Log in
NEWS
Legge di Bilancio, De Vincenti: confermati e rafforzati gli impegni per coesione e Sud Ambrogio Prezioso nuovo Presidente di Confindustria Campania InterArtes 2017, dialoghi tra le arti: si parte con Erri De Luca Lilì Marlene, e la musica si tinge di rosa Anm, conto alla rovescia per la procedura di licenziamento collettivo: domani assemblea dei lavoratori Cisl, Furlan: Da domani una donna alla guida del sindacato in Campania Mozzarella Dop congelata alla conquista dei mercai esteri: nuove polemiche sull'oro bianco campano "Mutui usurari", ecco i dettami della Cassazione Chirurgia, al via oggi a Napoli il Congresso nazionale "Pallottole d'argento" contro il mal di testa: nuova sperimentazione all'Università Vanvitelli di Napoli Camera di Commercio di Napoli, appuntamento con l'Alternanza Day Bnl promuove la "Diversity and inclusion week", eventi gratuiti a Napoli Giocare a pallone allunga la vita delle cellule: lo studio dei ricercatori di Napoli e Copenhagen Gianpiero Falco (Confapi Napoli): Legge Bassanini da rivedere, frena la spesa Ue Rimadesio, il design made in Italy sbarca in Giappone Agroalimentare, da oggi scatta l'obbligo di etichetta per il latte made in Italy Povertà, Italia peggior Paese dell'Europa Occidentale: a rischio quasi uno su tre Campania, si rompe una condotta: stop all'acqua in cinque comuni tra Napoli e Salerno "Carlo Poerio e l'Europa", da oggi via alla mostra dedicata al patriota napoletano Musica, De Sica canta Napoli nella stagione Ico Magna Grecia Una piattaforma digitale per i malati di Sm: il progetto della Federico II vince il Premio Merck Cisl, Annamaria Furlan al congresso regionale della Campania Anche i liberali marciano Terna e Fondazione Cariplo portano anche a Napoli il roadshow per cercare talenti Rfi sigla un protocollo sulla legalità con la Prefettura di Napoli Sailitalia ripropone l'evento Wine & Sail Unicocampania, oltre 107mila richieste di abbonamenti gratis per studenti Porti di Napoli e Salerno, entro fine mese il decreto sulle zone economiche speciali Napoli, Mara Carfagna all'attacco: Via Marina, che disastro Maratona della Salute, Borsacchi vince la Prevention Race Garanzia giovani: 1,2 mln di iscritti, 172 mila lavorano Sindaci donna, maglia nera alla Campania: solo 5 su 100 Forza Italia, parte in Campania la scuola di formazione dei Seniores Credit crunch, prestiti alle aziende giù di oltre 42 mld in un anno Napoli, Bassolino lancia l'hashtag #deMagistrisdicaalsindaco

kimbo shop ildenaro 016

La scuola di Papini e l’arduo passo verso l’edificio dell'ignoranza

 
In questa terza tappa del viaggio, i pochi ribelli del Bazar si misurano con l'ignoranza che si apprende, che è consapevole, genuina, piena di propositi, di motivazione, d’immaginazione, che è creativa. L’ignoranza creativa ha una lunga storia, da Socrate a Sant'Agostino a Niccolò Cusano, che scrissero di ignoranza che si apprende; al filosofo tedesco Fichte che disse che il non conoscere è un viaggio nell'infinito; al riformatore dell'istruzione negli Stati Uniti Dewey, che scrisse quanto è importante l'ignoranza genuina per cambiare l'istruzione. Ai giorni nostri, Hans Magnus Enzensberger, politologo tedesco ha scritto che l'ignoranza creativa viene da gesti di rifiuto delle mappe della conoscenza acquisita, e il professor Stuart Firestein, biologo  della Columbia University, tiene un corso sull’ignoranza, ha scritto un libro dal titolo “Ignoranza” e dice ai suoi studenti, “abbiate la capacità negativa per abitare nel mistero, nello sconosciuto e nell'inesplorato”. In letteratura, scrittori come Sir Arthur Conan Doyle (si veda il suo “Uno studio in rosso”) hanno suggerito di non riempire a dismisura – e, quindi, di svuotare periodicamente – la soffitta della conoscenza.
È arduo il passaggio dall'edificio della conoscenza all'altro dell'ignoranza: ci vogliono le doti di un acrobata tanto esperto quanto sono forti i venti che soffiano contro. Sono i venti della scuola tradizionale e soprattutto in paesi, come il Bazar, di ordini professionali che fissano, come nel Medioevo, regole e standard che impediscono agli ignoranti creativi di tracciare sentieri inediti, estranei alle mappe della conoscenza. E a proposito di scuola tradizionale, è bene richiamare un intellettuale italiano dei primi del '900, Giovanni Papini. Papini intorno agli Anni '10 del '900 scrisse che le scuole non dovevano più avere banchi e cattedre, che bisognava sostituire la lezione con dei laboratori di sperimentazione dove gli studenti, tra di loro e con i docenti, potessero dialogare intorno ai loro studi e alle loro ricerche, fino a dire a un collega, “guarda, io uso la tua idea nel campo in cui tu non la usi, in un campo diverso”. Inizia così un gioco che è nello stesso tempo di cooperazione e di competizione.
I veri Papini hanno avuto un seguito? Sì, ma purtroppo non nel Bazar. Il Presidente della Stanford University ha promosso lezioni e materiali di supporto  gratuiti online. Il campus di Stanford è l’arena del dialogo tra studenti e professori. Mentre noi vogliamo riformare le nostre Università, nei mondi più avanzati le Università vengono ridefinite, non riformate. 
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.