e solo poi di stabilità senza che la cancelliera abbia fatto una piega nonostante le elezioni alle porte.

È finita l’austerità, affermano in un modo o nell’altro tutti gli interlocutori preoccupati di opporre una diga ai populismi che si nutrono dello scontento per le peggiorate condizioni di vita e l’assoluta mancanza di visibilità e quindi di fiducia nel futuro. Le istituzioni, incapaci di fornire risposte, appaiono delegittimate di fronte agli elettori che cercano scorciatoie pericolose regalando illusioni destinate a infrangersi di fronte alla durezza della realtà.

Dunque c’è bisogno di una nuova sensibilità che parta dall’ascolto dei cittadini, singoli individui e società, e si fondi su azioni concrete per lo sviluppo e il benessere. Da qui il patto stretto tra le organizzazioni della prima e della seconda manifattura d’Europa (con l’intesa d’invitare presto la Francia) per guidare il cambiamento e proporre soluzioni congiunte alla politica alla quale si chiede di apprestare gli strumenti per rendere indolori le riforme.

Fondato sulla Carta di Bolzano, sottoscritta nello scorso ottobre tra gli industriali italiani e tedeschi, l’accordo ha già prodotto un documento congiunto sulle banche che rappresenta una vera e propria rivoluzione per la comunanza di vedute su temi caldi come il fondo di garanzia, la risoluzione delle crisi di sistema e la richiesta di maggiore credito a beneficio delle piccole e medie imprese. Un risultato impensabile fino a pochi mesi fa.

L’industria alla quale Boccia e Kempf pensano per restituire all’Europa un assetto competitivo è naturalmente quella ormai conosciuta come 4.0 e cioè ad alta intensità d’investimento e d’innovazione. Ed è proprio sulla necessità d’innovare e investire che si è battuto molto a Berlino perché occorre liberare progetti e capitali in grado di favorire quell’occupazione che in Germania si preoccupano di mantenere e in Italia dobbiamo di nuovo imparare a creare.