n63

Log in
NEWS
Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto Orizzonti di pace Wine&Thecity 2017, chiusura con danze e luci su Palazzo San Giacomo Sapa, workshop a Torino: fatturato da 130 mln, occhio a sicurezza e ambiente Contratti di Sviluppo, intesa da 325 milioni di euro Regione, Alfieri: Psr, entro l'estate bandi per 245 milioni di euro Kinder porta a Napoli il progetto S3 Volley Studio choc del Pascale: Chi non ha i soldi muore più facilmente di tumore dilizia non residenziale, affari d'oro in Campania nel 2016

kimbo shop ildenaro 016

Il convegno di Capri, così uguale così diverso

Il convegno annuale dei Giovani imprenditori a Capri (in programma venerdì e sabato 21 e 22 ottobre) produce sempre un’emozione per chi, come chi scrive, lo ha visto nascere e crescere potendo misurare la gran parte dei propri anni professionali su quelli della manifestazione.

Certo, i tempi cambiano e sarebbe strano e pericoloso che non lo facessero. La formula che trent’anni fa appariva moderna ed era innovativa oggi non lo è più e tutte le sere su più canali possiamo assistere al confronto e allo scontro dei personaggi che ritroviamo nel teatrino del Quisisana. Ma a Capri è un’altra cosa.

C’è un’attesa, una voglia, un’intenzione che rende tutto più eccitante. Poi c’è il bagno di folla, l’incontro con amici e colleghi che magari non vedevi esattamente da un anno. L’occasione per registrare le novità che non vanno sui social, per vedere di faccia l’interlocutore anche quotidiano delle email di lavoro, per osservare come e quanto il passare del tempo cambia le persone.

Poi vengono i contenuti. Che giungevano e giungono, dopo qualche cambiamento procedurale, nel pieno della discussione che prepara la legge che torna a chiamarsi di Bilancio. È vero che le decisioni importanti sono quasi tutte prese e che i vincoli imposti dall’Europa riducono di molto le capacità di manovra dei governi ma un sano faccia a faccia produce ancora i suoi effetti e se ben fatto può aiutare a capire.

Infine ci sono i protagonisti dell’evento, i giovani industriali, che cambiano di nome ma non di spirito come se incarnassero un ideale di partecipazione e comportamento che li contraddistingue e li fa riconoscere nonostante il rumore che li circonda.

Insomma, il convegno di Capri è un rito con i suoi pregi e i suoi difetti e i primi di gran lunga superiori ai secondi. E non fa niente se il percorso per arrivare alla meta è pieno di litigi, incomprensioni, piccole e grandi cattiverie, perché di questa pasta è fatta l’esistenza umana e bisogna imparare a trattarla.

Le tecniche si acquisiscono con lo studio e poi ci sono fior di professionisti che possono aiutare all’occorrenza. Quello che non si può delegare, ciò che distingue un imprenditore da qualsiasi altro lavoratore, è la lettura del futuro con sufficiente anticipo sui concorrenti, la voglia di rischiare, la capacità di gestire situazioni complesse.

Per tutto questo le associazioni sono una palestra insostituibile. E i momenti di aggregazione sono snodi di un percorso di apprendimento al tempo stesso duro e giocoso nel difficile e fondamentale compito di costruire una personalità.