Log in
NEWS
Legge di Bilancio, De Vincenti: confermati e rafforzati gli impegni per coesione e Sud Ambrogio Prezioso nuovo Presidente di Confindustria Campania InterArtes 2017, dialoghi tra le arti: si parte con Erri De Luca Lilì Marlene, e la musica si tinge di rosa Anm, conto alla rovescia per la procedura di licenziamento collettivo: domani assemblea dei lavoratori Cisl, Furlan: Da domani una donna alla guida del sindacato in Campania Mozzarella Dop congelata alla conquista dei mercai esteri: nuove polemiche sull'oro bianco campano "Mutui usurari", ecco i dettami della Cassazione Chirurgia, al via oggi a Napoli il Congresso nazionale "Pallottole d'argento" contro il mal di testa: nuova sperimentazione all'Università Vanvitelli di Napoli Camera di Commercio di Napoli, appuntamento con l'Alternanza Day Bnl promuove la "Diversity and inclusion week", eventi gratuiti a Napoli Giocare a pallone allunga la vita delle cellule: lo studio dei ricercatori di Napoli e Copenhagen Gianpiero Falco (Confapi Napoli): Legge Bassanini da rivedere, frena la spesa Ue Rimadesio, il design made in Italy sbarca in Giappone Agroalimentare, da oggi scatta l'obbligo di etichetta per il latte made in Italy Povertà, Italia peggior Paese dell'Europa Occidentale: a rischio quasi uno su tre Campania, si rompe una condotta: stop all'acqua in cinque comuni tra Napoli e Salerno "Carlo Poerio e l'Europa", da oggi via alla mostra dedicata al patriota napoletano Musica, De Sica canta Napoli nella stagione Ico Magna Grecia Una piattaforma digitale per i malati di Sm: il progetto della Federico II vince il Premio Merck Cisl, Annamaria Furlan al congresso regionale della Campania Anche i liberali marciano Terna e Fondazione Cariplo portano anche a Napoli il roadshow per cercare talenti Rfi sigla un protocollo sulla legalità con la Prefettura di Napoli Sailitalia ripropone l'evento Wine & Sail Unicocampania, oltre 107mila richieste di abbonamenti gratis per studenti Porti di Napoli e Salerno, entro fine mese il decreto sulle zone economiche speciali Napoli, Mara Carfagna all'attacco: Via Marina, che disastro Maratona della Salute, Borsacchi vince la Prevention Race Garanzia giovani: 1,2 mln di iscritti, 172 mila lavorano Sindaci donna, maglia nera alla Campania: solo 5 su 100 Forza Italia, parte in Campania la scuola di formazione dei Seniores Credit crunch, prestiti alle aziende giù di oltre 42 mld in un anno Napoli, Bassolino lancia l'hashtag #deMagistrisdicaalsindaco

kimbo shop ildenaro 016

Scoperto dal Tigem meccanismo che regola la crescita dei tumori

  •  Paola Ciaramella
  • Pubblicato in Futura

La Fondazione Telethon e l’AIRC, l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro, hanno finanziato un importante studio che ha permesso di descrivere, per la prima volta, un meccanismo biologico che regola la crescita dei tumori. La scoperta – pubblicata il 16 giugno scorso sulla rivista Science – arriva dal gruppo di Andrea Ballabio, direttore del Tigem, l’Istituto Telethon di Genetica e Medicina di Pozzuoli (Napoli), che ha coordinato un team internazionale formatoda ricercatori provenienti – oltre che dalla struttura partenopea – dall’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, dal Baylor College of Medicine di Houston, dalle Università di Berkeley, di San Francisco, di Oxford e d’Islanda. La prima autrice è Chiara Di Malta, giovane ricercatrice del Tigem originaria di Capua (Caserta), che dopo la laurea in Scienze Biologiche nel 2005 all’Università “Federico II” è entrata nella squadra di Andrea Ballabio, partecipando alle selezioni per un dottorato della Open University di Londra in collaborazione con l’istituto napoletano; poi, dopo tre anni trascorsi a Houston, al Baylor College of Medicine, ha avuto la possibilità di tornare a Napoli, per mettere a frutto qui le competenze acquisite prima in Italia e poi all’estero.

