Log in
NEWS
Roghi, emergenza sui Monti Lattari: fiamme vicino ad hotel Napoli, Moxedano: Situazione trasporti sempre più complicata Confartigianato: Le Pmi italiane pagano l'energia il 29% in più rispetto alla media Ue Montenero, al via la prima edizione di "Corti al Mulino" Premio Capri Danza International, al via la V edizione alla Certosa di San Giacomo Attentato Barcellona, a Napoli rafforzate le misure di sicurezza Diwine Jazz Festival, a Montecorice quattro serate tra vino e buona musica Da Pasqualino, omaggio a Capri: ecco i faraglioni di pizza Ermanno Russo: Che errore depotenziare l'oculistica al Vecchio Pellegrini Napoli, Comune: Dal 28 ordinanza per fornire indicazioni sui vaccini Geometri, Carlino: Al fianco dei periti industriali per il campetto a Scampia Estate, 38 mln di italiani in vacanza: tra i souvenir i prodotti tipici del territorio Giovani Confapi Napoli, Marrone: Bene l'occupazione, investire sulla formazione Lavoro, dati Cgia: nell'ultima parte dell'anno 123 mila nuovi posti Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese

kimbo shop ildenaro 016

Disuguaglianza

Tre circostanze inducono ad affrontare all’inizio del nuovo anno il tema assai spinoso della diseguaglianza: il tradizionale discorso in Tv del Capo dello Stato, la morte dell’economista inglese Tony Atkinson e la circolazione di un libro controcorrente scritto dal giornalista liberale Nicola Porro per La nave di Teseo.

Nei primi due casi – che riguardano le tesi di Atkinson e del presidente Mattarella – la disuguaglianza è un male da combattere. Meglio, è uno dei mali da combattere con maggiore vigore per avere una società più giusta; il vice direttore del Giornale e conduttore televisivo è di tutt’altro avviso.

Il pensatore britannico è anche il padre intellettuale di Thomas Piketty, economista francese diventato una star per aver scritto uno dei libri più citati (ma non si sa quanto letti) degli ultimi anni come Il capitale del XXI secolo che dell’avversione alle disuguaglianze ha fatto il suo scalpitante cavallo di battaglia.

Parliamo qui di disuguaglianza nei risultati, della forbice sempre più larga tra chi ha poco e chi ha molto. Anzi, molto molto: così tanto da risultare disgustoso e quindi criticabile e criticato da chi sostiene che la loro condizione privilegiata – meritata o meno – sia di per sé una minaccia per la società.

Da un punto di vista economico, Porro si sforza di dimostrare chiamando a raccolta una serie di testimoni di-non-sinistra, che la tesi non regge. Chi ha tanto non toglie nulla a chi ha poco. E sarebbe davvero triste una comunità che nel rispetto del principio dell’uguaglianza fosse composta di soli poveri.

La disuguaglianza, al contrario, dovrebbe essere la molla del miglioramento individuale e collettivo. Un invito all’emulazione, a far meglio e di più, a ingegnarsi per raggiungere le vette degli altri. Invece che essere ammirati gli uomini di successo sono guardati con sospetto.

Il presupposto sta in un’orrenda cultura dell’alibi che scarica su chi sta meglio la frustrazione di chi sta peggio. Chi non raggiunge gli obiettivi desiderati non si limita a fare come la volpe con l’uva voltando le spalle all’oggetto del desiderio ma deve anche demolire chi riesce nell’intento.

Dalle nostre parti questo atteggiamento si chiama invidia ed è una delle peggiori attitudini dell’animo umano, particolarmente sviluppata in Italia e così diffusa nel Mezzogiorno da rendere antipatica qualsiasi affermazione. Chi arriva è certamente un ladro, un colluso, un poco di buono.

Cosicché una comunità formata da una moltitudine di soggetti egualmente sfigati è da preferire a un consesso dove le diversità si vedono e si possono apprezzare. La gara è verso il basso: se io non posso arricchirmi non devi farlo neanche tu. Il merito è un fastidio, chi si afferma un pericolo.

Così si distoglie l’attenzione dal vero nemico che è la povertà, questa sì da contrastare con ogni mezzo. E non c’è niente di più salutare per un povero che poter beneficiare delle risorse sottratte ai ricchi con le manovre distributive che tutti i governi hanno imparato a praticare con destrezza.

La questione della disuguaglianza, dunque, non ha certo natura economica ma sociale e politica perché si prendono più applausi e voti gridando all’untore che richiamando tutti alle proprie responsabilità garantendo la vera uguaglianza che conta e che riguarda condizioni di partenza e regole del gioco.