n63

Log in
NEWS
De Luca allo stadio per Salernitana-Ascoli Confindustria incontra il territorio, venerdì appuntamento a San Marco dei Cavoti Scuola, si avvicina la pausa di Pasqua: stop alle lezioni dal 13 al 18 aprile Voucher, Confesercenti: Occupazione a rischio in 1 impresa su 2 Busitalia, in arrivo 10 nuovi mezzi a Salerno Letteratura, presentato premio nazionale Amerigo delle Quattro Libertà Verdi, continua l'Open space a Roma: c'è anche De Magistris Banco di Napoli Intesa Sanpaolo, Monte di Pietà in vendita: dove nacque la lotta alla usura Disarmiamo l'ignoranza, mostra d'arte a San Giorgio Confindustria, l’impasto che serve all’Europa Nozze d'argento per il Fai: 59 siti aperti solo in Campania Ap, Alfano: A Benevento il primo gruppo provinciale Vincenzo Schiavo eletto presidente di Confesercenri Campania-Molise Imprese di assicurazione, dati in calo ma mercato solido Comune di Napoli, lettera contro il rischiio crac: Dirigenti, recuperate risorse Magna Group assume gli ex Capaldo Ambiente, anche a Napoli iniziative per l'Ora della Terra Avvocati, i matrimonialisti si confrontano sulla nuova condizione dei padri Flora Beneduce (FI): La Regione accolga l'appello dei produttori a difesa dell’olio dei nostri territori Vincenzo Sbrescia (Fare Ambiente): L’Europa al crocevia della storia Chiamarsi Italiano e Cittadino d’Europa. Federalberghi Salerno, indagine sui B&B Fondi europei, un progetto per fare rete: da EUBE e LUPT mano tesa alle imprese Gli sperimentatori e la sindrome del "successo come al solito" Agenzie di stampa, 24 ore di sciopero Napoli, dopo Pasqua via a progetto Bagnoli Borsa mediterranea del Turismo, folla allo stand Blu Hotels per i calciatori del Napoli Confindustria Benevento, il 31 incontro con gli iscritti a San Marco dei Cavoti Mdp, sabato 1° aprile a Napoli la prima assemblea nazionale dei comitati promotori Fondi Ue, De Luca: Rendicontato il 104% del ciclo 2007-2013 Napoli, Bilancio 2017-2019: confermate le tariffe per rifiuti, Imu e Tasi Amministratori professionisti, la sicurezza in condominio: confronto tra categorie Ragazzi incattiviti: la legge del bullismo Credito delle Pmi, 225 mln ai Confidi: domande dal 2 maggio Afragola, sì ai progetti di riqualificazione nei quartieri dellarea Tav

kimbo shop ildenaro 016

Il futuro del Paese (e del suo Sud) è nell’industria che saprà meritarsi

Il Mezzogiorno riprende a muoversi. Ed è una buona notizia. Molto lentamente. Ed è una notizia cattiva. La caduta degli investimenti e del conseguente livello dell’occupazione è infatti così profonda a partire dal primo anno della crisi, il 2007, che la consolazione di cominciare a riconquistare il terreno perduto è troppo magra. Così magra che la società non riesce ad apprezzarla e dà più peso all’informazione, che sente sulla pelle per le tante esperienze personali e familiari, dell’aumento della povertà che secondo l’ultimo rapporto del Centro studi di Confindustria tocca al Sud 4,6 milioni di persone: il 157 per cento in più rispetto a otto anni fa. Tornare al livello preesistente appare un cammino lungo e difficile. Eppure anche in quel caso non avremmo che recuperato una situazione di sofferenza.

Altri dati confermano che la situazione è allarmante: sempre più gente rinuncia a curarsi e aumenta il numero dei giovani che decidono di non continuare gli studi. Il 2017 si presenta così un anno assai difficile da affrontare. Un anno di svolta potremmo dire se non lo avessimo già detto un’infinità di altre volte sempre confidando in una svolta che puntualmente manca. Colpa delle circostanze, certo, ma molto di più della mancanza o carenza di politiche e pratiche adatte alla crescita. Ricette miracolose non esistono. Ed è illusorio pensare che quello che finora non ha funzionato cominci a farlo adesso all’improvviso solo perché di riscatto meridionale si torna a parlare con insistenza e il neonato governo, che tra l’altro rischia di morire in fasce, ha in Claudio De Vincenti un ministro dedicato e finanche competente. Nonostante le celebrazioni cui di tanto in tanto assistiamo questo non è un territorio per imprese. Troppi vincoli, troppi carichi, troppa diffidenza limitano e scoraggiano gli investimenti che sono l’unico antidoto alla decrescita che qualcuno vorrebbe perfino felice mentre invece è il nemico da combattere con ogni mezzo. L’impresa, questa macchina complessa e bellissima che fonde tanti fattori in un progetto competitivo, è guardata ancora con troppo sospetto per essere messa al centro delle attenzioni come dovrebbe e non ottiene quel riconoscimento che merita per la carica di soluzioni che è in grado di produrre al servizio di una comunità. Eppure è l’unico motore di sviluppo esistente, l’unico in grado di generare quei posti di lavoro che gli anziani vedono svanire e i giovani vanno a cercare altrove nel mondo non per formarsi e magari rientrare con un bel bagaglio di esperienze – come sarebbe auspicabile – ma per fuggire da un luogo arido che non fornisce alimento. Se vogliamo uscire dal baratro nel quale siamo caduti, se davvero vogliamo rialzarci e farcela con le nostre forze scambiando alla pari capitale finanziario e umano con gli altri paesi che con noi e come noi competono non dobbiamo fare altro che prendere consapevolezza che dalla fabbrica si riparte e tutto il resto ruota intorno. Sotto questo punto di vista fa ben sperare l’intesa che esiste tra il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia e il confermato ministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda sul progetto di ammodernamento del Paese che passa attraverso il nuovo modo di pensare e produrre conosciuto con il nome di Industria 4.0.

Sempre Calenda, questa volta in accordo con l’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, ha firmato dieci contratti di sviluppo di cui nove al Sud (cinque solo in Campania) con una dote complessiva di 300 milioni mente il collega Graziano Delrio battezzava dopo 52 anni la finalmente compiuta Salerno Reggio Calabria. Segnali che fanno ben sperare, frutto della buona volontà di imprenditori e amministratori che spingono il proprio impegno oltre il limite dell’ordinario. Gli uomini capaci e gli strumenti a loro disposizione potranno fare molto ma non tutto se il Paese intero non capisce che il suo futuro è nell’industria che saprà meritarsi.