n63

Log in
NEWS
Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto Orizzonti di pace Wine&Thecity 2017, chiusura con danze e luci su Palazzo San Giacomo Sapa, workshop a Torino: fatturato da 130 mln, occhio a sicurezza e ambiente Contratti di Sviluppo, intesa da 325 milioni di euro Regione, Alfieri: Psr, entro l'estate bandi per 245 milioni di euro Kinder porta a Napoli il progetto S3 Volley Studio choc del Pascale: Chi non ha i soldi muore più facilmente di tumore dilizia non residenziale, affari d'oro in Campania nel 2016

kimbo shop ildenaro 016

Perché Trump il naif batte la costumata Hillary

 

Adesso il dado è tratto per davvero. Con la vittoria di Donald Trump su Hillary Clinton (che adesso in tanti assicurano di aver previsto, beati loro) è chiaro e lampante che le élite vanno da una parte e il popolo dall’altra. Si era avuto un segnale luminoso con la Brexit ma evidentemente non è bastato. Adesso solo i ciechi, metaforicamente parlando, possono continuare a non vedere.

Dunque l’impolitico, impudente, imprudente, impenitente, imbarazzante tycoon che ha fatto i soldi con la calce e i mattoni di Manhattan ed è diventato famoso con una trasmissione televisiva autoprodotta prenderà il posto del corretto, misurato, compassato, moderato, equilibrato Barack Obama che non è riuscito dopo otto anni di governo a far vincere la candidata coccolata dall’establishment.

Brutta cosa per chi ancora muove (?) le leve del comando perché gli elettori diffidano di loro e non perdono occasione per farlo notare. Nulle urne, direttamente alla resa dei conti, facendo fare la figura degli incompetenti ai sondaggisti che misurano una realtà inesistente e ai giornalisti che gli vanno dietro infilando un titolo farlocco dietro l’altro tranne poi a dover fare imbarazzante ammenda.

I grandi (e semi grandi) della Terra continuano a bisticciare per zerovirgola di scostamenti da parametri distillati in provetta e diventati totem da rispettare a dispetto delle conseguenze che provocano nell’economia reale abitata da quei fastidiosi soggetti che sono le imprese e le famiglie. Se queste s’impoveriscono ed entrano in paura tanto peggio per loro perché il manovratore non va disturbato.

Per venire ai fatti nostri, con una capriola che al nuovo Commander in Chief d’America non dispiacerebbe, la Svimez informa che il Mezzogiorno va finalmente un po’ meglio e che faticosamente comincia a risalire una china che si presenta comunque ripida e scivolosa. Un po’ meglio, da chiarire, rispetto al disastroso andamento degli anni scorsi.

Se l’informazione è utile a fini statistici e può dare la stura a nobili dibattiti su come si possa o debba valutare il risultato è assai improbabile che questo abbia un impatto apprezzabile sulla vita di tutti i giorni di chi non si sente per nulla destinatario della novella che forse non ha nemmeno voglia di leggere. Che cosa cambierà oggi o domani per chi ha perso la fiducia in un futuro migliore?

Se il Paese non riprenderà contatto con le sue potenzialità, come il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia ha detto una volta di più a Bolzano davanti alla fresca platea di Orientagiovani, continueremo a congratularci o a deprimerci di fronte a fenomeni di laboratorio assolutamente non percepiti dal pubblico al quale sono in teoria rivolti: quei cittadini che si sentono dunque frodati.

Più slancio e più passione sono gli ingredienti che servono a disegnare una nuova visione del mondo, perché anche l’ansia di vivere si è globalizzata, fondata sulla certezza che le istituzioni nate per migliorare l’organizzazione delle comunità tornino alla funzione originaria di moltiplicare il benessere per tutti e non si pongano invece come parassiti che ingrassano a danno del corpo che dovrebbero proteggere.

Meglio Donald il naif figlio del mercato, allora, che l’educata Hillary rampolla del potere costituito.