n63

Log in
NEWS
Psicologi, da Napoli le linee guida nazionali per internet Apple, nuovo bando per la Developer Academy La bella favola di Macron Fiera agricola, successo per la 12° edizione. In ripresa il mercato dei trattori I segreti dell'energia vitale: vivere meglio, belli e a lungo Funder 35, via al nuovo bando: 2,65 mln per le imprese culturali no profit Sicurezza sul lavoro, Palmeri: In Campania pronto il bando sui fondi "morti bianche" Turismo, 5 mln di presenze per il ponte del 1° maggio: Napoli tra le mete più gettonate Napoli, de Magistris lancia spot 5 x mille per finanziare il welfare in città Scavi di Ercolano, riaprono tre Domus e le Terme maschili Consulenti del Lavoro, da Napoli parte lo sportello telematico per le segnalazioni di esecizio abusivo Boom accessi in pronto soccorso: al Cardarelli tornano le barelle Ntv celebra i 5 anni dal primo viaggio di Italo Comitato unitario delle Professioni, mercoledì 3 maggio incontro con Poletti Università, alla Parthenope nuovo corso di studi in Scienze nautiche Pd, Bassolino: Tempo perso tra congresso e primarie scontate Forum Project Games, contest per i giovani con fantabudget di 50mila euro Napoli, de Magistris: Su Bagnoli urge incontro non tecnico con De Vincenti Digital Magics, nuova call per le start up innovative: in palio 5mila euro Forza Italia, nominati i componenti del coordinamento cittadino Universiadi, A. Cesaro (Fi): Il silenzio del ministro è un'occasione persa Giovanni Francesco Russo nuovo coordinatore di Campania Libera Napoli Turismo, domani al Med Festival Experience la firma all'intesa con Russia, Serbia e Brasile Volontariato al Sud, contributi alle coop sociali Go Sud, un concorso di idee per valorizzare i luoghi della cultura Le verità, presentato il thriller psicologico ambientato a Napoli Dal consolato spagnolo l'omaggio al connubio culturale con Napoli Sicurezza sul lavoro, al via l’assegnazione degli incentivi: domande fino al 5 giugno Unione Industriali, fronte comune tra Regione e imprese sullo sviluppo urbano Capitale europea dell’innovazione: primo premio da 1milione di euro Centenario Unione Industriali Napoli, De Vincenti: In moto investimenti importanti Centenario Unione Industriali Napoli, Boccia: In Italia troppi esperti del passato Centenario Unione Industriali Napoli, Prezioso: Bagnoli? Servono interventi choc Abc, all'azienda del Comune di Napoli il Premio Natura 2017 Centenario Unione Industriali Napoli,Pan: Il Sud snodo geopolitico chiave per l'Ue

kimbo shop ildenaro 016

Disuguaglianza

Tre circostanze inducono ad affrontare all’inizio del nuovo anno il tema assai spinoso della diseguaglianza: il tradizionale discorso in Tv del Capo dello Stato, la morte dell’economista inglese Tony Atkinson e la circolazione di un libro controcorrente scritto dal giornalista liberale Nicola Porro per La nave di Teseo.

Nei primi due casi – che riguardano le tesi di Atkinson e del presidente Mattarella – la disuguaglianza è un male da combattere. Meglio, è uno dei mali da combattere con maggiore vigore per avere una società più giusta; il vice direttore del Giornale e conduttore televisivo è di tutt’altro avviso.

Il pensatore britannico è anche il padre intellettuale di Thomas Piketty, economista francese diventato una star per aver scritto uno dei libri più citati (ma non si sa quanto letti) degli ultimi anni come Il capitale del XXI secolo che dell’avversione alle disuguaglianze ha fatto il suo scalpitante cavallo di battaglia.

Parliamo qui di disuguaglianza nei risultati, della forbice sempre più larga tra chi ha poco e chi ha molto. Anzi, molto molto: così tanto da risultare disgustoso e quindi criticabile e criticato da chi sostiene che la loro condizione privilegiata – meritata o meno – sia di per sé una minaccia per la società.

Da un punto di vista economico, Porro si sforza di dimostrare chiamando a raccolta una serie di testimoni di-non-sinistra, che la tesi non regge. Chi ha tanto non toglie nulla a chi ha poco. E sarebbe davvero triste una comunità che nel rispetto del principio dell’uguaglianza fosse composta di soli poveri.

La disuguaglianza, al contrario, dovrebbe essere la molla del miglioramento individuale e collettivo. Un invito all’emulazione, a far meglio e di più, a ingegnarsi per raggiungere le vette degli altri. Invece che essere ammirati gli uomini di successo sono guardati con sospetto.

Il presupposto sta in un’orrenda cultura dell’alibi che scarica su chi sta meglio la frustrazione di chi sta peggio. Chi non raggiunge gli obiettivi desiderati non si limita a fare come la volpe con l’uva voltando le spalle all’oggetto del desiderio ma deve anche demolire chi riesce nell’intento.

Dalle nostre parti questo atteggiamento si chiama invidia ed è una delle peggiori attitudini dell’animo umano, particolarmente sviluppata in Italia e così diffusa nel Mezzogiorno da rendere antipatica qualsiasi affermazione. Chi arriva è certamente un ladro, un colluso, un poco di buono.

Cosicché una comunità formata da una moltitudine di soggetti egualmente sfigati è da preferire a un consesso dove le diversità si vedono e si possono apprezzare. La gara è verso il basso: se io non posso arricchirmi non devi farlo neanche tu. Il merito è un fastidio, chi si afferma un pericolo.

Così si distoglie l’attenzione dal vero nemico che è la povertà, questa sì da contrastare con ogni mezzo. E non c’è niente di più salutare per un povero che poter beneficiare delle risorse sottratte ai ricchi con le manovre distributive che tutti i governi hanno imparato a praticare con destrezza.

La questione della disuguaglianza, dunque, non ha certo natura economica ma sociale e politica perché si prendono più applausi e voti gridando all’untore che richiamando tutti alle proprie responsabilità garantendo la vera uguaglianza che conta e che riguarda condizioni di partenza e regole del gioco.