Log in
NEWS
Per i dirigenti di IBL Banca incontro con i giovani sui campi di calcio di Scampia Malazè 2017, nun vac 'e press ovvero slow experience Ansaldo Sts, contratto da 100 mln con Rfi Gepin, accordo trovato. Assessore Palmeri: Salvi 270 addetti Napoli, in commissione il caso delle emissioni acustiche aeree Agenzia beni confiscati, summit al consiglio regionale campano Giornalisti campani lanciamo "Radio Svago Web" Strategia del cambiamento e cambiamento della strategia Apple, il 28 la vicepresidente Jackson a Napoli Forza Italia, Caldoro: Centrodestra Ok anche al Sud, adesso unire Trenitalia, dal 4 settembre il Frecciargento Foggia-Roma: tappe a Benevento e Caserta Simona Capasso nominata vice presidente di Federmeccanica Pacco sospetto nella stazione metro Vanvitelli, Anm: Falso allarme Verdi Campania, Borrelli e Peretti: Torna a splendere il Sole che ride Europa, sfida tra città green: in palio fino a 350mila euro Confindustria, nasce la federazione unica Carta-Grafica: 23,7 mld di ricavi nel 2016 ExtraMann, l'Archeologico di Napoli "adotta" 9 siti Università Luigi Vanvitelli, dopo il cambio del nome un nuovo logo Fi, De Siano sul voto: Centrodestra unito è maggioranza in Campania Ischia Film Festival, a John Turturro l'IQOS Innovation Award Competitività, formazione dei lavoratori: bando Fondimpresa da 72 milioni di euro Chin8 Neri partner di Festival Show Torre Annunziata, anche De Luca l'inaugurazione della stazione Circum di Villa Regina--Antiquarium Stress: sette anni fa la nascita del distretto, domani la firma delll'ccordo col Ministero Pane tipo, Angri chiede marchio Igt Lions, Tesoro di San Gennaro primo museo "cardioprotetto" Confapi, Caccapuoti: Professionisti in crisi per il prelievo dell'Iva Unione Industriali Napoli, "100 anni di imprese" in una mostra a Palazzo Partanna Confindustria Salerno, domani a Fisciano la presentazione dell'accordo con Intesa San Paolo Premio Biagio Agnes: i big del giornalismo per la IX edizione, Fiorello mattatore Bacoli, Giovanni Picone è il nuovo sindaco di Bacoli: la spunta su Della Ragione Export, vendite in crescita nei mercati extra Ue: il made in Italy conquista Usa, Cina e Russia Piano periferie, sbloccati gli ultimi 800 mln Kimbo, il caffè made in Naples tra le eccellenze italiane in Usa Vaccino contro il tumore fegato, parte la sperimentazione al Pascale

kimbo shop ildenaro 016

Scoperto pianeta simile al Sole. Nel team anche l'UniSa

Un nuovo pianeta gigante appena scoperto è così caldo che sfida la definizione stessa della parola “pianeta”. Con una temperatura di 4600 gradi, il pianeta KELT-9b è addirittura più caldo della maggior parte delle stelle della nostra Galassia ed è solo 1200 gradi più “freddo” del nostro Sole. La scoperta di questo pianeta dalle caratteristiche eccezionali è stata annunciata su Nature da un team internazionale di ricercatori guidato da astronomi della Ohio State University e della Vanderbilt University. Il pianeta è stato rivelato grazie al suo periodico passaggio davanti alla stella ogni 36 ore, notato nei dati della collaborazione KELT, acronimo di “Kilodegree Extremely Little Telescope”, ossia un piccolo telescopio dalle caratteristiche “low cost”. La scoperta è stata poi confermata da una rete di telescopi diffusi in tutto il mondo. Per l’Italia hanno contribuito l’Osservatorio Canis Mayor, diretto da Roberto Zambelli, e l’Osservatorio Astronomico dell’Università di Salerno, con il gruppo diretto da Valerio Bozza.
Si tratta di un pianeta gigante con una massa 2,8 volte più grande di quella di Giove, ma con una densità 2 volte più bassa. Infatti, il pianeta, sottoposto ad una radiazione estremamente intensa da parte della sua stella, si è gonfiato come una mongolfiera. Inoltre, poiché rivolge sempre la stessa faccia alla sua stella (come la Luna con la Terra), il lato esposto alla radiazione è così caldo che molecole come acqua, anidride carbonica e metano non possono formarsi. Le proprietà del lato oscuro del pianeta sono del tutto misteriose: forse alcune molecole vi si possono formare, ma solo temporaneamente.
“Sarebbe un pianeta secondo le classiche definizioni basate sulla massa – afferma Scott Gaudi della Ohio State University , che ha guidato lo studio – ma la sua atmosfera non ha eguali né tra i pianeti né tra le stelle”.
“In effetti, le caratteristiche uniche di KELT-9b sono dovute alla sua stella, che è 2 volte più grande e calda del nostro Sole – ricorda Valerio Bozza dell’Università di Salerno –  Si tratta della più calda stella conosciuta che ospiti un pianeta”
Keivan Stassun della Vanderbilt University afferma che la stella di KELT-9b emette una tale quantità di radiazione ultravioletta che potrebbe arrivare a dissolvere completamente il pianeta nel giro di qualche centinaio di milioni di anni, oppure, se KELT-9b possiede un nucleo solido roccioso, potrebbe essere ridotto ad un’arida roccia come Mercurio. Tuttavia, in meno di un miliardo di anni, la stella diventerà una gigante rossa e potrebbe inghiottire il suo pianeta prima di averlo dissolto. Quale che sia la sua sorte, certamente non si tratta di un mondo ospitale. Con un’atmosfera continuamente spazzata da un flusso di raggi ultravioletti senza pari, il pianeta potrebbe perfino sviluppare una coda composta dal materiale strappato via, come una cometa.
Sebbene gli astronomi spendano gran parte del loro tempo nello sviluppo di missioni progettate per trovare pianeti abitabili in altri sistemi stellari, ci sono buone ragioni per studiare mondi inabitabili all’estremo. Dopo le recenti scoperte del pianeta intorno a Proxima Centauri e dell’affascinante sistema di TRAPPIST-1, la comunità astronomica si è concentrata nella ricerca di pianeti terrestri intorno a stelle piccole e più fredde del Sole. Dal lato opposto, la stella di KELT-9b è più grande e più calda del Sole. E’ perciò utile per complementare questi studi e per capire come possano formarsi pianeti intorno a stelle calde e massicce e, in ultima analisi, come vengono distrutti.
Nei prossimi mesi, osservazioni con i telescopi spaziali Hubble, Spitzer e poi il James Weeb Space Telescope potranno chiarire se il pianeta ha una coda cometaria e predire quanto durerà l’infuocata vita di questo pianeta.