n63

Log in
NEWS
Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto Orizzonti di pace Wine&Thecity 2017, chiusura con danze e luci su Palazzo San Giacomo Sapa, workshop a Torino: fatturato da 130 mln, occhio a sicurezza e ambiente Contratti di Sviluppo, intesa da 325 milioni di euro Regione, Alfieri: Psr, entro l'estate bandi per 245 milioni di euro Kinder porta a Napoli il progetto S3 Volley Studio choc del Pascale: Chi non ha i soldi muore più facilmente di tumore dilizia non residenziale, affari d'oro in Campania nel 2016

kimbo shop ildenaro 016

La rivoluzione liberale di Boccia e Calenda

Una rivoluzione avanza strisciando. Non perché chi la propone voglia nasconderla ma perché è vista e intravista dai destinatari che mentre gettano un occhio all’oggetto misterioso continuano ad agire come se non esistesse. Si tratta della prima e vera rivoluzione liberale che sta attraversando il Paese di convegno in convegno, di assemblea in assemblea, con il risultato che tutti cominciano a parlarne senza però capirne a fondo il significato. Il manifesto di questa rivoluzione è condensato nella relazione che di fatto ha aperto l’era di Vincenzo Boccia in Confindustria ed è stato completato dall’intervento successivo del ministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda. Entrambi, ministro e presidente, hanno anticipato quello che sarebbe diventato il motivo dominante di ogni successiva dichiarazione riuscendo perfino a raccogliere gli applausi di chi non avrebbe alcun motivo per condividere. La rivoluzione liberale, dunque, si nasconde dietro il paravento della politica dei fattori che sta piano piano sostituendo quella dei settori che ha dominato in Italia negli anni successivi alla prima Cassa segnando delusioni e sconfitte. La politica dei fattori, per dirla in breve, provvede a creare le migliori condizioni perché gli attori economici possano raggiungere le mete che si prefiggono combinando le possibilità al meglio delle loro capacità.

La politica dei settori, al contrario, stabilisce dove sia meglio investire creando incentivi a farlo che incoraggiano alcuni imprenditori a scapito di altri senza quindi premiare il merito ma il solo posizionamento in questo o quel settore. Da qui la distorsione di rivolgere l’attenzione dove maggiori sono gli aiuti anche se non ne vale la pena e si sa già che i soldi investiti, naturalmente pubblici, saranno gettati al vento una volta che l’iniziativa dovesse rivelarsi fallimentare. La politica dei settori, insomma, sceglie i suoi attori e non sempre tra i migliori disponibili. La politica dei fattori eccita invece la partecipazione di chi ha voglia e idee da spendere con attitudine competitiva sul mercato. Calenda e Boccia sono entrambi presenti al convegno annuale dei Giovani di Confindustria a Capri e sarà bene ascoltare i loro motivi perché non sarà difficile, una volta avvertiti, riconoscere la musica nuova che suoneranno. La politica dei fattori ha fiducia nelle capacità individuali da mettere alla prova dei fatti mentre quella dei settori nasce dalla presunzione che qualcuno in qualche ufficio pubblico possa stabilire dove convenga puntare e dove no. Un atteggiamento che potrebbe forse avere una ragione in caso di decisori illuminati in contesti stabili e prevedibili.

L’esatto contrario della realtà che ci circonda e nella quale, ci piaccia o non ci piaccia, siamo immersi.