Log in
NEWS
Alla fine è sempre la povera gente, credulona e sprovveduta, a pagare il conto Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte

kimbo shop ildenaro 016

Biocarburanti e farmaci dalla microalghe: la scoperta dei ricercatori napoletani

Le microalghe percepiscono anche le piccolissime turbolenze del mare, finora considerate impercettibili per organismi così piccoli, e reagiscono cambiando forma e producendo riserve di nutrimento. La scoperta potrebbe aiutare a ottimizzare la crescita delle microalghe utilizzate per la produzione di biocarburanti e molecole destinate ai farmaci. Pubblicata su Scientific Reports, la scoperta si deve a un gruppo internazionale coordinato da Daniele Iudicone della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli. Vi fanno parte anche altri italiani, Mariella Ferrante, Alberto Amato e Maurizio Ribera d'Alcalà, tutti della Stazione Anton Dohrn. La scoperta è stata possibile grazie a un esperimento che ha simulato le turbolenze marine, dovute a tempeste e onde, con uno strumento chiamato Turbogen (Turbulence Generator) realizzato dai ricercatori della Stazione Zoologica in collaborazione con l'azienda M2M Engineering di Napoli. Grazie ad esso, è stato dimostrato che diverse specie di diatomee percepiscono e rispondono alla microturbolenza marina a differenza di quanto immaginato. Finora si pensava infatti che queste alghe unicellulari diffusissime nel fitoplancton, si comportassero come ''particelle inerti'', ossia non interagissero con il fluido. Invece l'esperimento ha dimostrato che le diatomee possono percepire le turbolenze del mare, dovute a onde e burrasche, e reagiscono attivando una serie di geni dedicati alla percezione ambientale. Queste microalghe sembrano interpretare il fenomeno come un disturbo, ossia un ''pericolo'' che potrebbe allontanarle dalla luce solare e quindi dalla loro fonte di nutrimento. Dunque, appena una diatomea percepisce la presenza di una turbolenza, inizia a produrre delle riserve di ''cibo'' rappresentate da ''acidi grassi'' che, non solo funzionano appunto come ''scorte e riserve di nutrimento'', ma potrebbero aumentare il galleggiamento della cellula, riportandola quindi in superficie più rapidamente.