Log in
NEWS
Canada, Calenda: Con l'accordo Ceta vantaggi per Pmi e cittadini europei Interporto Sud Europa, confronto tra aziende di logistica e Its: si punta sulla formazione Welfare, via al riparto del fondo sociale 2017: più di 28 mln alla Campania Agroalimentare, De Luca inaugura la Scuola del Gusto a Torrecuso Eav, da ottobre secondo agente sui bus a Bacoli e Castellammare Napoli, Palladino al sindaco: Rom, belle parole ma seguano i fatti L'ambasciatore algerino invita le aziende campane al Forum di Pescara L'Ambasciata italiana e i festeggiamenti di San Gennaro negli Usa Palumbo Group, Isa Yachts vende il nuovo superyacht di 65 metri Energie per l'Italia, parte il tour campano. Parisi: Pronta la squadra Criminalità, Gabrielli: Profondo senso di insicurezza sociale nel Paese Formazione manager, prosegue il corso in Campania Cultura, dal Mibact 132 mln per i Grandi progetti: fondi a Capodimonte, Reggia di Caserta e Catacombe di Napoli Napoli, da capitale morale a nobile fiaba San Giorgio a Cremano, i ritratti di Noschese e Troisi sui muri della Stazione Circum Allerta attentati, made in Campania l'app per gestire le operazioni di soccorso Prosciutto di Parma, in Giappone tutela per il marchio: è la prima volta di un prodotto straniero Gruppo Trevi, nuove commesse all'estero per 75 mln dollari Fondazione con il Sud, Nuove Generazioni: in arrivo il bando da 60 milioni E-Distribuzione, a Secondigliano componenti hi-tech per la rete Fincantieri, appello al Governo della Fim Cisl: Si salvaguardi l'industria italiana Mehta al San Carlo con "Fidelio", Bergamasco sul palco Lavoro, Inps: nei primi 7 mesi assunzioni stabili giù del 4,6% Porto Marina d'Arechi, a Genova con numeri record: +22%. Gallozzi: Avanti così Ciclofficina solidale, in bici alla scoperta dell'Oasi di Frassineto Test di Architettura al Politecnico di Milano, dall'Università della Campania record di candidati idonei Un esoscheletro in 3D al posto del gesso: il Santobono di Napoli fra i vincitori dell'Innova S@lute 2017 Almaviva Napoli, elezioni delle Rsu: la Cgil conquista la maggioranza La periferia di Napoli su "Le Monde": Scampia lontana dai cliché mafiosi Mdp, dal 27 settembre a Napoli la prima festa: è dedicata al lavoro Sepe alla messa per San Matteo, patrono della Guardia di Finanza Porto Marina d'Arechi, Boccia ospite dello stand al Salone Nautico di Genova "Veleno", a Casal di Principe la presentazione del film sulla vera storia della Terra dei Fuochi Olio Dante partecipa all'Atelier della Salute per promuovere uno stile di vita sano Alessandro Paola nuovo comandante dei Vigili del Fuoco di Livorno

kimbo shop ildenaro 016

La rivoluzione liberale di Boccia e Calenda

Una rivoluzione avanza strisciando. Non perché chi la propone voglia nasconderla ma perché è vista e intravista dai destinatari che mentre gettano un occhio all’oggetto misterioso continuano ad agire come se non esistesse. Si tratta della prima e vera rivoluzione liberale che sta attraversando il Paese di convegno in convegno, di assemblea in assemblea, con il risultato che tutti cominciano a parlarne senza però capirne a fondo il significato. Il manifesto di questa rivoluzione è condensato nella relazione che di fatto ha aperto l’era di Vincenzo Boccia in Confindustria ed è stato completato dall’intervento successivo del ministro allo Sviluppo economico Carlo Calenda. Entrambi, ministro e presidente, hanno anticipato quello che sarebbe diventato il motivo dominante di ogni successiva dichiarazione riuscendo perfino a raccogliere gli applausi di chi non avrebbe alcun motivo per condividere. La rivoluzione liberale, dunque, si nasconde dietro il paravento della politica dei fattori che sta piano piano sostituendo quella dei settori che ha dominato in Italia negli anni successivi alla prima Cassa segnando delusioni e sconfitte. La politica dei fattori, per dirla in breve, provvede a creare le migliori condizioni perché gli attori economici possano raggiungere le mete che si prefiggono combinando le possibilità al meglio delle loro capacità.

La politica dei settori, al contrario, stabilisce dove sia meglio investire creando incentivi a farlo che incoraggiano alcuni imprenditori a scapito di altri senza quindi premiare il merito ma il solo posizionamento in questo o quel settore. Da qui la distorsione di rivolgere l’attenzione dove maggiori sono gli aiuti anche se non ne vale la pena e si sa già che i soldi investiti, naturalmente pubblici, saranno gettati al vento una volta che l’iniziativa dovesse rivelarsi fallimentare. La politica dei settori, insomma, sceglie i suoi attori e non sempre tra i migliori disponibili. La politica dei fattori eccita invece la partecipazione di chi ha voglia e idee da spendere con attitudine competitiva sul mercato. Calenda e Boccia sono entrambi presenti al convegno annuale dei Giovani di Confindustria a Capri e sarà bene ascoltare i loro motivi perché non sarà difficile, una volta avvertiti, riconoscere la musica nuova che suoneranno. La politica dei fattori ha fiducia nelle capacità individuali da mettere alla prova dei fatti mentre quella dei settori nasce dalla presunzione che qualcuno in qualche ufficio pubblico possa stabilire dove convenga puntare e dove no. Un atteggiamento che potrebbe forse avere una ragione in caso di decisori illuminati in contesti stabili e prevedibili.

L’esatto contrario della realtà che ci circonda e nella quale, ci piaccia o non ci piaccia, siamo immersi.