n63

Log in
NEWS
Napoli, genitori dei trapiantati cuore su tetto Monaldi Il premier Gentiloni con i lavoratori del Pastificio Rummo: Un esempio per il Sud e per tutto il Paese Napoli, è allarme per la movida violenta Maurizio Sarri vince il premio "Enzo Bearzot" Accattonaggio: un esercito di minori all’angolo delle strade Istituto studi filosofici, l'appello del figlio del fondatore Marotta ai giovani: Salvatelo (VIDEO) Lavoro, Centri per l' Impiego aperti sabato 29 aprile Gentiloni nel Sannio: Il lavoro una priorità ossessiva, preoccupazione per Alitalia “Storie di Napoli. Nei vicoli del tempo”, il nuovo libro. 30 ragazzi innamorati di Napoli raccontano la città con storie Pd, il governatore De Luca: Voto Renzi ma il programma cambi Tv, i 50 anni di Telenapoli, la prima emittente via cavo in Italia Gentiloni nel Sannio: Anche al Sud si può fare impresa di qualità Consulenti del Lavoro, domani al via a Napoli il 9° congresso nazionale Gentiloni nel Sannio, Scudieri (Adler): Proseguiamo sulla strada dell’innovazione Gentiloni nel Sannio, il sindaco di Airola: Data storica Unicredit, accordo con Cdp per le popolazioni colpite da eventi calamitosi Pagamenti, imprese campane in difficoltà: una su quattro paga alla scadenza Ict Skills Lab, parte la sfida del lavoro 4.0 3 cose da sapere per farti amico il Fisco! Fs, con Busitalia Fast nuovo servizio su gomma in 15 regioni "Totò che tragedia!" al Trianon tra amori e rivista Pmi, fallimenti ancora in calo: Campania terza per attività chiuse nel 2017 Lavoro, disoccupati protestano nella cattedrale di Napoli: chiedono la mediazione di Sepe Curia, Sepe: Chiesi al Papa di non nominarmi vescovo nel giorno del pesce d'aprile Gentiloni nel Sannio, terminata la tappa alla Adler: visita al Pastificio Rummo H&M, per Business of Fashion è tra i migliori datori di lavoro nella moda Case Museo vs Grandi Strutture la partita dell'emozione Industria, da Napoli parte la sfida della Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico Ipertensione e malattie cardiovascolari: esperti internazionali in congresso a Napoli Gruppo VeGè fa il bis: piattaforma e-commerce anche per Isa Riccardo Dalisi a Pompei, in Floridiana le suggestioni del mondo antico Lavoro, alleanze delle abilità: i progetti entro il 2 maggio Blind Vision, il mondo "percepito" di Annalaura di Luggo Arte e cultura, con Lottomatica stage per 50 giovani talenti Nusco apre le porte alla sicurezza

kimbo shop ildenaro 016

L’euro in Europa, medicina o veleno

 

La tabella più inquietante è a pagina 4 della relazione che il vice presidente della Bei Dario Scannapieco svolge in occasione del convegno organizzato presso la Reggia di Caserta su come Investire nelle regioni meridionali.

Che cosa si legge?

Che nei venti anni che vanno dal 1996 al 2016 il Mezzogiorno cresce di uno striminzito 1,3 per cento, il Centro Nord si attesta al 12,5 per cento (9,8 la media nazionale), l’area dell’euro (18 paesi) arriva al 32,7 per cento, l’Unione europea (28 paesi compresa la Gran Bretagna) sale al 38,8 per cento e l’area non euro fa un salto del 59,8 per cento.

Guardando agli estremi di questa catena passiamo dal quasi 60 per cento di crescita dei paesi che all’interno dell’Unione non hanno adottato l’euro al poco più dell’1 riservato al Sud Italia che dall’euro è penalizzato due volte in quanto debole parte di un paese indebolito.

60 a 1: una voragine enorme, una distanza impossibile da pensare prim’ancora che da colmare. E che tiene come punti di collegamento – vale la pena di ricordare - il 9,8 per cento della media nazionale, il 32,7 per cento del sottoinsieme dei paesi che in Europa hanno deciso di affidarsi alla moneta comune, il 38,8 per cento di tutti i paesi (euro e non euro) riuniti nell’Unione.

Si assiste dunque a un crescendo di buona salute via via che ci si allontana dall’intossicazione da euro che alle regioni meridionali procura con evidenza un encefalogramma piatto come se nell’ultimo ventennio fossero state ibernate e non avessero vissuto.

Tutto questo mentre altri paesi con i quali l’Italia si trova a dialogare e scambiare all’interno della comune casa europea hanno goduto di un lungo e piacevole periodo di benessere che promette di continuare per la gioia di quelle popolazioni che dell’euro proprio non hanno voluto saperne.

Il Mezzogiorno in vent’anni è rimasto fermo, dunque, ma il Paese tutto si è mosso assai poco: appena un sesto delle più virtuose realtà che conservando valuta e mani libere sono riuscite a cogliere dal progetto comunitario tutti i vantaggi schivando con attenzione gli svantaggi che, infatti, hanno riservato a noi.

Se questo è il dato con il quale fare i conti appare evidente che qualcosa non abbia funzionato e molto si debba fare per rimediare a questa catastrofe che ci allontana dai livelli di capacità produttiva e competitività per i quali si batte il presidente di Confindustria Boccia e che funzionano da spine nel fianco per il presidente del Consiglio Renzi.

Tanto più che i sacrifici compiuti in termini economici e occupazionali (non è un caso se le maggiori perdite di posti di lavoro si siano sopportate qui) non sono compensati da una piena e gratificante solidarietà visto che anche di fronte al dramma dei migranti l’Italia è lasciata pressoché sola a sbrigare faccende di cui andrebbe condiviso almeno l’onore.

Quest’Europa a troppe velocità non funziona. E sono i numeri a denunciarlo meglio di come potrebbe farlo qualsiasi discorso appassionato sui tempi belli di una volta. E l’euro è una medicina che bisogna imparare ad assumere nella modalità giusta perché possa svolgere gli effetti benefici per i quali è stata pensata.

In caso contrario, può funzionare da veleno.