Log in
NEWS
Laboccetta entra in Parlamneto: prende il posto del dimissionario Calabrò Federterme, presentata Consensus Conference: Le terapie termali contro le malattie muscolo-scheletriche Regione, siglata l'intesa col Miur per lo sviluppo delle competenze digitali Golf, al Circolo Volturno il primo Campus Estivo per bambini Festa al Maschio Angioino per salutare il “Libro di luce” Regione, via libera in commissione alla legge "qualità nelle scuole" Musica contemporanea al San Carlo, studenti interpretano De Simone e Fuschetto Forza Italia, De Siano: Al lavoro per gli stati generali del partito Diego Guida nuovo presidente nazionale del gruppo Piccoli Editori Aie Regione, nuovo percorso di Istruzione Tecnica Superiore per il Made in Italy Regione, nasce Artecard Mann-Capodimonte Endocrinologia, Colao (Federico II): Avanti con i farmaci innovativi, potenziare il ruolo del medico Sanità, Campania tra le regione in cui si muore di più per cure tardive o sbagliate Confindustria, il Centro studi rivede le stime: Pil in rialzo a +1,3% nel 2017 Costruttori Salerno, accesso al credito: via libera al protocollo d'intesa con Confidi Chalet Ciro, 20 lavoratori a rischio: sit in al Comune Emergenza sangue in campania: superata la fase critica Innova S@lute2017, al via la call per progetti innovativi Nuove idee d’impresa, 36mila euro per progetti innovativi e startup Sannio, De Girolamo a Delrio: Sua presenza non sia solo per pubblicità Caso Anm, Pd a de Magistris: Fallimento a un passo Asl Napoli 3, centri per disabili annunciano stato di default Telecomunicazioni, nuove assegnazioni di frequenze radio a Napoli Porto, Spirito: Evitare concorrenza interna, più collaborazione Porto, Confcommercio: Chiave dello sviluppo del Mezzogiorno Ospedale di Frattamaggiore accoglie posti letto psichiatria di Giugliano Delrio sulla Napoli-Bari: Grande progetto Siccità, la Campania chiede stato di calamità Musica, al Festival delle Ville Vesuviane omaggio a Pino Daniele Pufin Power, chiesto il sequestro conservativo nei confronti della Memc Munizioni all'uranio in deposito a Napoli. Clamorosa rivelazione di un'ufficiale Manovra finanziaria triennale all'esame del consiglio regionale Imprenditori under 35 del Sud: finanziamenti fino a 40mila euro Caso Rc Auto, FI attacca il Governo Dottorati innovativi al Sud: domande entro il 24 luglio

kimbo shop ildenaro 016

Approdo sull’isola confortevole alla ricerca della nave dei ribelli

 
In questa seconda tappa iniziata la volta scorsa, visitiamo nel paese del Bazar delle Follie la sua famosa Isola confortevole, un territorio abitato dalle persone dotate di tanta conoscenza. Tuttavia, è un'isola dove è difficile praticare e vivere nell'età della conoscenza. Paradosso parrebbe, perché? Perché in questa età della conoscenza c'è bisogno di un'infrastruttura che manca all'Isola: si tratta della knowledgefication, della conoscenza in azione. Quella conoscenza che si traduce in imprese innovative capaci di rompere lo stato dell'arte esistente. La knowledgefication richiede una centrale di approvvigionamento, e questa è l'ignoranza creativa –l'ignoranza che non precede, ma segue la conoscenza e la travolge. Tuttavia, nell’Isola confortevole c'è qualcosa di molto pregiato: è il sentiero del filosofo. Questo sentiero è a Kyoto, in Giappone. Si chiama anche “sentiero della meditazione”. Passano le stagioni, la gente lo percorre, i fenomeni della natura si ripetono e si ha un senso di sicurezza, un senso di ordine che attutisce le sorprese o addirittura le elimina, un po’ come accadde ai Maya dello Yucatan che vedendo all'orizzonte comparire le navi di Cortés dissero, più o meno, “Che strano, è un fenomeno bizzarro del tempo atmosferico”. Non riconobbero in quelle forme la presenza di qualcosa di nuovo.
Nell'Isola confortevole c'è una minoranza formata dagli ignoranti creativi. Costoro non si trovano bene nell'Isola, la considerano una sorta di colonia penale, e allora prendono una nave, la nave dell'ignoranza creativa e volgono le vele verso una terra dove accadono cose straordinarie. La nave esiste: l'ha messa in mare l'Istituto della Irragionevolezza, creato a Boulder, nel Colorado, alcuni anni fa. Chi sono i passeggeri di questo battello? Sono degli ‘alberelli’. L'alberello dice al papà: “Quando sarò grande non voglio essere un albero ma un libro, meglio se un libro digitale affinché la mia famiglia non abbia a morire perché c’è da abbattere gli alberi per produrre libri cartacei”. I nostri ignoranti creativi sono, dunque, dei ribelli, persone che non seguono i percorsi tracciati nelle mappe della conoscenza dai loro genitori.
Gli stessi alberelli, pur ribelli, non amano l'ignoranza passiva: chi non vuol salire la piramide che porta alla conoscenza? Ma qui c'è una differenza fra le persone molto appassionate della loro conoscenza e quelli che si ribellano: gli appassionati scendono dentro la piramide fino in fondo, nei minimi dettagli, e via via che scendono perdono la luce, la visione: sanno sempre più di sempre meno, fino a sapere tutto di niente. E più sanno meno fanno cose davvero nuove, ciò che invece non capita agli ignoranti creativi. Di questa “Sindrome del pozzo” abbiamo esempi eclatanti. Blackberry, all'apparire dell'iPhone disse, “questo è un giocattolo”. Circa un secolo prima, la stessa affermazione pare sia stata fatta dalla Western Union quando definì “giocattolo elettrico” il telefono di Alexander Graham Bell. 
E che dire della Nokia?  
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.