Log in
NEWS
Scossa di terremoto e crolli: tragedia ad Ischia Archeologia, a Ercolano i raggi X svelano il ritratto di una antica donna romana Fumetti, a Salerno rivive il mito di Trumoon Ap Campania, Barone: Le alleanze le decide Alfano Caso Loreto Mare, domani arrivano i Nas Onlus e Coop sociali, bando da 223 mln: domande a partire dal 7 novembre Incentivi per under 32: ecco le misure allo studio del Governo Isole minori, 15 milioni di euro per l'efficienza energetica Corti di lunga vita, via al contest: 2mila euro in palio per il primo classificato Fca, non solo Jeep: Great Wall punta all'intero gruppo Castel Volturno, si insedia il commissario straordinario Mar Mediterraneo, lo screening di Goletta Verde: in Lazio, Calabria e Campania i punti più inquinati Sal De Riso, piccoli, tondi e deliziosii: ecco i nuovi Cabochon D’Amalfi Acerra, il Comune con la Coldiretti: No al Ceta Scavi di Pompei, tour operator favorevoli all'aumento delle tariffe Cinema, primo ciak per il nuovo film con Rubini: set ad Apice Caso Loreto mare, si indaga per omicidio colposo Edilizia scolastica, via al bando Pon: 350 mln alle Regioni del Sud Ricerca, nuovo bando aerospazio: i progetti entro il 30 settembre Sponz Fest, la Scuola di tarantella montemaranese alla notte del tamburo Zootecnia, banca dati per la biodiversità: 93 milioni per allevatori e centri di ricerca Access City Award 2018: demande entro l'11 settembre Nocera, voto di scambio politico-mafioso: blitz dei carabinieri Scavi di Pompei, ricara il biglietto: da 11 euro passa a 15 Industria Italiana Autobus, giornata storica a Flumeri: l'8 settembre presentazione dei primi mezzi prodotti Caso Loreto mare, Codacons: Gli ispettori non bastano, denuncia a Lorenzin e De Luca Napoli, dopo la delibera primi tavolini a piazza Municipio Nerina Dirindin (Mdp): Caso Loreto mare, occorre riorganizzare il sistema Napoli, de Magistris: La sicurezza? Non si ottiene innalzando i muri Mafia, Dia: Sequestrati in un anno beni per 210 milioni Fca, cinesi di Great Wall interessati a Jeep Tommariello d’oro 2017, ecco i premiati: appuntamento il 26 a Montefusco Sarà il turismo lento e sostenibile il futuro dell’Italia? Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano

kimbo shop ildenaro 016

Gli sperimentatori e la sindrome del "successo come al solito"

 
Non l’arte della conversazione, bensì le pratiche collusive contraddistinguono il nostro Bazar.
È molto dibattuto il tema di come progettare e applicare pratiche che facciano interagire le competenze interne all’impresa con quelle disponibili all’esterno, così evitando la sindrome del ‘non lo abbiamo inventato noi e quindi non va bene’. Questa che in senso lato si definisce “innovazione aperta”, è, però, più di un incontro di competenze: è cultura o, come direbbero i philosophes dell’Illuminismo, ‘arte della conversazione’ che investe l’intera società e il cui orizzonte è, quindi, molto più vasto dell’orizzonte ristretto alle pratiche padroneggiate dagli esperti che perseguono strategie d’innovazione. È una cultura dell’immaginazione, esplorazione, sperimentazione e creazione, in un equilibrio dinamico tra introspezione e apertura mentale, che tocca le corde più sensibili dell’immaginazione umana proiettata verso eventi futuri. Per le organizzazioni e gli individui chiamati ad esporsi ed esprimersi sulla scena dell’innovazione aperta, ha inizio un viaggio d’esplorazione nel vasto campo delle condizioni e abitudini della mente umana sfidata a misurarsi con la realtà esterna in condizioni d’incertezza che sollevano seri dubbi sul se e sul come presentarsi su quella scena.
Il futuro è imperscrutabile, ambiguo, e aperto a tutte le alternative. Una mossa importante di un concorrente, o una nuova tecnologia, a volte è tutto quello che serve per segnare il declino di un impero determinato a far crescere le proprie fortune rapidamente, premendo sul pedale dell’acceleratore. Se il vostro business attuale è come un giardino curato nei minimi dettagli, con aiuole pulite e alte mura, questo non basta. La prossima opportunità (o minaccia) si può trovare al di fuori di quelle mura, all'incrocio disordinato di settori e mercati.
L’innovazione aperta è un sentiero che ci riporta agli antichi romani che con il verbo patēre intendevano dire ‘ Io sono accessibile’, ‘Io sono esposto’ all’immaginazione, all’esplorazione, alla sperimentazione e alla creazione. È lungo questo sentiero a forma di spazio aperto che i viandanti creano o vanno in cerca di opportunità, e trovano soluzioni per problemi difficili o contorti.
L’innovazione aperta con la conoscenza, le competenze e abilità liberamente scambiate tra i gruppi culturali è lo spirito del tempo che viviamo, contraddistinto dall’enfasi posta sulle più ampie possibilità d’accesso a nuove conoscenze e risorse, e alla loro traduzione imprenditoriale. Ne emerge una cultura ibrida arricchita da un canone di opzioni che rispecchia i diversi aspetti dell’innovazione aperta. Tra questi, l’altruismo merita di essere preso in considerazione, e con esso l’apertura alla sperimentazione con soluzioni anche irrituali e non prescrittive.
Sperimentare in un ambiente d'innovazione aperta significa essere focalizzati sull’esplorazione anziché sullo sfruttamento dell’esistente. Gli sperimentatori cercano di tenere bene in mente il grande quadro e guardano con diffidenza all’eccesso di efficienza e ottimizzazione. Di conseguenza, si sforzano di scoprire nuovi orizzonti e, quindi, tentano di tracciare percorsi inediti. Gli sperimentatori si rendono conto che l'obiettivo non è inseguire un orizzonte fisso, ma capire quando e come l'orizzonte si sposta al loro avvicinarvisi. Così operando, gli sperimentatori sfidano le forze gravitazionali dello status quo. Resistendo alla sindrome del "successo come al solito", esplorano tecnologie emergenti e nuovi modelli di business. Questa prospettiva li aiuta a promuovere modi non convenzionali di pensare e risolvere determinati problemi.