Log in
NEWS
Canada, Calenda: Con l'accordo Ceta vantaggi per Pmi e cittadini europei Interporto Sud Europa, confronto tra aziende di logistica e Its: si punta sulla formazione Welfare, via al riparto del fondo sociale 2017: più di 28 mln alla Campania Agroalimentare, De Luca inaugura la Scuola del Gusto a Torrecuso Eav, da ottobre secondo agente sui bus a Bacoli e Castellammare Napoli, Palladino al sindaco: Rom, belle parole ma seguano i fatti L'ambasciatore algerino invita le aziende campane al Forum di Pescara L'Ambasciata italiana e i festeggiamenti di San Gennaro negli Usa Palumbo Group, Isa Yachts vende il nuovo superyacht di 65 metri Energie per l'Italia, parte il tour campano. Parisi: Pronta la squadra Criminalità, Gabrielli: Profondo senso di insicurezza sociale nel Paese Formazione manager, prosegue il corso in Campania Cultura, dal Mibact 132 mln per i Grandi progetti: fondi a Capodimonte, Reggia di Caserta e Catacombe di Napoli Napoli, da capitale morale a nobile fiaba San Giorgio a Cremano, i ritratti di Noschese e Troisi sui muri della Stazione Circum Allerta attentati, made in Campania l'app per gestire le operazioni di soccorso Prosciutto di Parma, in Giappone tutela per il marchio: è la prima volta di un prodotto straniero Gruppo Trevi, nuove commesse all'estero per 75 mln dollari Fondazione con il Sud, Nuove Generazioni: in arrivo il bando da 60 milioni E-Distribuzione, a Secondigliano componenti hi-tech per la rete Fincantieri, appello al Governo della Fim Cisl: Si salvaguardi l'industria italiana Mehta al San Carlo con "Fidelio", Bergamasco sul palco Lavoro, Inps: nei primi 7 mesi assunzioni stabili giù del 4,6% Porto Marina d'Arechi, a Genova con numeri record: +22%. Gallozzi: Avanti così Ciclofficina solidale, in bici alla scoperta dell'Oasi di Frassineto Test di Architettura al Politecnico di Milano, dall'Università della Campania record di candidati idonei Un esoscheletro in 3D al posto del gesso: il Santobono di Napoli fra i vincitori dell'Innova S@lute 2017 Almaviva Napoli, elezioni delle Rsu: la Cgil conquista la maggioranza La periferia di Napoli su "Le Monde": Scampia lontana dai cliché mafiosi Mdp, dal 27 settembre a Napoli la prima festa: è dedicata al lavoro Sepe alla messa per San Matteo, patrono della Guardia di Finanza Porto Marina d'Arechi, Boccia ospite dello stand al Salone Nautico di Genova "Veleno", a Casal di Principe la presentazione del film sulla vera storia della Terra dei Fuochi Olio Dante partecipa all'Atelier della Salute per promuovere uno stile di vita sano Alessandro Paola nuovo comandante dei Vigili del Fuoco di Livorno

kimbo shop ildenaro 016

Perché Trump il naif batte la costumata Hillary

 

Adesso il dado è tratto per davvero. Con la vittoria di Donald Trump su Hillary Clinton (che adesso in tanti assicurano di aver previsto, beati loro) è chiaro e lampante che le élite vanno da una parte e il popolo dall’altra. Si era avuto un segnale luminoso con la Brexit ma evidentemente non è bastato. Adesso solo i ciechi, metaforicamente parlando, possono continuare a non vedere.

Dunque l’impolitico, impudente, imprudente, impenitente, imbarazzante tycoon che ha fatto i soldi con la calce e i mattoni di Manhattan ed è diventato famoso con una trasmissione televisiva autoprodotta prenderà il posto del corretto, misurato, compassato, moderato, equilibrato Barack Obama che non è riuscito dopo otto anni di governo a far vincere la candidata coccolata dall’establishment.

Brutta cosa per chi ancora muove (?) le leve del comando perché gli elettori diffidano di loro e non perdono occasione per farlo notare. Nulle urne, direttamente alla resa dei conti, facendo fare la figura degli incompetenti ai sondaggisti che misurano una realtà inesistente e ai giornalisti che gli vanno dietro infilando un titolo farlocco dietro l’altro tranne poi a dover fare imbarazzante ammenda.

I grandi (e semi grandi) della Terra continuano a bisticciare per zerovirgola di scostamenti da parametri distillati in provetta e diventati totem da rispettare a dispetto delle conseguenze che provocano nell’economia reale abitata da quei fastidiosi soggetti che sono le imprese e le famiglie. Se queste s’impoveriscono ed entrano in paura tanto peggio per loro perché il manovratore non va disturbato.

Per venire ai fatti nostri, con una capriola che al nuovo Commander in Chief d’America non dispiacerebbe, la Svimez informa che il Mezzogiorno va finalmente un po’ meglio e che faticosamente comincia a risalire una china che si presenta comunque ripida e scivolosa. Un po’ meglio, da chiarire, rispetto al disastroso andamento degli anni scorsi.

Se l’informazione è utile a fini statistici e può dare la stura a nobili dibattiti su come si possa o debba valutare il risultato è assai improbabile che questo abbia un impatto apprezzabile sulla vita di tutti i giorni di chi non si sente per nulla destinatario della novella che forse non ha nemmeno voglia di leggere. Che cosa cambierà oggi o domani per chi ha perso la fiducia in un futuro migliore?

Se il Paese non riprenderà contatto con le sue potenzialità, come il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia ha detto una volta di più a Bolzano davanti alla fresca platea di Orientagiovani, continueremo a congratularci o a deprimerci di fronte a fenomeni di laboratorio assolutamente non percepiti dal pubblico al quale sono in teoria rivolti: quei cittadini che si sentono dunque frodati.

Più slancio e più passione sono gli ingredienti che servono a disegnare una nuova visione del mondo, perché anche l’ansia di vivere si è globalizzata, fondata sulla certezza che le istituzioni nate per migliorare l’organizzazione delle comunità tornino alla funzione originaria di moltiplicare il benessere per tutti e non si pongano invece come parassiti che ingrassano a danno del corpo che dovrebbero proteggere.

Meglio Donald il naif figlio del mercato, allora, che l’educata Hillary rampolla del potere costituito.