Log in
NEWS
Linfociti "killer", nuova terapia genica contro il linfoma Bozza di Bilancio, contributo di 1,8 mln l'anno alla Fondazione Idis-Città della Scienza Festival Ville Vesuviane, il Miglio d'Oro tra storia e cultura "Totò Genio" in mostra al Museo di Roma Moneta elettronica o contante? Concorso di idee alla Federico II di Napoli Visite specialistiche: al Sud ci rinuncia un cittadino su 10 Salute, liste di attesa in aumento: maglia nera al Sud Vaccini e screening, promosse solo 5 Regioni. Campania al di sotto della soglia minima Anm, Filt Cgil: dal tavolo le indicazioni per una soluzione vera Commercialisti, convegno su Jobs act. Gribaudo: sgravi fiscali per lavoratori autonomi G7 Interni a Ischia, manifestanti in corteo nel centro di Napoli Kiton, nuovi negozi in Usa e Cina ma la produzione sempre qua Servizio civile, Inac e Cia Campania per i diritti dei più deboli G7 Interni a Ischia, si punta a un'intesa contro il terrorismo su web Scuola, progetto con il Cern per 800 studenti: 24 andranno a Ginevra Sla, avviata la sperimentazione con una nuova biomolecola Bonifica Resit Giugliano, Galletti: Sarà completata a gennaio 2018 Roberto Race riceve la Honorary Membership dalla The Watson Society Silver Economy Award, incentivi per soluzioni Ict destinate agli anziani ZTL Radar, la nuova App amica degli automobilisti ZTL Radar, la nuova App amica degli automobilisti Ricerca, utilizzo del grafene per il fotovoltico del futuro Oncologia, Napoli esporta il modello Pascale in Cina Porto di Napoli, Del Rio: Presto un nuovo progetto ferroviario per la città Porti, nel 2018 Napoli e Salerno supereranno il milione e centomila crocieristi Zes Napoli-Salerno, Del Rio: Iter completato entro fine anno Porti, Del Rio: A Napoli possono arrivare 2 mln di container in più Waterfront, Del Rio: Da Napoli progetti di qualità Porto di Napoli, De Luca: Il progetto va concluso entro 14 mesi Fincantieri, De Luca e Del Rio: Un incontro con l'azienda per il futuro dei lavoratori Viaggi d’affari e sicurezza: come scegliere l’assicurazione giusta Giuseppe Vitagliano eletto presidente dell'Associazione nazionale Commercialisti di Arzano Tristano Dello Joio presidente del Parco regionale dei Monti Lattari Nicola Massimo è il nuovo ad della Asm di Molfetta Bus nella scarpata, ad Avellino la protesta dei familiari delle vittime

kimbo shop ildenaro 016

Scoperto pianeta simile al Sole. Nel team anche l'UniSa

Un nuovo pianeta gigante appena scoperto è così caldo che sfida la definizione stessa della parola “pianeta”. Con una temperatura di 4600 gradi, il pianeta KELT-9b è addirittura più caldo della maggior parte delle stelle della nostra Galassia ed è solo 1200 gradi più “freddo” del nostro Sole. La scoperta di questo pianeta dalle caratteristiche eccezionali è stata annunciata su Nature da un team internazionale di ricercatori guidato da astronomi della Ohio State University e della Vanderbilt University. Il pianeta è stato rivelato grazie al suo periodico passaggio davanti alla stella ogni 36 ore, notato nei dati della collaborazione KELT, acronimo di “Kilodegree Extremely Little Telescope”, ossia un piccolo telescopio dalle caratteristiche “low cost”. La scoperta è stata poi confermata da una rete di telescopi diffusi in tutto il mondo. Per l’Italia hanno contribuito l’Osservatorio Canis Mayor, diretto da Roberto Zambelli, e l’Osservatorio Astronomico dell’Università di Salerno, con il gruppo diretto da Valerio Bozza.
Si tratta di un pianeta gigante con una massa 2,8 volte più grande di quella di Giove, ma con una densità 2 volte più bassa. Infatti, il pianeta, sottoposto ad una radiazione estremamente intensa da parte della sua stella, si è gonfiato come una mongolfiera. Inoltre, poiché rivolge sempre la stessa faccia alla sua stella (come la Luna con la Terra), il lato esposto alla radiazione è così caldo che molecole come acqua, anidride carbonica e metano non possono formarsi. Le proprietà del lato oscuro del pianeta sono del tutto misteriose: forse alcune molecole vi si possono formare, ma solo temporaneamente.
“Sarebbe un pianeta secondo le classiche definizioni basate sulla massa – afferma Scott Gaudi della Ohio State University , che ha guidato lo studio – ma la sua atmosfera non ha eguali né tra i pianeti né tra le stelle”.
“In effetti, le caratteristiche uniche di KELT-9b sono dovute alla sua stella, che è 2 volte più grande e calda del nostro Sole – ricorda Valerio Bozza dell’Università di Salerno –  Si tratta della più calda stella conosciuta che ospiti un pianeta”
Keivan Stassun della Vanderbilt University afferma che la stella di KELT-9b emette una tale quantità di radiazione ultravioletta che potrebbe arrivare a dissolvere completamente il pianeta nel giro di qualche centinaio di milioni di anni, oppure, se KELT-9b possiede un nucleo solido roccioso, potrebbe essere ridotto ad un’arida roccia come Mercurio. Tuttavia, in meno di un miliardo di anni, la stella diventerà una gigante rossa e potrebbe inghiottire il suo pianeta prima di averlo dissolto. Quale che sia la sua sorte, certamente non si tratta di un mondo ospitale. Con un’atmosfera continuamente spazzata da un flusso di raggi ultravioletti senza pari, il pianeta potrebbe perfino sviluppare una coda composta dal materiale strappato via, come una cometa.
Sebbene gli astronomi spendano gran parte del loro tempo nello sviluppo di missioni progettate per trovare pianeti abitabili in altri sistemi stellari, ci sono buone ragioni per studiare mondi inabitabili all’estremo. Dopo le recenti scoperte del pianeta intorno a Proxima Centauri e dell’affascinante sistema di TRAPPIST-1, la comunità astronomica si è concentrata nella ricerca di pianeti terrestri intorno a stelle piccole e più fredde del Sole. Dal lato opposto, la stella di KELT-9b è più grande e più calda del Sole. E’ perciò utile per complementare questi studi e per capire come possano formarsi pianeti intorno a stelle calde e massicce e, in ultima analisi, come vengono distrutti.
Nei prossimi mesi, osservazioni con i telescopi spaziali Hubble, Spitzer e poi il James Weeb Space Telescope potranno chiarire se il pianeta ha una coda cometaria e predire quanto durerà l’infuocata vita di questo pianeta.