Il ruolo dei lisosomi - “Il laboratorio del professor Ballabio ha sempre avuto un interesse forte per i lisosomi – spiega Chiara Di Malta a IlDenaro.it –, organelli cellulari che sono deputati a svolgere una funzione di degradazione. Sono definiti spazzini cellulari, perché tutte le sostanze di scarto che si accumulano nella cellula vengono smaltiti attraverso di essi. Studiando i lisosomiavevamo già capito che la loro funzione è molto più complessa: agiscono come veri e propri inceneritori”, degradando le molecole già utilizzate e diventate inutili per dare energia alla cellula. “Nello studiopubblicato su Science abbiamo compreso che i lisosomi fanno ancora di più,regolando anche il modo in cui la cellula sfrutta l’energia che le viene fornita dall’esterno. Le cellule del nostro corpo devono continuamente adeguarsi alle variazioni nella disponibilità di nutrimento: in assenza di cibo devono mettere in atto un metabolismo di tipo catabolico, ovvero di demolizione di molecole complesse ed intere strutture cellulari per poter ricavare l’energia necessaria per sopravvivere; quando poi viene fornito loro nutrimento le cellule possono cambiare metabolismo, passando ad uno di tipo anabolico, ovvero di sintesi, di costruzione di nuove molecole e strutture cellulari e questo consente loro di proliferare. Noi abbiamo individuato il meccanismo attraverso il quale le cellule riescono a rispondere in maniera efficiente alla disponibilità di nutrimento cambiando appunto il loro metabolismo”, continua la ricercatrice. Un fenomeno che si può comprendere con l’esempio del cosiddetto “effetto body building: il body builder in palestra fa un intenso lavoro muscolare che è per le cellule dei suoi muscoli un’attività di tipo catabolico, in cui queste devono demolire le risorse cellulari per ricavare l’energia necessaria a quello sforzo. Se però, subito dopo l’allenamento, il body builder assume proteine o aminoacidi favorisce moltissimo l’accrescimento della massa muscolare, perché le cellule dei suoi muscoli, in virtù del meccanismo descritto, passano immediatamente ad un metabolismo anabolico che consente loro di proliferare”.

Se il meccanismo impazzisce - Partendo dalle malattie lisosomiali, che sono patologie genetiche rare, i ricercatori hanno compreso delle funzioni degli organelli “che si riferiscono a malattie purtroppo molto più diffuse, quali i tumori”, in particolare al melanoma, al tumore del pancreas e a quello renale. “Le cellule tumorali perdono la capacità di distinguere se il nutrimento c’è o non c’è, continuando sempre a proliferare”. In altre parole “il meccanismo impazzisce, non si ferma in assenza di nutrienti, incoraggiando la sintesi di proteine e di conseguenza la proliferazione delle cellule malate”. Nel 2009 Ballabio e il suo team hanno descritto per la prima volta un gene chiamato TFEB, “che regola l’espressione di molti altri geni importanti per il funzionamento dei lisosomi”. Nei tumori presi in esame “il gene TFEB è espresso in maniera aberrante, molto di più che a livelli normali, si dice che è overespresso; come conseguenza i lisosomi attivano in maniera incontrollata l’anabolismo cellulare, favorendo la crescita del tumore. La buona notizia è che abbiamo capito che possiamo spegnere questo meccanismo impazzito nelle cellule tumorali inibendo la loro proliferazione. Il prossimo passo – conclude Di Malta – sarà, quindi, approfondire ancora di più le nostre conoscenze per disegnare delle possibili strategie terapeutiche”.