n63

Log in
NEWS
Borsa mediterranea del Turismo, folla allo stand Blu Hotels per i calciatori del Napoli Confindustria Benevento, il 31 incontro con gli iscritti a San Marco dei Cavoti Mdp, sabato 1° aprile a Napoli la prima assemblea nazionale dei comitati promotori Fondi Ue, De Luca: Rendicontato il 104% del ciclo 2007-2013 Napoli, Bilancio 2017-2019: confermate le tariffe per rifiuti, Imu e Tasi Amministratori professionisti, la sicurezza in condominio: confronto tra categorie Ragazzi incattiviti: la legge del bullismo Credito delle Pmi, 225 mln ai Confidi: domande dal 2 maggio Afragola, sì ai progetti di riqualificazione nei quartieri dellarea Tav Cinema, Ozpetek a Napoli per il nuovo film: incontro col sindaco Mdp, Rostan: Oggi nasce sede a Ponticelli Agroalimentare, Coldiretti: Mozzarella primo formaggio dop del Sud Srm, Bioeconomia opportunità per il territorio: ecco il rapporto Mozzarella di bufala campana, filiera da 300 milioni: va all'estero il 30% della produzione Msc Crociere, a bordo arriva il dining flessibile con pacchetti "food" Lavoro, crescono le assunzioni a tempo: in calo il posto fisso Banco di Napoli, Guido: 6,5 mld di finanziamenti al Sud nel 2016 Bio-economia, Barracco (Banco di Napoli): Occasione per investire al Sud Regione Campania, alle 16 si vota la fiducia al Collegato Vino italiano negli Usa, il futuro passa per i consumatori Millennials Volla, via alla riqualificazione delle aree verdi Napoli, Tar dà ragione al Comune su regolamento sale giochi Ospedale di Agropoli, attivato Pronto Soccorso Dall'accademia alla corsia: via al progetto della Federico II Aeroporto di Napoli, sold out per il primo volo diretto a Sharm Pd, Commissione alle prese con i ricorsi a Napoli: pressing romano Anm, navetta per giornate Fai a Villa Rosebery Mostre, al via "Napoli Svelata" tra sacralità ed esoterismo Pon Legalità, 377 milioni per 5 Regioni del Sud Riforma sanitaria Usa, slitta ad oggi il voto del Congresso Thermofrigor Sud, la società napoletana realizzerà il cuore del supertelescopio E-Elt Risparmio e investimenti, come valutare i Titoli di Stato? Giovani Imprenditori campani, eletto Francesco Giuseppe Palumbo Rivedere tutta la questione libica Le università del terzo millennio per i costruttori del domani

kimbo shop ildenaro 016

Urge una vision per la Questione Italiana

Sì o No, i problemi che restano sul tavolo della politica sono gli stessi. Diverso potrebbe essere il modo di affrontarli; ma neanche più di tanto perché con l’Europa, piaccia o non piaccia, la libertà di movimento dei governi nazionali è molto limitata. È più una questione di “chi” debba fare le cose che di “che cosa fare”. Bisticcio di parole a parte da qui non si scappa.

L’eccitazione sugli strumenti sta prendendo il sopravvento sui fini. Bisticciamo da così tanto tempo che corriamo il rischio di dimenticare il perché. Resta solo il sordo risentimento che anima le fazioni in campo, pronte a contrastarsi su tutto anche quando la ragione consiglierebbe di cooperare. Gli esperti direbbero che abbiamo perso la vision e procediamo a tentoni.

La tattica ha preso il posto della strategia. Ed evitiamo così di assumere le decisioni necessarie a mettere in sicurezza il Paese che deve vedersela con una concorrenza internazionale fintamente preoccupata della crisi italiana mentre studia come approfittare del sabotaggio interno che mette fuori gioco il competitore più temibile. Un incredibile caso di suicidio collettivo.

Confindustria, che qualcuno vorrebbe colpevolizzare per la decisione di schierarsi a viso aperto a favore delle riforme legate al referendum, rivendica con orgoglio la posizione assunta perché conosce bene il fardello che i produttori devono portarsi addosso in casa e in giro per il mondo e si rammarica di non poter esprimere l’enorme potenzialità nascosta nel Paese.

L’Italia è la seconda potenza manifatturiera d’Europa dopo la Germania (ma ne è consapevole solo un italiano su tre) e potrebbe certamente ambire ad essere la prima se potesse disporre delle condizioni dei colleghi tedeschi. Combattiamo con l’handicap eppure restiamo in piedi. Nel Mezzogiorno il fenomeno si presenta al quadrato. Possibile continuare così?

La questione nazionale, dunque, è una questione industriale. Se risolviamo la seconda mettiamo a posto anche la prima. Non c’è altro modo per favorire una sana occupazione che creare posti di lavoro produttivi e non c’è altro modo di creare posti di lavoro (produttivi) che moltiplicare il numero delle imprese da rendere progressivamente più forti e più grandi.

Industriali e sindacati sembrano averlo capito e non a caso proprio in questi giorni si sono incontrati per firmare un inedito Patto per la Fabbrica che dovrebbe cambiare la qualità delle relazioni trasformando la loro naturale contrapposizione da vincolo in opportunità. All’indomani del voto referendario, gli attori dell’economia reale battono un colpo di portata storica.

Della stessa pasta è l’accordo che Confindustria si appresta a firmare con Borsa Italiana per rinforzare il progetto Elite (vetrina di aziende appetibili per finanziatori interni ed esteri) con l’obiettivo di far lievitare il numero delle compagnie coinvolte dalle attuali duecento ad almeno mille. Se ciascuna iniziativa dovesse attirare 5 milioni ecco arrivare 5 miliardi per la crescita.

Insomma, alchimie costituzionali, leggi elettorali e combinazioni di potere a parte, il Paese ha mille energie da mettere in campo per evitare il fallimento sul quale in molti improvvidamente scommettono. Chiunque riuscirà a intestarsi l’onore e l’onere del governo dovrà tenerne conto per conquistare sul campo la legittimazione a rappresentarlo.