Log in
NEWS
Scossa di terremoto e crolli: tragedia ad Ischia Archeologia, a Ercolano i raggi X svelano il ritratto di una antica donna romana Fumetti, a Salerno rivive il mito di Trumoon Ap Campania, Barone: Le alleanze le decide Alfano Caso Loreto Mare, domani arrivano i Nas Onlus e Coop sociali, bando da 223 mln: domande a partire dal 7 novembre Incentivi per under 32: ecco le misure allo studio del Governo Isole minori, 15 milioni di euro per l'efficienza energetica Corti di lunga vita, via al contest: 2mila euro in palio per il primo classificato Fca, non solo Jeep: Great Wall punta all'intero gruppo Castel Volturno, si insedia il commissario straordinario Mar Mediterraneo, lo screening di Goletta Verde: in Lazio, Calabria e Campania i punti più inquinati Sal De Riso, piccoli, tondi e deliziosii: ecco i nuovi Cabochon D’Amalfi Acerra, il Comune con la Coldiretti: No al Ceta Scavi di Pompei, tour operator favorevoli all'aumento delle tariffe Cinema, primo ciak per il nuovo film con Rubini: set ad Apice Caso Loreto mare, si indaga per omicidio colposo Edilizia scolastica, via al bando Pon: 350 mln alle Regioni del Sud Ricerca, nuovo bando aerospazio: i progetti entro il 30 settembre Sponz Fest, la Scuola di tarantella montemaranese alla notte del tamburo Zootecnia, banca dati per la biodiversità: 93 milioni per allevatori e centri di ricerca Access City Award 2018: demande entro l'11 settembre Nocera, voto di scambio politico-mafioso: blitz dei carabinieri Scavi di Pompei, ricara il biglietto: da 11 euro passa a 15 Industria Italiana Autobus, giornata storica a Flumeri: l'8 settembre presentazione dei primi mezzi prodotti Caso Loreto mare, Codacons: Gli ispettori non bastano, denuncia a Lorenzin e De Luca Napoli, dopo la delibera primi tavolini a piazza Municipio Nerina Dirindin (Mdp): Caso Loreto mare, occorre riorganizzare il sistema Napoli, de Magistris: La sicurezza? Non si ottiene innalzando i muri Mafia, Dia: Sequestrati in un anno beni per 210 milioni Fca, cinesi di Great Wall interessati a Jeep Tommariello d’oro 2017, ecco i premiati: appuntamento il 26 a Montefusco Sarà il turismo lento e sostenibile il futuro dell’Italia? Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano

kimbo shop ildenaro 016

La scuola di Papini e l’arduo passo verso l’edificio dell'ignoranza

 
In questa terza tappa del viaggio, i pochi ribelli del Bazar si misurano con l'ignoranza che si apprende, che è consapevole, genuina, piena di propositi, di motivazione, d’immaginazione, che è creativa. L’ignoranza creativa ha una lunga storia, da Socrate a Sant'Agostino a Niccolò Cusano, che scrissero di ignoranza che si apprende; al filosofo tedesco Fichte che disse che il non conoscere è un viaggio nell'infinito; al riformatore dell'istruzione negli Stati Uniti Dewey, che scrisse quanto è importante l'ignoranza genuina per cambiare l'istruzione. Ai giorni nostri, Hans Magnus Enzensberger, politologo tedesco ha scritto che l'ignoranza creativa viene da gesti di rifiuto delle mappe della conoscenza acquisita, e il professor Stuart Firestein, biologo  della Columbia University, tiene un corso sull’ignoranza, ha scritto un libro dal titolo “Ignoranza” e dice ai suoi studenti, “abbiate la capacità negativa per abitare nel mistero, nello sconosciuto e nell'inesplorato”. In letteratura, scrittori come Sir Arthur Conan Doyle (si veda il suo “Uno studio in rosso”) hanno suggerito di non riempire a dismisura – e, quindi, di svuotare periodicamente – la soffitta della conoscenza.
È arduo il passaggio dall'edificio della conoscenza all'altro dell'ignoranza: ci vogliono le doti di un acrobata tanto esperto quanto sono forti i venti che soffiano contro. Sono i venti della scuola tradizionale e soprattutto in paesi, come il Bazar, di ordini professionali che fissano, come nel Medioevo, regole e standard che impediscono agli ignoranti creativi di tracciare sentieri inediti, estranei alle mappe della conoscenza. E a proposito di scuola tradizionale, è bene richiamare un intellettuale italiano dei primi del '900, Giovanni Papini. Papini intorno agli Anni '10 del '900 scrisse che le scuole non dovevano più avere banchi e cattedre, che bisognava sostituire la lezione con dei laboratori di sperimentazione dove gli studenti, tra di loro e con i docenti, potessero dialogare intorno ai loro studi e alle loro ricerche, fino a dire a un collega, “guarda, io uso la tua idea nel campo in cui tu non la usi, in un campo diverso”. Inizia così un gioco che è nello stesso tempo di cooperazione e di competizione.
I veri Papini hanno avuto un seguito? Sì, ma purtroppo non nel Bazar. Il Presidente della Stanford University ha promosso lezioni e materiali di supporto  gratuiti online. Il campus di Stanford è l’arena del dialogo tra studenti e professori. Mentre noi vogliamo riformare le nostre Università, nei mondi più avanzati le Università vengono ridefinite, non riformate. 
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.