n63

Log in
NEWS
Borsa mediterranea del Turismo, folla allo stand Blu Hotels per i calciatori del Napoli Confindustria Benevento, il 31 incontro con gli iscritti a San Marco dei Cavoti Mdp, sabato 1° aprile a Napoli la prima assemblea nazionale dei comitati promotori Fondi Ue, De Luca: Rendicontato il 104% del ciclo 2007-2013 Napoli, Bilancio 2017-2019: confermate le tariffe per rifiuti, Imu e Tasi Amministratori professionisti, la sicurezza in condominio: confronto tra categorie Ragazzi incattiviti: la legge del bullismo Credito delle Pmi, 225 mln ai Confidi: domande dal 2 maggio Afragola, sì ai progetti di riqualificazione nei quartieri dellarea Tav Cinema, Ozpetek a Napoli per il nuovo film: incontro col sindaco Mdp, Rostan: Oggi nasce sede a Ponticelli Agroalimentare, Coldiretti: Mozzarella primo formaggio dop del Sud Srm, Bioeconomia opportunità per il territorio: ecco il rapporto Mozzarella di bufala campana, filiera da 300 milioni: va all'estero il 30% della produzione Msc Crociere, a bordo arriva il dining flessibile con pacchetti "food" Lavoro, crescono le assunzioni a tempo: in calo il posto fisso Banco di Napoli, Guido: 6,5 mld di finanziamenti al Sud nel 2016 Bio-economia, Barracco (Banco di Napoli): Occasione per investire al Sud Regione Campania, alle 16 si vota la fiducia al Collegato Vino italiano negli Usa, il futuro passa per i consumatori Millennials Volla, via alla riqualificazione delle aree verdi Napoli, Tar dà ragione al Comune su regolamento sale giochi Ospedale di Agropoli, attivato Pronto Soccorso Dall'accademia alla corsia: via al progetto della Federico II Aeroporto di Napoli, sold out per il primo volo diretto a Sharm Pd, Commissione alle prese con i ricorsi a Napoli: pressing romano Anm, navetta per giornate Fai a Villa Rosebery Mostre, al via "Napoli Svelata" tra sacralità ed esoterismo Pon Legalità, 377 milioni per 5 Regioni del Sud Riforma sanitaria Usa, slitta ad oggi il voto del Congresso Thermofrigor Sud, la società napoletana realizzerà il cuore del supertelescopio E-Elt Risparmio e investimenti, come valutare i Titoli di Stato? Giovani Imprenditori campani, eletto Francesco Giuseppe Palumbo Rivedere tutta la questione libica Le università del terzo millennio per i costruttori del domani

kimbo shop ildenaro 016

L’euro in Europa, medicina o veleno

 

La tabella più inquietante è a pagina 4 della relazione che il vice presidente della Bei Dario Scannapieco svolge in occasione del convegno organizzato presso la Reggia di Caserta su come Investire nelle regioni meridionali.

Che cosa si legge?

Che nei venti anni che vanno dal 1996 al 2016 il Mezzogiorno cresce di uno striminzito 1,3 per cento, il Centro Nord si attesta al 12,5 per cento (9,8 la media nazionale), l’area dell’euro (18 paesi) arriva al 32,7 per cento, l’Unione europea (28 paesi compresa la Gran Bretagna) sale al 38,8 per cento e l’area non euro fa un salto del 59,8 per cento.

Guardando agli estremi di questa catena passiamo dal quasi 60 per cento di crescita dei paesi che all’interno dell’Unione non hanno adottato l’euro al poco più dell’1 riservato al Sud Italia che dall’euro è penalizzato due volte in quanto debole parte di un paese indebolito.

60 a 1: una voragine enorme, una distanza impossibile da pensare prim’ancora che da colmare. E che tiene come punti di collegamento – vale la pena di ricordare - il 9,8 per cento della media nazionale, il 32,7 per cento del sottoinsieme dei paesi che in Europa hanno deciso di affidarsi alla moneta comune, il 38,8 per cento di tutti i paesi (euro e non euro) riuniti nell’Unione.

Si assiste dunque a un crescendo di buona salute via via che ci si allontana dall’intossicazione da euro che alle regioni meridionali procura con evidenza un encefalogramma piatto come se nell’ultimo ventennio fossero state ibernate e non avessero vissuto.

Tutto questo mentre altri paesi con i quali l’Italia si trova a dialogare e scambiare all’interno della comune casa europea hanno goduto di un lungo e piacevole periodo di benessere che promette di continuare per la gioia di quelle popolazioni che dell’euro proprio non hanno voluto saperne.

Il Mezzogiorno in vent’anni è rimasto fermo, dunque, ma il Paese tutto si è mosso assai poco: appena un sesto delle più virtuose realtà che conservando valuta e mani libere sono riuscite a cogliere dal progetto comunitario tutti i vantaggi schivando con attenzione gli svantaggi che, infatti, hanno riservato a noi.

Se questo è il dato con il quale fare i conti appare evidente che qualcosa non abbia funzionato e molto si debba fare per rimediare a questa catastrofe che ci allontana dai livelli di capacità produttiva e competitività per i quali si batte il presidente di Confindustria Boccia e che funzionano da spine nel fianco per il presidente del Consiglio Renzi.

Tanto più che i sacrifici compiuti in termini economici e occupazionali (non è un caso se le maggiori perdite di posti di lavoro si siano sopportate qui) non sono compensati da una piena e gratificante solidarietà visto che anche di fronte al dramma dei migranti l’Italia è lasciata pressoché sola a sbrigare faccende di cui andrebbe condiviso almeno l’onore.

Quest’Europa a troppe velocità non funziona. E sono i numeri a denunciarlo meglio di come potrebbe farlo qualsiasi discorso appassionato sui tempi belli di una volta. E l’euro è una medicina che bisogna imparare ad assumere nella modalità giusta perché possa svolgere gli effetti benefici per i quali è stata pensata.

In caso contrario, può funzionare da veleno.