Log in
NEWS
Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte La cultura meridionale nel mondo, si presenta a Napoli "American Friends of Capodimonte"

kimbo shop ildenaro 016

Monopolio, muro imbattibile? Consigli dal Rinascimento

Secondo lo stile che ricorda Niccolò Machiavelli e Francesco Guicciardini, l’arbitro deve far bella mostra di possedere, insieme alla fermezza, le qualità dell’onestà, della lealtà, del fair play

Nelle gare che si giocano nel campo dell’innovazione del Bazar delle Follie può accadere che il vincitore prenda tutto. Il potere di mercato del nuovo monopolista è tale da generare forti disparità nella distribuzione del reddito e della ricchezza. Le crescenti diseguaglianze non si producono solo tra gli individui; anche le imprese ne sono soggette. Quelle tra loro che alzano alte barriere monopolistiche possono ottenere rendimenti sugli investimenti effettuati diverse volte superiori ai valori mediani. Epicentri della creazione del valore, le città si trovano di fronte a una stretta traiettoria tracciata dall’innovazione tra progresso e disparità. Come percorrerla? Se seguissero l’approccio schumpeteriano all’innovazione, non dovrebbero preoccuparsi dei nuovi monopoli. La loro forza cadrebbe di fronte alle forti spinte esercitate dai concorrenti potenziali, determinati a entrare nei più promettenti mercati emergenti. Dunque, lasciare che il mercato faccia il suo corso sarebbe la strategia migliore. E se i profitti monopolistici degli incombenti resistessero agli attacchi? Insomma, che fare se i mercati non fossero così efficienti ed equi come si potrebbe supporre? Il laissez-faire dovrebbe cedere il passo all’intervento pubblico regolatore delle anomalie che presentano i mercati. I diversi livelli di governo che entrano in campo in veste di arbitri: questo è ciò che siamo abituati a vedere. In prima linea nella battaglia contro i poteri monopolistici affinché si affermi la democrazia economica nell’ecosistema urbano dell’innovazione, quali motivazioni spingono i comportamenti arbitrali degli amministratori locali? Motivazioni che hanno le loro radici nella simulazione e negli interessi personali del principe o altre che li rigettano? Secondo lo stile che ricorda Niccolò Machiavelli (1469-1527) e Francesco Guicciardini (1483-1540), l’arbitro deve far bella mostra di possedere, insieme alla fermezza, le qualità dell’onestà, della lealtà, del fair play. Non è però detto che l’apparenza debba corrispondere alla realtà. Ciò che vale per i mercati dei prodotti e servizi non è meno vero nel mercato della politica dove il principe può con la sua condotta arbitrale curare il suo “particulare” e così costruirsi un monopolio politico, anch’esso foriero di disparità tra cittadini e tra imprese. Diversamente, l’arbitro che non aspira né alla conquista e al mantenimento di un potere monopolistico, né all’elogio della folla catturata dall’apparenza del suo agire, intende arbitrare realmente in modo corretto al fine di perseguire una prosperità condivisa e offrire opportunità non soffocate da qualsivoglia potere monopolistico. Saranno rinascimentali le città che daranno alla sfera dell'intervento pubblico la forma che aiuta a migliorare la vita della gente comune, le loro famiglie e le comunità, e pone pure le basi per l'imprenditorialità innovativa che sostiene i valori della democrazia economica contro una nuova era di monopolio imbattibile. 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.