Log in
NEWS
Edilizia sostenibile nell'era digitale, Stress presenta libro bianco Anche il Sannio ed il Fortore guardano a Matera 2019 E' di Torre del Greco il Primo Console Italiano in Giappone nel 1939 Terrorismo, Roberti: Una sciocchezza dire che la mafia ci protegge Ballottaggi, in Campania affluenza alle urne a mezzogiorno al 13,12% Ischia Global, il 9 luglio il via: apre "L'inganno di Sofia Coppola" Agro Solidale, il bando di concorso finisce sotto accusa Angelo Vitaliano scelto dalla Rai per le celebrazioni di Pirandello Suolo, in 6 mesi Campania perde oltre 10% della risorsa Napoli, intitolata a Ciro Esposito villa comunale di Scampia Turismo, Governo lancia coordinamento delle città d'arte Premio Agnes, ecco i vincitori Cinema, taglio del nastro per Ischia Film Festival Mostre, a Palazzo Zavallos in scena Le Vele di Scampia Energie per l'Italia, il 3 luglio lancio ufficiale a Napoli Anm, Maglione si scusa per i disagi Nicola Caputo (Pd): Archiviate tutte le indagini a mio carico Alilauro, torna Batò Naples Ciro a Mergellina, querelle col Comune: dipendenti in protesta Assoagenti, visita all'Interporto Sud Europa: Risposte immediate al mercato merci Centro Democratico, c'è Bersani: Basta personalismi, non lasciamo campo alla destra Anm, possibili disagi per stasera Gepin, lunedì al Mise ultima chiamata per i lavoratori Pd, Bassolino: Partito è solo la parte più grande del centrosinistra Confapi, Marrone: 100 mln dalla Regione per le bonifiche, bene così Trasporto locale, lunedì sit in dell'Usb in Prefettura Turismo, da oggi tassa di soggiorno anche su affitti Estate 2017: 7 mln di visitatori negli agriturismo Siccità, ministro Galletti: Investiremo sui bacini idrografici Pil pro capite, Campania perde oltre il 5% dal 2007 Musei, nel 2018 a Napoli apre quello dedicato a Darwin e Dohrn Scoperto dal Tigem meccanismo che regola la crescita dei tumori Crescita, buone notizie dal territorio Ambasciata del Kosovo a caccia di investitori campani nel settore eolico La diplomazia Usa riporta a Napoli la statua di Zeus

kimbo shop ildenaro 016

Disuguaglianza

Tre circostanze inducono ad affrontare all’inizio del nuovo anno il tema assai spinoso della diseguaglianza: il tradizionale discorso in Tv del Capo dello Stato, la morte dell’economista inglese Tony Atkinson e la circolazione di un libro controcorrente scritto dal giornalista liberale Nicola Porro per La nave di Teseo.

Nei primi due casi – che riguardano le tesi di Atkinson e del presidente Mattarella – la disuguaglianza è un male da combattere. Meglio, è uno dei mali da combattere con maggiore vigore per avere una società più giusta; il vice direttore del Giornale e conduttore televisivo è di tutt’altro avviso.

Il pensatore britannico è anche il padre intellettuale di Thomas Piketty, economista francese diventato una star per aver scritto uno dei libri più citati (ma non si sa quanto letti) degli ultimi anni come Il capitale del XXI secolo che dell’avversione alle disuguaglianze ha fatto il suo scalpitante cavallo di battaglia.

Parliamo qui di disuguaglianza nei risultati, della forbice sempre più larga tra chi ha poco e chi ha molto. Anzi, molto molto: così tanto da risultare disgustoso e quindi criticabile e criticato da chi sostiene che la loro condizione privilegiata – meritata o meno – sia di per sé una minaccia per la società.

Da un punto di vista economico, Porro si sforza di dimostrare chiamando a raccolta una serie di testimoni di-non-sinistra, che la tesi non regge. Chi ha tanto non toglie nulla a chi ha poco. E sarebbe davvero triste una comunità che nel rispetto del principio dell’uguaglianza fosse composta di soli poveri.

La disuguaglianza, al contrario, dovrebbe essere la molla del miglioramento individuale e collettivo. Un invito all’emulazione, a far meglio e di più, a ingegnarsi per raggiungere le vette degli altri. Invece che essere ammirati gli uomini di successo sono guardati con sospetto.

Il presupposto sta in un’orrenda cultura dell’alibi che scarica su chi sta meglio la frustrazione di chi sta peggio. Chi non raggiunge gli obiettivi desiderati non si limita a fare come la volpe con l’uva voltando le spalle all’oggetto del desiderio ma deve anche demolire chi riesce nell’intento.

Dalle nostre parti questo atteggiamento si chiama invidia ed è una delle peggiori attitudini dell’animo umano, particolarmente sviluppata in Italia e così diffusa nel Mezzogiorno da rendere antipatica qualsiasi affermazione. Chi arriva è certamente un ladro, un colluso, un poco di buono.

Cosicché una comunità formata da una moltitudine di soggetti egualmente sfigati è da preferire a un consesso dove le diversità si vedono e si possono apprezzare. La gara è verso il basso: se io non posso arricchirmi non devi farlo neanche tu. Il merito è un fastidio, chi si afferma un pericolo.

Così si distoglie l’attenzione dal vero nemico che è la povertà, questa sì da contrastare con ogni mezzo. E non c’è niente di più salutare per un povero che poter beneficiare delle risorse sottratte ai ricchi con le manovre distributive che tutti i governi hanno imparato a praticare con destrezza.

La questione della disuguaglianza, dunque, non ha certo natura economica ma sociale e politica perché si prendono più applausi e voti gridando all’untore che richiamando tutti alle proprie responsabilità garantendo la vera uguaglianza che conta e che riguarda condizioni di partenza e regole del gioco.