Log in
NEWS
Artriti croniche, ecco la nuova App per giovani pazienti Via al Reddito di inclusione: ecco come richiedere il sussidio Enpam, 30milioni di incentivi ai giovani medici per l'acquisto di un ambulatorio Regione, sostegno a investimenti nelle aziende agricole, Coldiretti chiede la proroga Cisl, Furlan: Oggi per la Campania scriviamo un nuovo libro Natale, Sos Confcommercio: rischio Napoli a luci spente Capodichino, cancellati 9 voli per la nebbia Regione, Cesaro (Fi): su Sma Bonavitacola assente, lavoratori a rischio 24Finance, acquisita Miafin M5S, consiglieri regionali si tagliano stipendi e donano attrezzature al Loreto Mare Doriana Buonavita eletta nuovo segretario della Cisl Campania Alis, Grimaldi: Realtà ormai riconosciuta a livello internazionale Unicredit, tour Champions League a Napoli: c'è anche Zola Blunauta inaugura una nuova boutique a Napoli Qatar, contratto da 9 mln di euro alla 3Ti Progetti per la Metro di Doha Clp, addetti sul piede di guerra: Nessun pagamento da settembre Atradius, studio su export e mercati di Asia e Pacifico: fatture pagate sempre in ritardo Ddl Falanga su sanatoria degli abusi edilizi in Campania torna alla Camera. Barricate del Wwf Groupon: I campani che vanno fuori a cena preferiscono le cucine giapponese e spagnola "Con gli occhi di Mario", al Maschio Angioino mostra fotografica dedicata a Berlinguer VelAccessibile, al via la campagna di crowdfunding con Meridonare per la velaterapia Inner Wheel, con Rivieccio per sorridere nel segno del sociale Russia-Ucraina, alta tensione Molestie sul lavoro, per combatterle le aziende avviano programmi di formazione Macedonia, da domani a Skopje appuntamento con il format del Giffoni Film Festival Psicologi, ecco la mappa degli iscritti all'Ordine in Campania Società Italiana di Oftalmologia Genetica, da domani il congresso nazionale a Napoli Tasse, indagine Cgia: ogni campano versa allo stato quasi 6mila euro l'anno Antico Setificio di San Leucio, speciale tour gastronomico con le tipicità casertane BabBarattolo, il dolce storico napoletano ora è in formato da viaggio Fca, a Pomigliano raccolta firme per far partire il nuovo piano industriale Libri, a Roma la presentazione della storia di Antonio Tessitore Cesare Moreno vince il Premio Napoli Cultura 2017 Confesercenti Salerno presenta un progetto sulle nuove strategie di vendita per i negozi di vicinato A Grazzanise le celebrazioni per i 50 anni del 9° Stormo dell'Aeronautica

kimbo shop ildenaro 016

Disuguaglianza

Tre circostanze inducono ad affrontare all’inizio del nuovo anno il tema assai spinoso della diseguaglianza: il tradizionale discorso in Tv del Capo dello Stato, la morte dell’economista inglese Tony Atkinson e la circolazione di un libro controcorrente scritto dal giornalista liberale Nicola Porro per La nave di Teseo.

Nei primi due casi – che riguardano le tesi di Atkinson e del presidente Mattarella – la disuguaglianza è un male da combattere. Meglio, è uno dei mali da combattere con maggiore vigore per avere una società più giusta; il vice direttore del Giornale e conduttore televisivo è di tutt’altro avviso.

Il pensatore britannico è anche il padre intellettuale di Thomas Piketty, economista francese diventato una star per aver scritto uno dei libri più citati (ma non si sa quanto letti) degli ultimi anni come Il capitale del XXI secolo che dell’avversione alle disuguaglianze ha fatto il suo scalpitante cavallo di battaglia.

Parliamo qui di disuguaglianza nei risultati, della forbice sempre più larga tra chi ha poco e chi ha molto. Anzi, molto molto: così tanto da risultare disgustoso e quindi criticabile e criticato da chi sostiene che la loro condizione privilegiata – meritata o meno – sia di per sé una minaccia per la società.

Da un punto di vista economico, Porro si sforza di dimostrare chiamando a raccolta una serie di testimoni di-non-sinistra, che la tesi non regge. Chi ha tanto non toglie nulla a chi ha poco. E sarebbe davvero triste una comunità che nel rispetto del principio dell’uguaglianza fosse composta di soli poveri.

La disuguaglianza, al contrario, dovrebbe essere la molla del miglioramento individuale e collettivo. Un invito all’emulazione, a far meglio e di più, a ingegnarsi per raggiungere le vette degli altri. Invece che essere ammirati gli uomini di successo sono guardati con sospetto.

Il presupposto sta in un’orrenda cultura dell’alibi che scarica su chi sta meglio la frustrazione di chi sta peggio. Chi non raggiunge gli obiettivi desiderati non si limita a fare come la volpe con l’uva voltando le spalle all’oggetto del desiderio ma deve anche demolire chi riesce nell’intento.

Dalle nostre parti questo atteggiamento si chiama invidia ed è una delle peggiori attitudini dell’animo umano, particolarmente sviluppata in Italia e così diffusa nel Mezzogiorno da rendere antipatica qualsiasi affermazione. Chi arriva è certamente un ladro, un colluso, un poco di buono.

Cosicché una comunità formata da una moltitudine di soggetti egualmente sfigati è da preferire a un consesso dove le diversità si vedono e si possono apprezzare. La gara è verso il basso: se io non posso arricchirmi non devi farlo neanche tu. Il merito è un fastidio, chi si afferma un pericolo.

Così si distoglie l’attenzione dal vero nemico che è la povertà, questa sì da contrastare con ogni mezzo. E non c’è niente di più salutare per un povero che poter beneficiare delle risorse sottratte ai ricchi con le manovre distributive che tutti i governi hanno imparato a praticare con destrezza.

La questione della disuguaglianza, dunque, non ha certo natura economica ma sociale e politica perché si prendono più applausi e voti gridando all’untore che richiamando tutti alle proprie responsabilità garantendo la vera uguaglianza che conta e che riguarda condizioni di partenza e regole del gioco.