Log in
NEWS
Carri di grano di Foglianise, successo per la sfilata dedicata alle zone terremotate Ravello for Africa, un concerto per il Burkina Faso Ferragosto, oltre 6200 visitatori al Museo di San Gennaro A Pompei nasce la "palestra per la legalità" Universiadi, delegazione campana a Taipei: presentato il report per Napoli 2019 Confapi Napoli, Falco: Male la Regione sui Fondi Ue Inchiesta Consip, torna libero Romeo: era ai domiciliari dal 4 luglio Regione, 10 milioni per i piani di efficientamento energetico delle Pmi: pubblicata la delibera Incendi: ancora fiamme sul Monte Faito, rogo a Maiori Libri, Amazon: Milano regina della lettura, male Napoli Ritorno alla Serenissima Pil, nel II trimestre +0,4% e +1,5% sull'anno: è l'aumento più alto da sei anni Eventi storici, una proposta di legge per valorizzare i più celebri palii italiani Napoli, De Magistris su Fb: Ferragosto giornata di solidarietà e integrazione Napoli, rifiuti e degrado in centro: la protesta dei residenti Ferragosto, boom di presenze al Museo di San Gennaro Ferragosto, più di 3mila alle visite guidate al S.Carlo Università, Sapienza prima in Italia: Federico II fuori dalla top 6 Regione, pubblicato il Piano strategico per l'internazionalizzazione: ecco il documento Quarto, presidio per riaprire Montagna Spacccata Canale 21, la programmazione per Napoli-Nizza Ambiente, 15 mln alle isoli minori per progetti di sostenibilità Miss Mondo Italia, tre napoletane sul podio della prima tappa regionale Meeting di Rimini, attesi sei ministri e tanti altri big: faccia a faccia Boccia-Furlan Torre del Greco, la maggioranza col sindaco arrestato: Dimostrerà la sua innocenza Reggia di Caserta, apertura straordinaria a ferragosto Ambiente, consumo del suolo e abusi: male la Campania Napoli, de Magistris su Fb: Azione forte e strutturale per la città Roghi, la condanna del Vescovo: Incendiari assassini, almeno l'Isis rivendica Teatro San Carlo, visite guidate e prove a Ferragosto Ambiente, un terzo della superficie bruciata nel 2017 è di valore naturalistico: Campania tra le più colpite Fca, cinesi pronti a rilevare l'azienda del Lingotto? Ddl Concorrenza, novità per professioni e imprese: ecco tutte le misure Pollena Trocchia, aperte le iscrizioni per l'asilo nido: struttura in funzione da metà settembre Capri, a ferragosto niente vetro ed alcol in spiaggia

kimbo shop ildenaro 016

Scoperto pianeta simile al Sole. Nel team anche l'UniSa

Un nuovo pianeta gigante appena scoperto è così caldo che sfida la definizione stessa della parola “pianeta”. Con una temperatura di 4600 gradi, il pianeta KELT-9b è addirittura più caldo della maggior parte delle stelle della nostra Galassia ed è solo 1200 gradi più “freddo” del nostro Sole. La scoperta di questo pianeta dalle caratteristiche eccezionali è stata annunciata su Nature da un team internazionale di ricercatori guidato da astronomi della Ohio State University e della Vanderbilt University. Il pianeta è stato rivelato grazie al suo periodico passaggio davanti alla stella ogni 36 ore, notato nei dati della collaborazione KELT, acronimo di “Kilodegree Extremely Little Telescope”, ossia un piccolo telescopio dalle caratteristiche “low cost”. La scoperta è stata poi confermata da una rete di telescopi diffusi in tutto il mondo. Per l’Italia hanno contribuito l’Osservatorio Canis Mayor, diretto da Roberto Zambelli, e l’Osservatorio Astronomico dell’Università di Salerno, con il gruppo diretto da Valerio Bozza.
Si tratta di un pianeta gigante con una massa 2,8 volte più grande di quella di Giove, ma con una densità 2 volte più bassa. Infatti, il pianeta, sottoposto ad una radiazione estremamente intensa da parte della sua stella, si è gonfiato come una mongolfiera. Inoltre, poiché rivolge sempre la stessa faccia alla sua stella (come la Luna con la Terra), il lato esposto alla radiazione è così caldo che molecole come acqua, anidride carbonica e metano non possono formarsi. Le proprietà del lato oscuro del pianeta sono del tutto misteriose: forse alcune molecole vi si possono formare, ma solo temporaneamente.
“Sarebbe un pianeta secondo le classiche definizioni basate sulla massa – afferma Scott Gaudi della Ohio State University , che ha guidato lo studio – ma la sua atmosfera non ha eguali né tra i pianeti né tra le stelle”.
“In effetti, le caratteristiche uniche di KELT-9b sono dovute alla sua stella, che è 2 volte più grande e calda del nostro Sole – ricorda Valerio Bozza dell’Università di Salerno –  Si tratta della più calda stella conosciuta che ospiti un pianeta”
Keivan Stassun della Vanderbilt University afferma che la stella di KELT-9b emette una tale quantità di radiazione ultravioletta che potrebbe arrivare a dissolvere completamente il pianeta nel giro di qualche centinaio di milioni di anni, oppure, se KELT-9b possiede un nucleo solido roccioso, potrebbe essere ridotto ad un’arida roccia come Mercurio. Tuttavia, in meno di un miliardo di anni, la stella diventerà una gigante rossa e potrebbe inghiottire il suo pianeta prima di averlo dissolto. Quale che sia la sua sorte, certamente non si tratta di un mondo ospitale. Con un’atmosfera continuamente spazzata da un flusso di raggi ultravioletti senza pari, il pianeta potrebbe perfino sviluppare una coda composta dal materiale strappato via, come una cometa.
Sebbene gli astronomi spendano gran parte del loro tempo nello sviluppo di missioni progettate per trovare pianeti abitabili in altri sistemi stellari, ci sono buone ragioni per studiare mondi inabitabili all’estremo. Dopo le recenti scoperte del pianeta intorno a Proxima Centauri e dell’affascinante sistema di TRAPPIST-1, la comunità astronomica si è concentrata nella ricerca di pianeti terrestri intorno a stelle piccole e più fredde del Sole. Dal lato opposto, la stella di KELT-9b è più grande e più calda del Sole. E’ perciò utile per complementare questi studi e per capire come possano formarsi pianeti intorno a stelle calde e massicce e, in ultima analisi, come vengono distrutti.
Nei prossimi mesi, osservazioni con i telescopi spaziali Hubble, Spitzer e poi il James Weeb Space Telescope potranno chiarire se il pianeta ha una coda cometaria e predire quanto durerà l’infuocata vita di questo pianeta.