Log in
NEWS
BL è a mille, successo per il nuovo store di Claudia Catapano Penisola Sorrentina, riconoscimento speciale all’artista sannita Giuseppe Leone Totò, a New York un docufilm dedicato al principe della risata "Fantasy Day", quattro giorni di eventi a Villa Bruno Ettore Mocella riconfermato alla guida di Confartigianato Campania Confindustria Benevento, successo per "Visit Beneventum" al Ttg di Rimini Il mercato del gioco online: i trend del 2017 Forza Italia, abusivismo: al via l'"Home tour" per spiegare le ragioni del ddl Catastrofi naturali, Coviello (Cnr): Italia e Campania ad alto rischio Nuovi impianti eolici in Campania, il Tar conferma i provvedimenti della Regione Bozza di Bilancio, 100% di decontribuzione per i giovani assunti al Sud Coca-Cola leader mondiale di sostenibilità: a Marcianisce riciclato il 98% dei rifiuti di produzione Villa Tufarelli, domani aperi-dance con la performance di Alessandra Rimonti Teatro Gesualdo, l'Orchestra di Piazza Vittorio in concerto Avellino, ordinanza anti-smog: blocco auto in centro per tre domeniche "AzzurriAmo", taglio del nastro a Napoli per la nuova avventura editoriale Costa Crociere, progetto benefico per costruire una scuola in Colombia Italia-Madagascar, nuove opportunità per le Pmi italiane Linfociti "killer", nuova terapia genica contro il linfoma Bozza di Bilancio, contributo di 1,8 mln l'anno alla Fondazione Idis-Città della Scienza Festival Ville Vesuviane, il Miglio d'Oro tra storia e cultura "Totò Genio" in mostra al Museo di Roma Moneta elettronica o contante? Concorso di idee alla Federico II di Napoli Visite specialistiche: al Sud ci rinuncia un cittadino su 10 Salute, liste di attesa in aumento: maglia nera al Sud Vaccini e screening, promosse solo 5 Regioni. Campania al di sotto della soglia minima Anm, Filt Cgil: dal tavolo le indicazioni per una soluzione vera Commercialisti, convegno su Jobs act. Gribaudo: sgravi fiscali per lavoratori autonomi G7 Interni a Ischia, manifestanti in corteo nel centro di Napoli Kiton, nuovi negozi in Usa e Cina ma la produzione sempre qua Servizio civile, Inac e Cia Campania per i diritti dei più deboli G7 Interni a Ischia, si punta a un'intesa contro il terrorismo su web Scuola, progetto con il Cern per 800 studenti: 24 andranno a Ginevra Sla, avviata la sperimentazione con una nuova biomolecola Bonifica Resit Giugliano, Galletti: Sarà completata a gennaio 2018

kimbo shop ildenaro 016

La classe agiata

Nel Bazar delle Follie, per quanto datato il business è il re e l’imprenditorialità la sua schiava. Eppure, la cultura dell’innovazione aperta, come dai noi configurata in questo blog, trova un terreno fertile nell’imprenditorialità modellata sulla taglia degli individui di talento che combinano insieme scienze e arti, giocando così a tutto campo con l’innovazione. Nel gioco sono coinvolte le imprese imprenditoriali, quelle che collaborando con università e centri di ricerca pubblici e privati innovano disegnando prodotti e servizi personalizzati, risultanti dalla scoperta dei bisogni latenti, e non solo dalla domanda, di un singolo individuo o gruppo.
Lungo le linee di pensiero in precedenza delineate, la cultura dell'innovazione aperta entra in conflitto con il business corrente. Immerso nell’età dell'industrializzazione, il business si è modellato intorno ai prezzi elevati, alla massimizzazione dei profitti e alla propensione al consumo intesa come esaltazione personale della felicità e, quindi, come fine supremo della vita. L'obiettivo del business visto in questa luce, insieme alla deriva consumistica, ha messo al palo tendenze scientifiche e talenti, sia orientati verso l'innovazione generatrice di produttività sostenibile nel tempo, sia determinati a promuovere una ricchezza diffusa a vantaggio del bene comune. Anche quando tale modello aziendale ha incorporato il concetto di prodotti migliori e meno costosi, l'innovazione ha svolto un ruolo marginale, finendo per essere mercificata. Le restrizioni imposte all'innovazione sono state accompagnate da maggiori concentrazioni di potere e ricchezza da parte del top management aziendale e del settore finanziario. Di conseguenza, i consumi vistosi hanno fatto ancora una volta la loro comparsa sulla scena, ostentati dai più ricchi borghesi che ci rimandano con la memoria all’età d'oro americana – la  classe facoltosa che pensa di agire razionalmente a vantaggio dei propri interessi e fissa gli standard cui mira ogni livello della società. Quella classe è stata esposta allo spirito e alla satira di Thorstein Veblen (1857-1929) nella sua opera più famosa, La Teoria della classe agiata, che i padroni del Bazar hanno sempre tentato di relegare ai margini.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.