Log in
NEWS
Artriti croniche, ecco la nuova App per giovani pazienti Via al Reddito di inclusione: ecco come richiedere il sussidio Enpam, 30milioni di incentivi ai giovani medici per l'acquisto di un ambulatorio Regione, sostegno a investimenti nelle aziende agricole, Coldiretti chiede la proroga Cisl, Furlan: Oggi per la Campania scriviamo un nuovo libro Natale, Sos Confcommercio: rischio Napoli a luci spente Capodichino, cancellati 9 voli per la nebbia Regione, Cesaro (Fi): su Sma Bonavitacola assente, lavoratori a rischio 24Finance, acquisita Miafin M5S, consiglieri regionali si tagliano stipendi e donano attrezzature al Loreto Mare Doriana Buonavita eletta nuovo segretario della Cisl Campania Alis, Grimaldi: Realtà ormai riconosciuta a livello internazionale Unicredit, tour Champions League a Napoli: c'è anche Zola Blunauta inaugura una nuova boutique a Napoli Qatar, contratto da 9 mln di euro alla 3Ti Progetti per la Metro di Doha Clp, addetti sul piede di guerra: Nessun pagamento da settembre Atradius, studio su export e mercati di Asia e Pacifico: fatture pagate sempre in ritardo Ddl Falanga su sanatoria degli abusi edilizi in Campania torna alla Camera. Barricate del Wwf Groupon: I campani che vanno fuori a cena preferiscono le cucine giapponese e spagnola "Con gli occhi di Mario", al Maschio Angioino mostra fotografica dedicata a Berlinguer VelAccessibile, al via la campagna di crowdfunding con Meridonare per la velaterapia Inner Wheel, con Rivieccio per sorridere nel segno del sociale Russia-Ucraina, alta tensione Molestie sul lavoro, per combatterle le aziende avviano programmi di formazione Macedonia, da domani a Skopje appuntamento con il format del Giffoni Film Festival Psicologi, ecco la mappa degli iscritti all'Ordine in Campania Società Italiana di Oftalmologia Genetica, da domani il congresso nazionale a Napoli Tasse, indagine Cgia: ogni campano versa allo stato quasi 6mila euro l'anno Antico Setificio di San Leucio, speciale tour gastronomico con le tipicità casertane BabBarattolo, il dolce storico napoletano ora è in formato da viaggio Fca, a Pomigliano raccolta firme per far partire il nuovo piano industriale Libri, a Roma la presentazione della storia di Antonio Tessitore Cesare Moreno vince il Premio Napoli Cultura 2017 Confesercenti Salerno presenta un progetto sulle nuove strategie di vendita per i negozi di vicinato A Grazzanise le celebrazioni per i 50 anni del 9° Stormo dell'Aeronautica

kimbo shop ildenaro 016

I dati Istat e l'economia reale

Tra le tante fotografie scattate quest’anno l’Istat ce ne consegna una finale di difficile interpretazione. Seguendo il filo dei titoli usati dall’Ansa per descrivere l’ultimo rapporto dell’Annuario statistico sembra di andare sull’ottovolante anche se l’impressione è che la spinta sia comunque verso il basso.

In 6,5 milioni sognano un lavoro. L’Italia è sempre più vecchia, top in Ue con la Germania. Spesa pensioni sale ancora ma ritmo frena. In calo famiglie proprietarie di casa. Turismo, nel 2015 393milioni di presenze: +4%. Per il 55% delle famiglie difficile accedere a pronto soccorso. Cresce il livello dell’istruzione ma calano gli iscritti a scuola. Sempre meno i diplomati che proseguono all’Università.

Dunque sono ancora molte, troppe, le persone che inseguono un’occupazione che non arriva. E, com’è ormai noto, l’area principale del disagio si annida tra i giovani del Mezzogiorno che sono i nuovi paria. Non a caso il nostro diventa ogni anno di più un paese per anziani, secondo in Europa solo alla Germania, con l’incidenza maggiore in Liguria e quella minore in Campania dove gli under 35 sono ancora molti anche se in gran parte senza lavoro (e per questo l’emorragia verso il Nord e altre destinazioni non accenna ad arrestarsi).

È curioso notare (ma non è l’Istat a farlo) che il primo e il secondo paese industriale d’Europa - Germania e Italia, appunto - sono anche quelli che ospitano la popolazione più vecchia. Non ci sarà una correlazione diretta ma è un fatto che può almeno indicare il grande potenziale della nostra economia che continua a sprecare le energie migliori.

In Italia, comunque, si nasce sempre meno ed è stato sfondato verso il basso il pavimento dei 500.000 nuovi venuti al mondo. Nel 2015 le morti hanno sopravanzato le nascite di 161.791 unità con la conseguenza che diminuisce la popolazione residente complessiva (60.665.551) non riuscendo gli immigrati a compensare le perdite. Peggiora la speranza di vita.

Per effetto delle riforme rallenta la corsa della spesa pensionistica ma la crisi economica determina un forte incremento delle uscite per le indennità di disoccupazione che lo scorso anno hanno toccato la rilevante cifra di 12 miliardi. In aumento le prestazioni assistenziali in parte per l’erogazione del bonus da 80 euro.

Scende, sia pure di poco, la percentuale delle famiglie proprietarie di casa e di quelle titolari di un mutuo immobiliare. La proporzione rispetto a chi paga l’affitto resta comunque tra le più alte al mondo: 81 contro 18 per cento.

Nell’ambito dei 28 paesi dell’Unione europea l’Italia si colloca al terzo posto per flussi turistici con un’incidenza della componente straniera superiore alla media. Particolare fortuna hanno avuto bed and breakfast, campeggi, villaggi turistici e agriturismi il che dimostra la ricerca di alloggi e combinazioni a buon prezzo.

Oltre che a denunciare difficoltà nell’accesso ai servizi del pronto soccorso, gli italiani dichiarano di aver incontrato ostacoli nei rapporti con le forze dell’ordine e con i rappresentanti degli uffici comunali. Criticità sono state rilevate anche nei confronti dei supermercati e delle sedi postali.

Continua, per il quinto anno consecutivo, la discesa degli iscritti al sistema scolastico in ragione di un calo demografico non compensato dall’aumento degli ingressi con cittadinanza straniera. Calano anche gli studenti che dopo il diploma decidono di affrontare l’Università e tra quelli che proseguono le donne superano di molto gli uomini. Il dato è complessivamente scoraggiante perché mostra un arretramento nel campo che più dovrebbe essere coltivato per garantire un futuro prospero.

Come si vede siamo più nell’ambito del vorrei-ma-non-posso che in quello della resa con bandiera bianca. Più attenzione all’economia reale e alla reale condizione di vita delle famiglie sarà il compito da svolgere nel 2017.