n63

Log in
NEWS
Napoli, genitori dei trapiantati cuore su tetto Monaldi Il premier Gentiloni con i lavoratori del Pastificio Rummo: Un esempio per il Sud e per tutto il Paese Napoli, è allarme per la movida violenta Maurizio Sarri vince il premio "Enzo Bearzot" Accattonaggio: un esercito di minori all’angolo delle strade Istituto studi filosofici, l'appello del figlio del fondatore Marotta ai giovani: Salvatelo (VIDEO) Lavoro, Centri per l' Impiego aperti sabato 29 aprile Gentiloni nel Sannio: Il lavoro una priorità ossessiva, preoccupazione per Alitalia “Storie di Napoli. Nei vicoli del tempo”, il nuovo libro. 30 ragazzi innamorati di Napoli raccontano la città con storie Pd, il governatore De Luca: Voto Renzi ma il programma cambi Tv, i 50 anni di Telenapoli, la prima emittente via cavo in Italia Gentiloni nel Sannio: Anche al Sud si può fare impresa di qualità Consulenti del Lavoro, domani al via a Napoli il 9° congresso nazionale Gentiloni nel Sannio, Scudieri (Adler): Proseguiamo sulla strada dell’innovazione Gentiloni nel Sannio, il sindaco di Airola: Data storica Unicredit, accordo con Cdp per le popolazioni colpite da eventi calamitosi Pagamenti, imprese campane in difficoltà: una su quattro paga alla scadenza Ict Skills Lab, parte la sfida del lavoro 4.0 3 cose da sapere per farti amico il Fisco! Fs, con Busitalia Fast nuovo servizio su gomma in 15 regioni "Totò che tragedia!" al Trianon tra amori e rivista Pmi, fallimenti ancora in calo: Campania terza per attività chiuse nel 2017 Lavoro, disoccupati protestano nella cattedrale di Napoli: chiedono la mediazione di Sepe Curia, Sepe: Chiesi al Papa di non nominarmi vescovo nel giorno del pesce d'aprile Gentiloni nel Sannio, terminata la tappa alla Adler: visita al Pastificio Rummo H&M, per Business of Fashion è tra i migliori datori di lavoro nella moda Case Museo vs Grandi Strutture la partita dell'emozione Industria, da Napoli parte la sfida della Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico Ipertensione e malattie cardiovascolari: esperti internazionali in congresso a Napoli Gruppo VeGè fa il bis: piattaforma e-commerce anche per Isa Riccardo Dalisi a Pompei, in Floridiana le suggestioni del mondo antico Lavoro, alleanze delle abilità: i progetti entro il 2 maggio Blind Vision, il mondo "percepito" di Annalaura di Luggo Arte e cultura, con Lottomatica stage per 50 giovani talenti Nusco apre le porte alla sicurezza

kimbo shop ildenaro 016

Napoli, il corpo della speranza

L’accademia della Apple che apre a Napoli e il call center di Almaviva che invece chiude sono due facce della stessa città che passa con disinvoltura e spesso con indifferenza dalle stelle alle stalle quasi disdegnando di fermarsi a un livello di serena normalità.

Qui più che altrove la media è una truffa, una dimensione che si ritrova solo nelle statistiche ma non esiste nella realtà se non per pochissimi ed occasionali casi pronti a modificarsi nel momento stesso della loro osservazione. Insomma, una perenne rappresentazione di Miseria e Nobiltà.

A Napoli, città universale e dotata di un’anima, unica al mondo per avere un patrono che offre periodiche prove di esistenza come fa San Gennaro, si può trascorrere la più bella giornata della vita come si può vivere il peggior incubo metropolitano. Inferno e Paradiso, non scopriamo nulla di nuovo.

Il punto è capire se un andamento di questo tipo, un’altalena in moto perpetuo e dall’escursione sempre più ampia, possa essere compatibile con i capricci della Modernità che in ogni epoca mostra le specifiche qualità da rispettare se si vuole essere invitati a farne parte.

È compatibile, dunque, il frenetico saliscendi della vita partenopea con la richiesta comprensione e riconoscibilità avanzata dagli investitori internazionali per farsi convincere a puntare i propri soldi? Rassicura o spaventa il movimento elevato a sistema?

La teoria della comunicazione insegna che nulla allontana più di un andamento intermittente. L’impossibilità di anticipare una tendenza, di decifrare per tempo la direzione e il verso di un comportamento, di intravedere la fine di un percorso accidentato, genera spavento.

E poiché anche il male ha i suoi numerosi estimatori, ecco che si moltiplicano i casi di morbosa attenzione da parte di chi trova eccitante o mediaticamente efficace puntare una fiche sul territorio di gomorra pronto a salutare non appena le condizioni dovessero degenerare.

D’altra parte se nemmeno le istituzioni credono davvero valga la pena impegnarsi per il risanamento e il rilancio di Bagnoli, la rigenerazione dell’area est dove privati cittadini hanno pronti miliardi da mettere sul campo, il recupero del centro storico, non possiamo meravigliarci di nulla.

Viviamo in sospensione senza eccitarci troppo per le buone notizie ed evitando di farci abbattere da quelle brutte, tanto tutto vale lo spazio di un mattino. Le inaugurazioni sono buone ragioni per far festa ma ad avere la meglio è il senso di precarietà che le accompagna.

La città gassosa ha preso il sopravvento su quella solida dopo un passaggio veloce nella dimensione liquida. E di aria sono fatte tante e troppe dichiarazioni che non hanno nulla di concreto su cui poggiare confondendo i desideri con una realtà che spesso si vendica.

I giovani che vanno sono quasi più di quelli che restano e, nonostante tutto, c’è chi continua a credere in un futuro di riscatto e per quello si batte al di là di ogni

ragionevole aspettativa di vederlo maturare. Dopo tutto resta attraente il corpo della speranza.