Log in
NEWS
Scossa di terremoto e crolli: tragedia ad Ischia Archeologia, a Ercolano i raggi X svelano il ritratto di una antica donna romana Fumetti, a Salerno rivive il mito di Trumoon Ap Campania, Barone: Le alleanze le decide Alfano Caso Loreto Mare, domani arrivano i Nas Onlus e Coop sociali, bando da 223 mln: domande a partire dal 7 novembre Incentivi per under 32: ecco le misure allo studio del Governo Isole minori, 15 milioni di euro per l'efficienza energetica Corti di lunga vita, via al contest: 2mila euro in palio per il primo classificato Fca, non solo Jeep: Great Wall punta all'intero gruppo Castel Volturno, si insedia il commissario straordinario Mar Mediterraneo, lo screening di Goletta Verde: in Lazio, Calabria e Campania i punti più inquinati Sal De Riso, piccoli, tondi e deliziosii: ecco i nuovi Cabochon D’Amalfi Acerra, il Comune con la Coldiretti: No al Ceta Scavi di Pompei, tour operator favorevoli all'aumento delle tariffe Cinema, primo ciak per il nuovo film con Rubini: set ad Apice Caso Loreto mare, si indaga per omicidio colposo Edilizia scolastica, via al bando Pon: 350 mln alle Regioni del Sud Ricerca, nuovo bando aerospazio: i progetti entro il 30 settembre Sponz Fest, la Scuola di tarantella montemaranese alla notte del tamburo Zootecnia, banca dati per la biodiversità: 93 milioni per allevatori e centri di ricerca Access City Award 2018: demande entro l'11 settembre Nocera, voto di scambio politico-mafioso: blitz dei carabinieri Scavi di Pompei, ricara il biglietto: da 11 euro passa a 15 Industria Italiana Autobus, giornata storica a Flumeri: l'8 settembre presentazione dei primi mezzi prodotti Caso Loreto mare, Codacons: Gli ispettori non bastano, denuncia a Lorenzin e De Luca Napoli, dopo la delibera primi tavolini a piazza Municipio Nerina Dirindin (Mdp): Caso Loreto mare, occorre riorganizzare il sistema Napoli, de Magistris: La sicurezza? Non si ottiene innalzando i muri Mafia, Dia: Sequestrati in un anno beni per 210 milioni Fca, cinesi di Great Wall interessati a Jeep Tommariello d’oro 2017, ecco i premiati: appuntamento il 26 a Montefusco Sarà il turismo lento e sostenibile il futuro dell’Italia? Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano

kimbo shop ildenaro 016

Approdo sull’isola confortevole alla ricerca della nave dei ribelli

 
In questa seconda tappa iniziata la volta scorsa, visitiamo nel paese del Bazar delle Follie la sua famosa Isola confortevole, un territorio abitato dalle persone dotate di tanta conoscenza. Tuttavia, è un'isola dove è difficile praticare e vivere nell'età della conoscenza. Paradosso parrebbe, perché? Perché in questa età della conoscenza c'è bisogno di un'infrastruttura che manca all'Isola: si tratta della knowledgefication, della conoscenza in azione. Quella conoscenza che si traduce in imprese innovative capaci di rompere lo stato dell'arte esistente. La knowledgefication richiede una centrale di approvvigionamento, e questa è l'ignoranza creativa –l'ignoranza che non precede, ma segue la conoscenza e la travolge. Tuttavia, nell’Isola confortevole c'è qualcosa di molto pregiato: è il sentiero del filosofo. Questo sentiero è a Kyoto, in Giappone. Si chiama anche “sentiero della meditazione”. Passano le stagioni, la gente lo percorre, i fenomeni della natura si ripetono e si ha un senso di sicurezza, un senso di ordine che attutisce le sorprese o addirittura le elimina, un po’ come accadde ai Maya dello Yucatan che vedendo all'orizzonte comparire le navi di Cortés dissero, più o meno, “Che strano, è un fenomeno bizzarro del tempo atmosferico”. Non riconobbero in quelle forme la presenza di qualcosa di nuovo.
Nell'Isola confortevole c'è una minoranza formata dagli ignoranti creativi. Costoro non si trovano bene nell'Isola, la considerano una sorta di colonia penale, e allora prendono una nave, la nave dell'ignoranza creativa e volgono le vele verso una terra dove accadono cose straordinarie. La nave esiste: l'ha messa in mare l'Istituto della Irragionevolezza, creato a Boulder, nel Colorado, alcuni anni fa. Chi sono i passeggeri di questo battello? Sono degli ‘alberelli’. L'alberello dice al papà: “Quando sarò grande non voglio essere un albero ma un libro, meglio se un libro digitale affinché la mia famiglia non abbia a morire perché c’è da abbattere gli alberi per produrre libri cartacei”. I nostri ignoranti creativi sono, dunque, dei ribelli, persone che non seguono i percorsi tracciati nelle mappe della conoscenza dai loro genitori.
Gli stessi alberelli, pur ribelli, non amano l'ignoranza passiva: chi non vuol salire la piramide che porta alla conoscenza? Ma qui c'è una differenza fra le persone molto appassionate della loro conoscenza e quelli che si ribellano: gli appassionati scendono dentro la piramide fino in fondo, nei minimi dettagli, e via via che scendono perdono la luce, la visione: sanno sempre più di sempre meno, fino a sapere tutto di niente. E più sanno meno fanno cose davvero nuove, ciò che invece non capita agli ignoranti creativi. Di questa “Sindrome del pozzo” abbiamo esempi eclatanti. Blackberry, all'apparire dell'iPhone disse, “questo è un giocattolo”. Circa un secolo prima, la stessa affermazione pare sia stata fatta dalla Western Union quando definì “giocattolo elettrico” il telefono di Alexander Graham Bell. 
E che dire della Nokia?  
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.