n63

Log in
NEWS
Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto Orizzonti di pace Wine&Thecity 2017, chiusura con danze e luci su Palazzo San Giacomo Sapa, workshop a Torino: fatturato da 130 mln, occhio a sicurezza e ambiente Contratti di Sviluppo, intesa da 325 milioni di euro Regione, Alfieri: Psr, entro l'estate bandi per 245 milioni di euro Kinder porta a Napoli il progetto S3 Volley Studio choc del Pascale: Chi non ha i soldi muore più facilmente di tumore dilizia non residenziale, affari d'oro in Campania nel 2016

kimbo shop ildenaro 016

Banco di Napoli, una rapina di Stato

Ci sono voluti vent’anni per scoprire quello che sarebbe stato evidente a prima vista sole se solo si fosse voluto guardare nella direzione giusta: i crediti incagliati dirottati dal Banco di Napoli nella bad bank del Tesoro (la fatidica Sga) tanto incagliati non erano. Ma sono stati considerati tali per una decisione della politica alla quale i meridionali non hanno saputo reagire perché spaventati e indeboliti da almeno tre circostanze: la morte violenta della prima repubblica con la sepoltura dei suoi esponenti più autorevoli, la morte per malattia di Ferdinando Ventriglia, la morte civile di una classe dirigente ammutolita dalla rumorosa affermazione della Lega e dei suoi pregiudizi.

La notizia che di quei presunti affari andati a male si è recuperato il 90 per cento contro il 50 preventivato e giudicato già soddisfacente dai solerti salvatori della patria dovrebbe far riflettere sulle modalità di selezione delle partite da immolare sull’altare di una giustizia sommaria per la principale azienda di credito del Mezzogiorno, la sesta del Paese, che vecchia di 500 anni avrebbe meritato attenzione e rispetto maggiori. E invece no. Il glorioso Banco è stato trattato come una preda da catturare e servire alla tavola di altri istituti che grazie a quel sacrificio si sono salvati dal destino che si sarebbero meritati.

E non basta perché è ormai chiaro che il tracollo dell’istituzione creditizia meridionale è stato indotto dallo Stato che ha deciso di non mantenere i patti con l’intero sistema industriale del Sud rifiutandosi di pagare quanto dovuto con la chiusura improvvisa e scellerata di quella Cassa che se fosse stata messa nelle condizioni di fare il proprio mestiere avrebbe consentito agli imprenditori indebitati di regolare i propri conti senza il disonore della caduta. Eppure quegli imprenditori traditi e quelle imprese bistrattate hanno saldato i propri debiti in una misura quasi piena e con le proprie sole forze.

Se non fosse andato sottosopra il circuito bancario del Nord, se per esso non si fosse apprestata una provvidenziale rete di salvezza, se il governo non avesse avvertito il bisogno di mettere sul piatto del risanamento anche i proventi della dimenticata società digestione delle attività a rischio, di questa storia si sarebbe saputo molto poco e forse a nessuno sarebbe venuto in mente di scavare nelle anomalie di un’operazione che, vestita da salvataggio, è stata di vera e propria spoliazione. Patrimoniale, certo, per i danni inflitti all’apparato produttivo meridionale ma anche e soprattutto di reputazione.

Napoli e il suo Banco, il Banco e la sua Napoli, sono stati additati all’opinione pubblica come l’ennesima prova dell’incapacità di un’intera classe imprenditoriale di stare sul mercato, dell’opaco rapporto con il mondo della politica che infetta una parte del Paese mentre l’altra ne è indenne, della generosità nazionale che si presta a riparare al danno che si guarda bene dall’ammettere di aver provocato. Ora si tenta di correre ai ripari chiedendo che una parte almeno del profitto conseguito nell’atto generoso di venirci in soccorso resti sul territorio a parziale risarcimento del torto subito.

La novità è che sembra profilarsi un fronte compatto con il rinsaldamento delle posizioni del nuovo e del passato presidente della Fondazione che fu spogliata del valore delle azioni (Daniele Marrama e Adriano Giannola), l’associazione degli industriali presieduta da Ambrogio Prezioso, politici e amministratori locali che cominciano a rendersi conto di quali e quante bugie si sia nutrita la narrazione dei forti che gridano allo scandalo mentre derubano i deboli. Il libro sul Miracolo della bad bank scritto da Mariarosaria Marchesano, che al Denaro si è fatta le ossa, mette nero su bianco elementi di verità che possono fornire la base di una battaglia consapevole. Vedremo se solo verbale o più consistente.