Log in
NEWS
Bagnoli, nuova convocazione per la Cabina di regia: riunione il 4 agosto Torre Annunziata, nominata la nuova Giunta: vicesindaco Gaetano Veltro San Giovanni Bosco, nuova denuncia dei Verdi: pronto soccorso infestato dalle blatte Nuovo look per il Teatro Bracco: cult della tradizione e pièce nazionali Tra siccità e rete "colabrodo": la mappa dell'emergenza idrica in Campania Federterme, vertice a Roma per il rilancio di Castellamare di Stabia Camera di Commercio di Salerno, presentato il piano Trasparenza e Anticorruzione Ctp, via libera a ricapitalizzazione da 12 mln Alberghi, record di strutture all'asta. In Campania sono 13 Credito alle Pmi, Liverini: Benevento tra le prime provincie in Italia Bagnoli, la cabina di regia potrebbe slittare ad agosto Trenitalia lancia la card per visitare i musei Project managment, 5mila € alle migliori tesi di laurea Trasporti, Di Scala convoca in Commissione regionale le Compagnie di navigazione Umberto Vitiello nuovo presidente del Gruppo Giovani Acen Alberghi all'asta: impennata al Nord, in Campania cessioni dimezzate Giovani ricercatori, premi fino a 10mila € Opere incompiute, sprint della Campania Cise, battesimo ufficiale. Campania è Hub dello sviluppo Accordi di programma, domani la firma tra Governo e Campania Consiglio regionale approva documento di bilancio Confindustria, nasce “Campania digital Innovation Hub" Medici, c'è tempo fino al 28 luglio per recuperare Irap non dovuta Musica popolare, torna a Vallo della Lucania FestMed Imprese, +36 mila tra aprile e giugno: il bilancio migliore in Campania (+5.807) Ravello Festival, gran finale della danza con Les Italiens de l’Opéra de Paris Cartoniadi Isole Minori, domande entro il 31 luglio: in palio 15mila euro Italia-Usa, il 23 settembre Gala della Camera di commercio di Chicago Spesa pubblica pro-capite: primato alla Valle d'Aosta, Campania nelle ultime posizioni Klasse14, orologi made in Naples per il mercato giapponese Oasi Astroni, 60% dell'area distrutta da fiamme In consiglio regionale via libera a Ddl Semplificazione Caserta, appalti truccati all'ospedale Sant'Anna: 7 arresti Johnny Take Uè, così la pizza che si inforna nel container "Scatta l'impresa": via al contest per promuovere il microcredito

kimbo shop ildenaro 016

Perché Trump il naif batte la costumata Hillary

 

Adesso il dado è tratto per davvero. Con la vittoria di Donald Trump su Hillary Clinton (che adesso in tanti assicurano di aver previsto, beati loro) è chiaro e lampante che le élite vanno da una parte e il popolo dall’altra. Si era avuto un segnale luminoso con la Brexit ma evidentemente non è bastato. Adesso solo i ciechi, metaforicamente parlando, possono continuare a non vedere.

Dunque l’impolitico, impudente, imprudente, impenitente, imbarazzante tycoon che ha fatto i soldi con la calce e i mattoni di Manhattan ed è diventato famoso con una trasmissione televisiva autoprodotta prenderà il posto del corretto, misurato, compassato, moderato, equilibrato Barack Obama che non è riuscito dopo otto anni di governo a far vincere la candidata coccolata dall’establishment.

Brutta cosa per chi ancora muove (?) le leve del comando perché gli elettori diffidano di loro e non perdono occasione per farlo notare. Nulle urne, direttamente alla resa dei conti, facendo fare la figura degli incompetenti ai sondaggisti che misurano una realtà inesistente e ai giornalisti che gli vanno dietro infilando un titolo farlocco dietro l’altro tranne poi a dover fare imbarazzante ammenda.

I grandi (e semi grandi) della Terra continuano a bisticciare per zerovirgola di scostamenti da parametri distillati in provetta e diventati totem da rispettare a dispetto delle conseguenze che provocano nell’economia reale abitata da quei fastidiosi soggetti che sono le imprese e le famiglie. Se queste s’impoveriscono ed entrano in paura tanto peggio per loro perché il manovratore non va disturbato.

Per venire ai fatti nostri, con una capriola che al nuovo Commander in Chief d’America non dispiacerebbe, la Svimez informa che il Mezzogiorno va finalmente un po’ meglio e che faticosamente comincia a risalire una china che si presenta comunque ripida e scivolosa. Un po’ meglio, da chiarire, rispetto al disastroso andamento degli anni scorsi.

Se l’informazione è utile a fini statistici e può dare la stura a nobili dibattiti su come si possa o debba valutare il risultato è assai improbabile che questo abbia un impatto apprezzabile sulla vita di tutti i giorni di chi non si sente per nulla destinatario della novella che forse non ha nemmeno voglia di leggere. Che cosa cambierà oggi o domani per chi ha perso la fiducia in un futuro migliore?

Se il Paese non riprenderà contatto con le sue potenzialità, come il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia ha detto una volta di più a Bolzano davanti alla fresca platea di Orientagiovani, continueremo a congratularci o a deprimerci di fronte a fenomeni di laboratorio assolutamente non percepiti dal pubblico al quale sono in teoria rivolti: quei cittadini che si sentono dunque frodati.

Più slancio e più passione sono gli ingredienti che servono a disegnare una nuova visione del mondo, perché anche l’ansia di vivere si è globalizzata, fondata sulla certezza che le istituzioni nate per migliorare l’organizzazione delle comunità tornino alla funzione originaria di moltiplicare il benessere per tutti e non si pongano invece come parassiti che ingrassano a danno del corpo che dovrebbero proteggere.

Meglio Donald il naif figlio del mercato, allora, che l’educata Hillary rampolla del potere costituito.