Log in
NEWS
Legge di Bilancio, De Vincenti: confermati e rafforzati gli impegni per coesione e Sud Ambrogio Prezioso nuovo Presidente di Confindustria Campania InterArtes 2017, dialoghi tra le arti: si parte con Erri De Luca Lilì Marlene, e la musica si tinge di rosa Anm, conto alla rovescia per la procedura di licenziamento collettivo: domani assemblea dei lavoratori Cisl, Furlan: Da domani una donna alla guida del sindacato in Campania Mozzarella Dop congelata alla conquista dei mercai esteri: nuove polemiche sull'oro bianco campano "Mutui usurari", ecco i dettami della Cassazione Chirurgia, al via oggi a Napoli il Congresso nazionale "Pallottole d'argento" contro il mal di testa: nuova sperimentazione all'Università Vanvitelli di Napoli Camera di Commercio di Napoli, appuntamento con l'Alternanza Day Bnl promuove la "Diversity and inclusion week", eventi gratuiti a Napoli Giocare a pallone allunga la vita delle cellule: lo studio dei ricercatori di Napoli e Copenhagen Gianpiero Falco (Confapi Napoli): Legge Bassanini da rivedere, frena la spesa Ue Rimadesio, il design made in Italy sbarca in Giappone Agroalimentare, da oggi scatta l'obbligo di etichetta per il latte made in Italy Povertà, Italia peggior Paese dell'Europa Occidentale: a rischio quasi uno su tre Campania, si rompe una condotta: stop all'acqua in cinque comuni tra Napoli e Salerno "Carlo Poerio e l'Europa", da oggi via alla mostra dedicata al patriota napoletano Musica, De Sica canta Napoli nella stagione Ico Magna Grecia Una piattaforma digitale per i malati di Sm: il progetto della Federico II vince il Premio Merck Cisl, Annamaria Furlan al congresso regionale della Campania Anche i liberali marciano Terna e Fondazione Cariplo portano anche a Napoli il roadshow per cercare talenti Rfi sigla un protocollo sulla legalità con la Prefettura di Napoli Sailitalia ripropone l'evento Wine & Sail Unicocampania, oltre 107mila richieste di abbonamenti gratis per studenti Porti di Napoli e Salerno, entro fine mese il decreto sulle zone economiche speciali Napoli, Mara Carfagna all'attacco: Via Marina, che disastro Maratona della Salute, Borsacchi vince la Prevention Race Garanzia giovani: 1,2 mln di iscritti, 172 mila lavorano Sindaci donna, maglia nera alla Campania: solo 5 su 100 Forza Italia, parte in Campania la scuola di formazione dei Seniores Credit crunch, prestiti alle aziende giù di oltre 42 mld in un anno Napoli, Bassolino lancia l'hashtag #deMagistrisdicaalsindaco

kimbo shop ildenaro 016

Approdo sull’isola confortevole alla ricerca della nave dei ribelli

 
In questa seconda tappa iniziata la volta scorsa, visitiamo nel paese del Bazar delle Follie la sua famosa Isola confortevole, un territorio abitato dalle persone dotate di tanta conoscenza. Tuttavia, è un'isola dove è difficile praticare e vivere nell'età della conoscenza. Paradosso parrebbe, perché? Perché in questa età della conoscenza c'è bisogno di un'infrastruttura che manca all'Isola: si tratta della knowledgefication, della conoscenza in azione. Quella conoscenza che si traduce in imprese innovative capaci di rompere lo stato dell'arte esistente. La knowledgefication richiede una centrale di approvvigionamento, e questa è l'ignoranza creativa –l'ignoranza che non precede, ma segue la conoscenza e la travolge. Tuttavia, nell’Isola confortevole c'è qualcosa di molto pregiato: è il sentiero del filosofo. Questo sentiero è a Kyoto, in Giappone. Si chiama anche “sentiero della meditazione”. Passano le stagioni, la gente lo percorre, i fenomeni della natura si ripetono e si ha un senso di sicurezza, un senso di ordine che attutisce le sorprese o addirittura le elimina, un po’ come accadde ai Maya dello Yucatan che vedendo all'orizzonte comparire le navi di Cortés dissero, più o meno, “Che strano, è un fenomeno bizzarro del tempo atmosferico”. Non riconobbero in quelle forme la presenza di qualcosa di nuovo.
Nell'Isola confortevole c'è una minoranza formata dagli ignoranti creativi. Costoro non si trovano bene nell'Isola, la considerano una sorta di colonia penale, e allora prendono una nave, la nave dell'ignoranza creativa e volgono le vele verso una terra dove accadono cose straordinarie. La nave esiste: l'ha messa in mare l'Istituto della Irragionevolezza, creato a Boulder, nel Colorado, alcuni anni fa. Chi sono i passeggeri di questo battello? Sono degli ‘alberelli’. L'alberello dice al papà: “Quando sarò grande non voglio essere un albero ma un libro, meglio se un libro digitale affinché la mia famiglia non abbia a morire perché c’è da abbattere gli alberi per produrre libri cartacei”. I nostri ignoranti creativi sono, dunque, dei ribelli, persone che non seguono i percorsi tracciati nelle mappe della conoscenza dai loro genitori.
Gli stessi alberelli, pur ribelli, non amano l'ignoranza passiva: chi non vuol salire la piramide che porta alla conoscenza? Ma qui c'è una differenza fra le persone molto appassionate della loro conoscenza e quelli che si ribellano: gli appassionati scendono dentro la piramide fino in fondo, nei minimi dettagli, e via via che scendono perdono la luce, la visione: sanno sempre più di sempre meno, fino a sapere tutto di niente. E più sanno meno fanno cose davvero nuove, ciò che invece non capita agli ignoranti creativi. Di questa “Sindrome del pozzo” abbiamo esempi eclatanti. Blackberry, all'apparire dell'iPhone disse, “questo è un giocattolo”. Circa un secolo prima, la stessa affermazione pare sia stata fatta dalla Western Union quando definì “giocattolo elettrico” il telefono di Alexander Graham Bell. 
E che dire della Nokia?  
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.