n63

Log in
NEWS
Forza Italia, nominati i componenti del coordinamento cittadino Universiadi, A. Cesaro (Fi): Il silenzio del ministro è un'occasione persa Giovanni Francesco Russo nuovo coordinatore di Campania Libera Napoli Turismo, domani al Med Festival Experience la firma all'intesa con Russia, Serbia e Brasile Volontariato al Sud, contributi alle coop sociali Go Sud, un concorso di idee per valorizzare i luoghi della cultura Le verità, presentato il thriller psicologico ambientato a Napoli Dal consolato spagnolo l'omaggio al connubio culturale con Napoli Sicurezza sul lavoro, al via l’assegnazione degli incentivi: domande fino al 5 giugno Unione Industriali, fronte comune tra Regione e imprese sullo sviluppo urbano Capitale europea dell’innovazione: primo premio da 1milione di euro Centenario Unione Industriali Napoli, De Vincenti: In moto investimenti importanti Centenario Unione Industriali Napoli, Boccia: In Italia troppi esperti del passato Centenario Unione Industriali Napoli, Prezioso: Bagnoli? Servono interventi choc Abc, all'azienda del Comune di Napoli il Premio Natura 2017 Centenario Unione Industriali Napoli,Pan: Il Sud snodo geopolitico chiave per l'Ue Centenario Unione Industriali Napoli,Arcuri: Appello al silenzio per Bagnoli Centenario Unione Industriali Napoli, Guido: Porti, puntare sull'internazionalizzazione Libri, sabato a Gaeta la presentazione del volume di Paolo Russo "Sua Eccellenza" Visionemotion, questa sera la videomostra personale di Salvio Vassallo Lepore sui giovani: Devono contribuire allo sviluppo Carabinieri aprono nuova caserma nel salernitano De Vincenti su Bagnoli: Presto la Cabina di regia Napoli, nella chiesa di S. Gregorio la commemorazione del genocidio armeno Turismo, Sorrento e Paestum le località che puntato più sul web Musica, apre in città prima sala della musica napoletana Cassa Rurale di Battipaglia e Montecorvino Rovella, nasce la Fondazione Aidepi, ecco la guida per abbinare pasta e condimento Giubileo Sepe, l'omelia dell'Arcivescovo: Insieme contro il grave cancro della malavita PizzaUnesco, il sottosegretario De Filippo firma la petizione Sud, Boccia: Spopolamento? Occorre reagire per evitare che accada Sisma, la Pro Loco di Montecorvino Rovella dona una ludoteca a Cittareale Alitalia, Boccia: Una vicenda specchio del Paese Sindaci della Costiera Amalfitana in campo per piano traffico Napoli, da Polizia Municipale retata contro taxi abusivi

kimbo shop ildenaro 016

Le università del terzo millennio per i costruttori del domani

 
 
In quest’ultima tappa del nostro viaggio, intravediamo i costruttori del domani, quelli che non hanno voce nel Bazar delle Follie: i futurologi, i tecnologi, gli scienziati e gli imprenditori che creano le Università del terzo millennio. Sono esse che generano un’energia imprenditoriale che è uguale a una massa di motivazioni dei partecipanti a muovere la conoscenza moltiplicata per le tre creatività di Akio Morita, il fondatore della Sony: creatività nella tecnologia, creatività nei processi e nei modelli di business, creatività nel marketing. 
Le Minerva Schools stanno facendo rivivere l'epopea dei clerici vagantes, che ebbe il suo centro di gravità a Bologna, quando nel 1088 nacque la prima Università del secondo millennio. La comunità degli studenti, i Minerva, proveniente da tutto il mondo, si ritrova il primo semestre a San Francisco. Stanno tutti insieme, vivono insieme, le lezioni sono online, anche se i professori sono di San Francisco. Nei sei semestri successivi si muoveranno in sei città diverse del mondo considerate città-chiave per apprendere processi d’innovazione dirompente. A Bolder, in Colorado, è sorto l'Istituto della Irragionevolezza. La sua nave percorre i mari, porta con sé i giovani imprenditori di domani e i loro allenatori che sbarcano nelle città portuali ritenute avamposti dell'innovazione nel mondo. 
Ciò che accomuna queste iniziative è che i partecipanti, non sapendo che una cosa non può essere fatta e che, se si fa, si sbaglia, la fanno e riescono, e hanno successo, come è accaduto a Dropbox e a PayPal. 
Agli esperti, persone dotate di tanto sapere, c’è da augurare di non scendere troppo nel pozzo della conoscenza e di usarne le mappe volendo far meglio ciò che sanno già fare per rispondere alle domande dei consumatori. Finiscono in nulla i tentativi degli esperti che mirano alla perfezione e a questo fine sono usi disegnare mappe della conoscenza estremamente dettagliate, paragonabili alle mappe cartografiche di cui così scriveva Jorge Luis Borges, “...In quell’Impero, l’arte della cartografia aveva raggiunto una perfezione tale che la mappa di una sola  provincia occupava lo spazio di una città intera, e quella dell’Impero, tutta la  provincia” (Borges, J. L. (1999), ‘On exactitude in science’, In Collected Fictions, London: Penguin Books). 
Agli ignoranti creativi che abbandonano le mappe – non per rispondere alle domande dei consumatori, ma per coglierne i loro bisogni latenti – va augurata una buona ignoranza, ma che sia creativa, intraprendendo il cammino dell’incertezza in direzione di un futuro, un tempo ricco di meraviglie nell'inesplorato. 
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.