Log in
NEWS
Scuola del gusto di Torrecuso, De Luca: Pil campano cresciuto grazie all'agricoltura Giappone, il sistema Italia al Tourism Expo 2017 Alimentare, De Luca: Nessuna disputa, la mozzarella è campana Scuola del gusto di Torrecuso, Del Basso De Caro: Facciamo cose concrete Regione, De Luca: A S. Agata dei Goti un polo oncologico d'eccellenza Puliamo il mondo, per il progetto di Legambiente chiusura sul Vesuvio Imbavagliati, dal festival del giornalismo civile l'appello per Giulio Regeni e Ilaria Alpi M5s, Fico: Di Maio non è il capo del Movimento Università, Verdi: invalidare il test di ingresso in Medicina La filosofia incontra il cinema in Floridiana Confagricoltura, confronto a Benevento sul caso cinghiali: passare dall'emergenza alla gestione ordinaria Salerno, De Luca a Minniti: Invii gli agenti dei corpi speciali Avvocati, prima vittoria del sannita Lizza nel ricorso del Corpo Forestale contro la legge Madia M5s, inizia l'era Di Maio: eletto candidato premier, sarà anche il leader del movimento Ap, Barone: in Campania pronti con qualunque sistema elettorale Sacrificio di Salvo D'Acquisto, i carabinieri commemorano il 74° anniversario Ambiente, Premio San Michele a "L' Oro di Capri" Enel avvia la produzione in Brasile dei due parchi solari più grandi del Sud America Piano ospedaliero e territorio, lunedì a Napoli il ministro Lorenzin Infezioni cutanee, la scoperta made in Italy: così l'organismo le combatte in due mosse Capodimonte, riaprono i prati della Reggia per le Giornate Europee del patrimonio Boom ecobonus: 2,8 milioni di italiani pronti a ristrutturare casa Napoli, via al Bilancio consolidato 2016: stop al divieto di assunzioni Baroque Park, a Villa Bruno viaggio nel mondo dei libri Treno storico Napoli-Pietrelcina, De Luca e Moretti al viaggio inaugurale: Mantenuti gli impegni Incendi, nasce la filiera della prevenzione Aib Confapi Napoli, Falco: serve un'Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno Napoli, successo per gli Itinerari Unesco al Wtu di Siena Capri, referendum per il futuro di via Krupp: via alla raccolta firme Cooperazione interregionale, nuovo bando Ue da 60 milioni Forza Italia, entra l'ex Idv Di Nardo: Nessun tradimento, torno a casa Festival di Bari sulle buone pratiche delle città europee. C'è anche Napoli Ryanair cerca il riscatto. In inverno nuovi collegamenti Napoli-Malta Conti pubblici: così i derivati possono affossare il bilancio dello Stato Musica, parata di stelle a Roma per "Napoli nel Cuore"

