n63

Log in
NEWS
De Luca allo stadio per Salernitana-Ascoli Confindustria incontra il territorio, venerdì appuntamento a San Marco dei Cavoti Scuola, si avvicina la pausa di Pasqua: stop alle lezioni dal 13 al 18 aprile Voucher, Confesercenti: Occupazione a rischio in 1 impresa su 2 Busitalia, in arrivo 10 nuovi mezzi a Salerno Letteratura, presentato premio nazionale Amerigo delle Quattro Libertà Verdi, continua l'Open space a Roma: c'è anche De Magistris Banco di Napoli Intesa Sanpaolo, Monte di Pietà in vendita: dove nacque la lotta alla usura Disarmiamo l'ignoranza, mostra d'arte a San Giorgio Confindustria, l’impasto che serve all’Europa Nozze d'argento per il Fai: 59 siti aperti solo in Campania Ap, Alfano: A Benevento il primo gruppo provinciale Vincenzo Schiavo eletto presidente di Confesercenri Campania-Molise Imprese di assicurazione, dati in calo ma mercato solido Comune di Napoli, lettera contro il rischiio crac: Dirigenti, recuperate risorse Magna Group assume gli ex Capaldo Ambiente, anche a Napoli iniziative per l'Ora della Terra Avvocati, i matrimonialisti si confrontano sulla nuova condizione dei padri Flora Beneduce (FI): La Regione accolga l'appello dei produttori a difesa dell’olio dei nostri territori Vincenzo Sbrescia (Fare Ambiente): L’Europa al crocevia della storia Chiamarsi Italiano e Cittadino d’Europa. Federalberghi Salerno, indagine sui B&B Fondi europei, un progetto per fare rete: da EUBE e LUPT mano tesa alle imprese Gli sperimentatori e la sindrome del "successo come al solito" Agenzie di stampa, 24 ore di sciopero Napoli, dopo Pasqua via a progetto Bagnoli Borsa mediterranea del Turismo, folla allo stand Blu Hotels per i calciatori del Napoli Confindustria Benevento, il 31 incontro con gli iscritti a San Marco dei Cavoti Mdp, sabato 1° aprile a Napoli la prima assemblea nazionale dei comitati promotori Fondi Ue, De Luca: Rendicontato il 104% del ciclo 2007-2013 Napoli, Bilancio 2017-2019: confermate le tariffe per rifiuti, Imu e Tasi Amministratori professionisti, la sicurezza in condominio: confronto tra categorie Ragazzi incattiviti: la legge del bullismo Credito delle Pmi, 225 mln ai Confidi: domande dal 2 maggio Afragola, sì ai progetti di riqualificazione nei quartieri dellarea Tav

kimbo shop ildenaro 016

Visione lunga e tempi rapidi Il successo a portata di mano

Un piano per includere giovani e immigrati nelle fabbriche italiane è allo studio di Confindustria e il presidente Vincenzo Boccia approfitta di un convegno a Salerno sulla sicurezza per accennarlo al neo ministro dell’Interno Marco Minniti che di rimando auspica una forte convergenza tra imprenditoria sana e Stato per combattere mafia e corruzione e garantire il libero mercato.

Un esempio di quella visione lunga di cui Boccia aveva parlato all’assemblea degli industriali del Molise riuniti a Pozzilli (Isernia) alla presenza del neo ministro del Mezzogiorno Claudio De Vincenti impegnato nell’applicazione dei Patti con Regioni e Città metropolitane e dell’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri che porta in dote i suoi preziosi contratti di sviluppo.

All’orizzonte si profila la sagoma del Patto per la Fabbrica che gli imprenditori propongono ai sindacati per conferire alle relazioni industriali il peso di un decisivo fattore di competitività. Nel solco del principio della corresponsabilità nessuno può chiamarsi fuori nello sforzo di costruire quella ricchezza che andrà distribuita per combattere il male assoluto della povertà.

Dario Scannapieco, vice presidente della Banca Europea per gli Investimenti (Bei), annuncia nella conferenza stampa ospitata quest’anno dal ministro dell’Economia Piercarlo Padoan che il numero delle piccole imprese italiane finanziate nel 2016 è più che raddoppiato rispetto al 2015 (35.900 contro 15.480) per un totale di 682mila posti di lavoro assistiti.

Non è l’unica buona notizia che viene dalla Bei (Padoan ne ha tessuto espressamente le lodi) ma è la più significativa nel campo dell’economia reale dove si registrano le maggiori difficoltà fuori e dentro i confini nazionali e da cui ci si aspetta una reazione in grado di trasformare in crescita e occupazione i deboli segnali di ripresa che da più parti cominciano a essere avvistati.

Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda punta forte sul progetto che porta il nome di Industria 4.0 e che dovrebbe trasformare l’apparato manifatturiero nazionale in un sistema moderno e ad alto valore aggiunto. Condizione indispensabile per conservare la posizione di secondo Paese industriale d’Europa dopo la Germania e magari provare a diventare primi.

Il progetto Elite di Borsa Italiana, condiviso con l’associazione degli industriali, rappresenta una piattaforma molto utile per quelle aziende capaci di creare valore ma prive delle risorse necessarie. L’obiettivo è mettere insieme almeno mille realtà da offrire all’attenzione d’investitori nazionali ed esteri che potrebbero essere invogliati a scommettere su di loro.

Nonostante i numeri aggregati raccontino ancora di un paese ripiegato su se stesso esistono ragioni che potrebbero suggerire un ritorno all’ottimismo se soltanto fossimo in grado di utilizzare al meglio la strumentazione di cui ci stiamo dotando. E, naturalmente, riuscissimo a capire che il tempo non è una variabile indipendente ma una condizione indispensabile per il successo.