Log in
NEWS
Roghi, emergenza sui Monti Lattari: fiamme vicino ad hotel Napoli, Moxedano: Situazione trasporti sempre più complicata Confartigianato: Le Pmi italiane pagano l'energia il 29% in più rispetto alla media Ue Montenero, al via la prima edizione di "Corti al Mulino" Premio Capri Danza International, al via la V edizione alla Certosa di San Giacomo Attentato Barcellona, a Napoli rafforzate le misure di sicurezza Diwine Jazz Festival, a Montecorice quattro serate tra vino e buona musica Da Pasqualino, omaggio a Capri: ecco i faraglioni di pizza Ermanno Russo: Che errore depotenziare l'oculistica al Vecchio Pellegrini Napoli, Comune: Dal 28 ordinanza per fornire indicazioni sui vaccini Geometri, Carlino: Al fianco dei periti industriali per il campetto a Scampia Estate, 38 mln di italiani in vacanza: tra i souvenir i prodotti tipici del territorio Giovani Confapi Napoli, Marrone: Bene l'occupazione, investire sulla formazione Lavoro, dati Cgia: nell'ultima parte dell'anno 123 mila nuovi posti Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese

kimbo shop ildenaro 016

I dati Istat e l'economia reale

Tra le tante fotografie scattate quest’anno l’Istat ce ne consegna una finale di difficile interpretazione. Seguendo il filo dei titoli usati dall’Ansa per descrivere l’ultimo rapporto dell’Annuario statistico sembra di andare sull’ottovolante anche se l’impressione è che la spinta sia comunque verso il basso.

In 6,5 milioni sognano un lavoro. L’Italia è sempre più vecchia, top in Ue con la Germania. Spesa pensioni sale ancora ma ritmo frena. In calo famiglie proprietarie di casa. Turismo, nel 2015 393milioni di presenze: +4%. Per il 55% delle famiglie difficile accedere a pronto soccorso. Cresce il livello dell’istruzione ma calano gli iscritti a scuola. Sempre meno i diplomati che proseguono all’Università.

Dunque sono ancora molte, troppe, le persone che inseguono un’occupazione che non arriva. E, com’è ormai noto, l’area principale del disagio si annida tra i giovani del Mezzogiorno che sono i nuovi paria. Non a caso il nostro diventa ogni anno di più un paese per anziani, secondo in Europa solo alla Germania, con l’incidenza maggiore in Liguria e quella minore in Campania dove gli under 35 sono ancora molti anche se in gran parte senza lavoro (e per questo l’emorragia verso il Nord e altre destinazioni non accenna ad arrestarsi).

È curioso notare (ma non è l’Istat a farlo) che il primo e il secondo paese industriale d’Europa - Germania e Italia, appunto - sono anche quelli che ospitano la popolazione più vecchia. Non ci sarà una correlazione diretta ma è un fatto che può almeno indicare il grande potenziale della nostra economia che continua a sprecare le energie migliori.

In Italia, comunque, si nasce sempre meno ed è stato sfondato verso il basso il pavimento dei 500.000 nuovi venuti al mondo. Nel 2015 le morti hanno sopravanzato le nascite di 161.791 unità con la conseguenza che diminuisce la popolazione residente complessiva (60.665.551) non riuscendo gli immigrati a compensare le perdite. Peggiora la speranza di vita.

Per effetto delle riforme rallenta la corsa della spesa pensionistica ma la crisi economica determina un forte incremento delle uscite per le indennità di disoccupazione che lo scorso anno hanno toccato la rilevante cifra di 12 miliardi. In aumento le prestazioni assistenziali in parte per l’erogazione del bonus da 80 euro.

Scende, sia pure di poco, la percentuale delle famiglie proprietarie di casa e di quelle titolari di un mutuo immobiliare. La proporzione rispetto a chi paga l’affitto resta comunque tra le più alte al mondo: 81 contro 18 per cento.

Nell’ambito dei 28 paesi dell’Unione europea l’Italia si colloca al terzo posto per flussi turistici con un’incidenza della componente straniera superiore alla media. Particolare fortuna hanno avuto bed and breakfast, campeggi, villaggi turistici e agriturismi il che dimostra la ricerca di alloggi e combinazioni a buon prezzo.

Oltre che a denunciare difficoltà nell’accesso ai servizi del pronto soccorso, gli italiani dichiarano di aver incontrato ostacoli nei rapporti con le forze dell’ordine e con i rappresentanti degli uffici comunali. Criticità sono state rilevate anche nei confronti dei supermercati e delle sedi postali.

Continua, per il quinto anno consecutivo, la discesa degli iscritti al sistema scolastico in ragione di un calo demografico non compensato dall’aumento degli ingressi con cittadinanza straniera. Calano anche gli studenti che dopo il diploma decidono di affrontare l’Università e tra quelli che proseguono le donne superano di molto gli uomini. Il dato è complessivamente scoraggiante perché mostra un arretramento nel campo che più dovrebbe essere coltivato per garantire un futuro prospero.

Come si vede siamo più nell’ambito del vorrei-ma-non-posso che in quello della resa con bandiera bianca. Più attenzione all’economia reale e alla reale condizione di vita delle famiglie sarà il compito da svolgere nel 2017.