kimbo shop ildenaro 016

Center for Near Space presenta a Napoli la città tra Terra e Luna


Il Quarto Ambiente sarà presto il prossimo habitat dell'uomo. Tra la Terra e la Luna s’insedierà, entro trent’anni, una comunità di un migliaio di persone con un traffico di 100.000 passaggi all’anno per voli di trasferimento verso questa nuova zona "cislunare".
Dopo due anni di studi, il Center for Near Space dell’Italian Institute for the Future presenta OrbiTecture, il concept di una rivoluzionaria infrastruttura spaziale pensata per fungere da hub per i futuri viaggi sulla Luna e su Marte. Un progetto unico in Italia e in Europa, che nasce con l’obiettivo di aprire un dibattito con la società civile sul futuro umano nello Spazio, rendendolo più inclusivo e partecipativo.
L’iniziativa sarà presentata domani, giovedì 6 luglio, alle ore 17.30 nel Planetario della Città della Scienza di Napoli.
Intervengono Luigi Carrino, Presidente del Distretto Aerospaziale della Campania e Presidente del Comitato Promotore del Parco dell’Aerospazio di Caserta; Francesca Esposito, INAF Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Pietro Ferraro, Direttore del CNR-ISASI (Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti), Ambrogio Prezioso, Presidente dell’Unione Industriali di Napoli, Raffaele Savino, Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Napoli Federico II, Vittorio Silvestrini, Presidente della Fondazione IDIS-Città della Scienza.
L’evento è patrocinato dal Consolato Generale USA di Napoli, dall’Associazione Arma Aeronautica di Caserta, dall’Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti “E. Caianiello” del CNR, dal DAC - Distretto Aerospaziale della Campania, dalDipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Napoli Federico II, dall’INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte, dal Parco dell’Aerospazio – Comitato Promotore e dall’Unione degli Industriali di Napoli.
Per Luigi Carrino, Presidente del Distretto Aerospaziale della Campania e Presidente del Comitato Promotore del Parco Dell’Aerospazio di Caserta: “La Space Economy è la catena del valore che, partendo dalla ricerca, sviluppo e realizzazione delle infrastrutture spaziali abilitanti, arriva fino allo produzione di prodotti e servizi innovativi “abilitati”. Un ottimo esempio d’impegno dei governi regionali nella Space Economy è fornito dalla Campania. Il presidente Vincenzo De Luca, attraverso l’Assessorato alle Attività Produttive, ha impegnato la Regione, portandola a essere la prima in Italia per quantità di risorse finanziarie messe a disposizione. Quest’importante posizione permetterà l’analogo impegno di fondi nazionali e, quindi, una forte possibilità di sviluppo di innovazione sia nell’upstream che nel downstream”.
“Oltre alle risorse finanziarie – continua Carrino - è fondamentale la presenza di reti cooperative che mettano in collegamento strategico grandi, piccole e medie imprese e sistema della ricerca. In Campania, per l’aerospazio, questo ruolo è svolto efficacemente dal Distretto Aerospaziale della Campania che annovera tra i suoi Soci le principali realtà industriali e della ricerca in campo spaziale”.
OrbiTecture, in particolare, è un progetto no-profit, sostenuto da una campagna di crowdfunding (che si è chiusa lo scorso 17 giugno). Il termine è coniato dalla contrazione di Orbital Architecture, con l’intento di coniugare la ricerca architettonica e la tecnologia spaziale – sia quella già disponibile che quella prevedibile per il futuro prossimo – per lo sviluppo di iniziative rivolte alla fase più a lungo termine della nuova space economy. Nocciolo duro del Team OrbiTecture sono Gennaro Russo,Massimo Pica Ciamarra e Vincenzo Torre che hanno sviluppato il progetto di SpaceHub, la struttura ideata per ospitare e sostenere fino a 100 persone alla volta tra tecnici, turisti, astronauti e ricercatori, grazie alla disponibilità di una grande area destinata al verde, necessaria per l’autosostentamento della città spaziale.
“Abbiamo provato a guardare ad un futuro non troppo lontano cercando di porre un traguardo alle evoluzioni tecnologiche attese o prevedibili dei prossimi pochi decenni. – spiega Gennaro Russo, del Team di OrbiTecture - E questo ci ha consentito di capire che è possibile sin da ora pensare ai sistemi spaziali di quel futuro prossimo con un approccio diverso, multidisciplinare, multifunzionale e multiculturale. Siamo convinti che solo così facendo potremo alimentare correttamente la rivoluzione che negli Stati Uniti è già partita quasi venti anni fa e che in Europa stenta ancora a vedere la luce: l’apertura dello Spazio ad attività più sistematiche e quotidiane, ovvero lo sviluppo dell’Astronautica Civile”.
La navicella che porterà a bordo di SpaceHub è denominata Miranda: è attraversata da un cilindro del diametro di venti metri passante per l’origine, dov’è localizzato l’hangar e il laboratorio di microgravità. Intorno a Miranda sono presenti due toroidi sovrapposti del diametro di 78 metri, che compongono il modulo Aristarco, con ambiente a gravità lunare simulata e il campo di coltivazione Green Ring. Più lontano, troviamo il modulo Galilaei di 166 metri di diametro, che ospita un ambiente a gravità marziana, e i tre propulsori che consentono la rotazione della stazione per ottenere le diverse accelerazioni gravitazionali.
La sfera Miranda di SpaceHub, struttura flessibile e gonfiabile, sarà costruita in beta cloth, una fibra a base di silice che resiste alla corrosione ed all’ossigeno atmosferico. Sia le parti interne che i tralicci e i toroidi saranno realizzati in Manifattura Additiva (Stampa 3D) con materiali sia metallici che plastici. La pannellatura esterna dei toroidi Aristarco e Galilaei è trasparente.
Ma non è tutto. Previsto anche il CELSS (Controlled Ecological Life Support Systems), un sistema biorigenerativo a ciclo chiuso su una superficie di 6.000 m2, per un ingombro volumetrico minimo di circa 3600 m3, che contribuirà alla produzione di vegetali freschi, alla generazione di ossigeno e alla rimozione dell’anidride carbonica dall’aria interna (dovuta alla respirazione umana). Le cinque colture selezionate sono patata, soia, lattuga, frumento e pomodoro. Si tratta di colture in grado di contribuire a una dieta bilanciata.