n63

Log in
NEWS
Borsa mediterranea del Turismo, folla allo stand Blu Hotels per i calciatori del Napoli Confindustria Benevento, il 31 incontro con gli iscritti a San Marco dei Cavoti Mdp, sabato 1° aprile a Napoli la prima assemblea nazionale dei comitati promotori Fondi Ue, De Luca: Rendicontato il 104% del ciclo 2007-2013 Napoli, Bilancio 2017-2019: confermate le tariffe per rifiuti, Imu e Tasi Amministratori professionisti, la sicurezza in condominio: confronto tra categorie Ragazzi incattiviti: la legge del bullismo Credito delle Pmi, 225 mln ai Confidi: domande dal 2 maggio Afragola, sì ai progetti di riqualificazione nei quartieri dellarea Tav Cinema, Ozpetek a Napoli per il nuovo film: incontro col sindaco Mdp, Rostan: Oggi nasce sede a Ponticelli Agroalimentare, Coldiretti: Mozzarella primo formaggio dop del Sud Srm, Bioeconomia opportunità per il territorio: ecco il rapporto Mozzarella di bufala campana, filiera da 300 milioni: va all'estero il 30% della produzione Msc Crociere, a bordo arriva il dining flessibile con pacchetti "food" Lavoro, crescono le assunzioni a tempo: in calo il posto fisso Banco di Napoli, Guido: 6,5 mld di finanziamenti al Sud nel 2016 Bio-economia, Barracco (Banco di Napoli): Occasione per investire al Sud Regione Campania, alle 16 si vota la fiducia al Collegato Vino italiano negli Usa, il futuro passa per i consumatori Millennials Volla, via alla riqualificazione delle aree verdi Napoli, Tar dà ragione al Comune su regolamento sale giochi Ospedale di Agropoli, attivato Pronto Soccorso Dall'accademia alla corsia: via al progetto della Federico II Aeroporto di Napoli, sold out per il primo volo diretto a Sharm Pd, Commissione alle prese con i ricorsi a Napoli: pressing romano Anm, navetta per giornate Fai a Villa Rosebery Mostre, al via "Napoli Svelata" tra sacralità ed esoterismo Pon Legalità, 377 milioni per 5 Regioni del Sud Riforma sanitaria Usa, slitta ad oggi il voto del Congresso Thermofrigor Sud, la società napoletana realizzerà il cuore del supertelescopio E-Elt Risparmio e investimenti, come valutare i Titoli di Stato? Giovani Imprenditori campani, eletto Francesco Giuseppe Palumbo Rivedere tutta la questione libica Le università del terzo millennio per i costruttori del domani

kimbo shop ildenaro 016

La rivoluzione liberale di Boccia e Calenda

Una rivoluzione avanza strisciando. Non perché chi la propone voglia nasconderla ma perché è vista e intravista dai destinatari che mentre gettano un occhio all’oggetto misterioso continuano ad agire come se non esistesse. Si tratta della prima e vera rivoluzione liberale che sta attraversando il Paese di convegno in convegno, di assemblea in assemblea, con il risultato che tutti cominciano a parlarne senza però capirne a fondo il significato. Il manifesto di questa rivoluzione è condensato nella relazione che di fatto ha aperto l’era di Vincenzo Boccia in Confindustria ed è stato completato dall’intervento successivo del ministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda. Entrambi, ministro e presidente, hanno anticipato quello che sarebbe diventato il motivo dominante di ogni successiva dichiarazione riuscendo perfino a raccogliere gli applausi di chi non avrebbe alcun motivo per condividere. La rivoluzione liberale, dunque, si nasconde dietro il paravento della politica dei fattori che sta piano piano sostituendo quella dei settori che ha dominato in Italia negli anni successivi alla prima Cassa segnando delusioni e sconfitte. La politica dei fattori, per dirla in breve, provvede a creare le migliori condizioni perché gli attori economici possano raggiungere le mete che si prefiggono combinando le possibilità al meglio delle loro capacità.

La politica dei settori, al contrario, stabilisce dove sia meglio investire creando incentivi a farlo che incoraggiano alcuni imprenditori a scapito di altri senza quindi premiare il merito ma il solo posizionamento in questo o quel settore. Da qui la distorsione di rivolgere l’attenzione dove maggiori sono gli aiuti anche se non ne vale la pena e si sa già che i soldi investiti, naturalmente pubblici, saranno gettati al vento una volta che l’iniziativa dovesse rivelarsi fallimentare. La politica dei settori, insomma, sceglie i suoi attori e non sempre tra i migliori disponibili. La politica dei fattori eccita invece la partecipazione di chi ha voglia e idee da spendere con attitudine competitiva sul mercato. Calenda e Boccia sono entrambi presenti al convegno annuale dei Giovani di Confindustria a Capri e sarà bene ascoltare i loro motivi perché non sarà difficile, una volta avvertiti, riconoscere la musica nuova che suoneranno. La politica dei fattori ha fiducia nelle capacità individuali da mettere alla prova dei fatti mentre quella dei settori nasce dalla presunzione che qualcuno in qualche ufficio pubblico possa stabilire dove convenga puntare e dove no. Un atteggiamento che potrebbe forse avere una ragione in caso di decisori illuminati in contesti stabili e prevedibili.

L’esatto contrario della realtà che ci circonda e nella quale, ci piaccia o non ci piaccia, siamo immersi.