n63

Log in
NEWS
Napoli, genitori dei trapiantati cuore su tetto Monaldi Il premier Gentiloni con i lavoratori del Pastificio Rummo: Un esempio per il Sud e per tutto il Paese Napoli, è allarme per la movida violenta Maurizio Sarri vince il premio "Enzo Bearzot" Accattonaggio: un esercito di minori all’angolo delle strade Istituto studi filosofici, l'appello del figlio del fondatore Marotta ai giovani: Salvatelo (VIDEO) Lavoro, Centri per l' Impiego aperti sabato 29 aprile Gentiloni nel Sannio: Il lavoro una priorità ossessiva, preoccupazione per Alitalia “Storie di Napoli. Nei vicoli del tempo”, il nuovo libro. 30 ragazzi innamorati di Napoli raccontano la città con storie Pd, il governatore De Luca: Voto Renzi ma il programma cambi Tv, i 50 anni di Telenapoli, la prima emittente via cavo in Italia Gentiloni nel Sannio: Anche al Sud si può fare impresa di qualità Consulenti del Lavoro, domani al via a Napoli il 9° congresso nazionale Gentiloni nel Sannio, Scudieri (Adler): Proseguiamo sulla strada dell’innovazione Gentiloni nel Sannio, il sindaco di Airola: Data storica Unicredit, accordo con Cdp per le popolazioni colpite da eventi calamitosi Pagamenti, imprese campane in difficoltà: una su quattro paga alla scadenza Ict Skills Lab, parte la sfida del lavoro 4.0 3 cose da sapere per farti amico il Fisco! Fs, con Busitalia Fast nuovo servizio su gomma in 15 regioni "Totò che tragedia!" al Trianon tra amori e rivista Pmi, fallimenti ancora in calo: Campania terza per attività chiuse nel 2017 Lavoro, disoccupati protestano nella cattedrale di Napoli: chiedono la mediazione di Sepe Curia, Sepe: Chiesi al Papa di non nominarmi vescovo nel giorno del pesce d'aprile Gentiloni nel Sannio, terminata la tappa alla Adler: visita al Pastificio Rummo H&M, per Business of Fashion è tra i migliori datori di lavoro nella moda Case Museo vs Grandi Strutture la partita dell'emozione Industria, da Napoli parte la sfida della Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico Ipertensione e malattie cardiovascolari: esperti internazionali in congresso a Napoli Gruppo VeGè fa il bis: piattaforma e-commerce anche per Isa Riccardo Dalisi a Pompei, in Floridiana le suggestioni del mondo antico Lavoro, alleanze delle abilità: i progetti entro il 2 maggio Blind Vision, il mondo "percepito" di Annalaura di Luggo Arte e cultura, con Lottomatica stage per 50 giovani talenti Nusco apre le porte alla sicurezza

kimbo shop ildenaro 016

Perché Trump il naif batte la costumata Hillary

 

Adesso il dado è tratto per davvero. Con la vittoria di Donald Trump su Hillary Clinton (che adesso in tanti assicurano di aver previsto, beati loro) è chiaro e lampante che le élite vanno da una parte e il popolo dall’altra. Si era avuto un segnale luminoso con la Brexit ma evidentemente non è bastato. Adesso solo i ciechi, metaforicamente parlando, possono continuare a non vedere.

Dunque l’impolitico, impudente, imprudente, impenitente, imbarazzante tycoon che ha fatto i soldi con la calce e i mattoni di Manhattan ed è diventato famoso con una trasmissione televisiva autoprodotta prenderà il posto del corretto, misurato, compassato, moderato, equilibrato Barack Obama che non è riuscito dopo otto anni di governo a far vincere la candidata coccolata dall’establishment.

Brutta cosa per chi ancora muove (?) le leve del comando perché gli elettori diffidano di loro e non perdono occasione per farlo notare. Nulle urne, direttamente alla resa dei conti, facendo fare la figura degli incompetenti ai sondaggisti che misurano una realtà inesistente e ai giornalisti che gli vanno dietro infilando un titolo farlocco dietro l’altro tranne poi a dover fare imbarazzante ammenda.

I grandi (e semi grandi) della Terra continuano a bisticciare per zerovirgola di scostamenti da parametri distillati in provetta e diventati totem da rispettare a dispetto delle conseguenze che provocano nell’economia reale abitata da quei fastidiosi soggetti che sono le imprese e le famiglie. Se queste s’impoveriscono ed entrano in paura tanto peggio per loro perché il manovratore non va disturbato.

Per venire ai fatti nostri, con una capriola che al nuovo Commander in Chief d’America non dispiacerebbe, la Svimez informa che il Mezzogiorno va finalmente un po’ meglio e che faticosamente comincia a risalire una china che si presenta comunque ripida e scivolosa. Un po’ meglio, da chiarire, rispetto al disastroso andamento degli anni scorsi.

Se l’informazione è utile a fini statistici e può dare la stura a nobili dibattiti su come si possa o debba valutare il risultato è assai improbabile che questo abbia un impatto apprezzabile sulla vita di tutti i giorni di chi non si sente per nulla destinatario della novella che forse non ha nemmeno voglia di leggere. Che cosa cambierà oggi o domani per chi ha perso la fiducia in un futuro migliore?

Se il Paese non riprenderà contatto con le sue potenzialità, come il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia ha detto una volta di più a Bolzano davanti alla fresca platea di Orientagiovani, continueremo a congratularci o a deprimerci di fronte a fenomeni di laboratorio assolutamente non percepiti dal pubblico al quale sono in teoria rivolti: quei cittadini che si sentono dunque frodati.

Più slancio e più passione sono gli ingredienti che servono a disegnare una nuova visione del mondo, perché anche l’ansia di vivere si è globalizzata, fondata sulla certezza che le istituzioni nate per migliorare l’organizzazione delle comunità tornino alla funzione originaria di moltiplicare il benessere per tutti e non si pongano invece come parassiti che ingrassano a danno del corpo che dovrebbero proteggere.

Meglio Donald il naif figlio del mercato, allora, che l’educata Hillary rampolla del potere costituito.