n63

Log in
NEWS
Psicologi, da Napoli le linee guida nazionali per internet Apple, nuovo bando per la Developer Academy La bella favola di Macron Fiera agricola, successo per la 12° edizione. In ripresa il mercato dei trattori I segreti dell'energia vitale: vivere meglio, belli e a lungo Funder 35, via al nuovo bando: 2,65 mln per le imprese culturali no profit Sicurezza sul lavoro, Palmeri: In Campania pronto il bando sui fondi "morti bianche" Turismo, 5 mln di presenze per il ponte del 1° maggio: Napoli tra le mete più gettonate Napoli, de Magistris lancia spot 5 x mille per finanziare il welfare in città Scavi di Ercolano, riaprono tre Domus e le Terme maschili Consulenti del Lavoro, da Napoli parte lo sportello telematico per le segnalazioni di esecizio abusivo Boom accessi in pronto soccorso: al Cardarelli tornano le barelle Ntv celebra i 5 anni dal primo viaggio di Italo Comitato unitario delle Professioni, mercoledì 3 maggio incontro con Poletti Università, alla Parthenope nuovo corso di studi in Scienze nautiche Pd, Bassolino: Tempo perso tra congresso e primarie scontate Forum Project Games, contest per i giovani con fantabudget di 50mila euro Napoli, de Magistris: Su Bagnoli urge incontro non tecnico con De Vincenti Digital Magics, nuova call per le start up innovative: in palio 5mila euro Forza Italia, nominati i componenti del coordinamento cittadino Universiadi, A. Cesaro (Fi): Il silenzio del ministro è un'occasione persa Giovanni Francesco Russo nuovo coordinatore di Campania Libera Napoli Turismo, domani al Med Festival Experience la firma all'intesa con Russia, Serbia e Brasile Volontariato al Sud, contributi alle coop sociali Go Sud, un concorso di idee per valorizzare i luoghi della cultura Le verità, presentato il thriller psicologico ambientato a Napoli Dal consolato spagnolo l'omaggio al connubio culturale con Napoli Sicurezza sul lavoro, al via l’assegnazione degli incentivi: domande fino al 5 giugno Unione Industriali, fronte comune tra Regione e imprese sullo sviluppo urbano Capitale europea dell’innovazione: primo premio da 1milione di euro Centenario Unione Industriali Napoli, De Vincenti: In moto investimenti importanti Centenario Unione Industriali Napoli, Boccia: In Italia troppi esperti del passato Centenario Unione Industriali Napoli, Prezioso: Bagnoli? Servono interventi choc Abc, all'azienda del Comune di Napoli il Premio Natura 2017 Centenario Unione Industriali Napoli,Pan: Il Sud snodo geopolitico chiave per l'Ue

kimbo shop ildenaro 016

Italia – Germania, fine dell’austerità

Il metodo prima di tutto. Così convincente da indurre i premier Angela Merkel e Claudio Gentiloni a mettere il sigillo all’incontro di Berlino tra il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia e il suo omologo tedesco Dieter Kempf (in sella da in paio di settimane ma perfettamente in linea con il predecessore Ulrich Grillo) sulla necessità di collaborare per riportare la politica industriale al centro dell’attenzione dei due paesi e quindi dell’Europa.

Non a caso l’appuntamento è ospitato dal ministro federale dell’Economia Sigmar Gabriel alla presenza del collega italiano Carlo Calenda mettendo per la prima volta insieme, come lo stesso Gentiloni tiene a sottolineare, governi e comunità degli affari. Con la conseguenza di stroncare sul nascere la polemica sulle emissioni delle auto Fca perché non bisogna dividersi nel Vecchio Continente ma fronteggiare insieme il nemico esterno.

La triplice pressione cui l’Ue è sottoposta dal nuovo credo americano incarnato da Donald Trump, dall’attivismo russo di Vladimr Putin e dalle mire espansionistiche della Cina di XI Jinping dev’essere cosi forte in Germania – ritenuta a torto o a ragione il cardine della costruzione europea – che si è potuto impunemente parlare di crescita e solo poi di stabilità senza che la cancelliera abbia fatto una piega nonostante le elezioni alle porte.

È finita l’austerità, affermano in un modo o nell’altro tutti gli interlocutori preoccupati di opporre una diga ai populismi che si nutrono dello scontento per le peggiorate condizioni di vita e l’assoluta mancanza di visibilità e quindi di fiducia nel futuro. Le istituzioni, incapaci di fornire risposte, appaiono delegittimate di fronte agli elettori che cercano scorciatoie pericolose regalando illusioni destinate a infrangersi di fronte alla durezza della realtà.

Dunque c’è bisogno di una nuova sensibilità che parta dall’ascolto dei cittadini, singoli individui e società, e si fondi su azioni concrete per lo sviluppo e il benessere. Da qui il patto stretto tra le organizzazioni della prima e della seconda manifattura d’Europa (con l’intesa d’invitare presto la Francia) per guidare il cambiamento e proporre soluzioni congiunte alla politica alla quale si chiede di apprestare gli strumenti per rendere indolori le riforme.

Fondato sulla Carta di Bolzano, sottoscritta nello scorso ottobre tra gli industriali italiani e tedeschi, l’accordo ha già prodotto un documento congiunto sulle banche che rappresenta una vera e propria rivoluzione per la comunanza di vedute su temi caldi come il fondo di garanzia, la risoluzione delle crisi di sistema e la richiesta di maggiore credito a beneficio delle piccole e medie imprese. Un risultato impensabile fino a pochi mesi fa.

L’industria alla quale Boccia e Kempf pensano per restituire all’Europa un assetto competitivo è naturalmente quella ormai conosciuta come 4.0 e cioè ad alta intensità d’investimento e d’innovazione. Ed è proprio sulla necessità d’innovare e investire che si è battuto molto a Berlino perché occorre liberare progetti e capitali in grado di favorire quell’occupazione che in Germania si preoccupano di mantenere e in Italia dobbiamo di nuovo imparare a creare.