Log in
NEWS
Nicola Caputo (Pd): Archiviate tutte le indagini a mio carico Alilauro, torna Batò Naples Ciro a Mergellina, querelle col Comune: dipendenti in protesta Assoagenti, visita all'Interporto Sud Europa: Risposte immediate al mercato merci Centro Democratico, c'è Bersani: Basta personalismi, non lasciamo campo alla destra Anm, possibili disagi per stasera Gepin, lunedì al Mise ultima chiamata per i lavoratori Pd, Bassolino: Partito è solo la parte più grande del centrosinistra Confapi, Marrone: 100 mln dalla Regione per le bonifiche, bene così Trasporto locale, lunedì sit in dell'Usb in Prefettura Turismo, da oggi tassa di soggiorno anche su affitti Estate 2017: 7 mln di visitatori negli agriturismo Siccità, ministro Galletti: Investiremo sui bacini idrografici Pil pro capite, Campania perde oltre il 5% dal 2007 Musei, nel 2018 a Napoli apre quello dedicato a Darwin e Dohrn Scoperto dal Tigem meccanismo che regola la crescita dei tumori Crescita, buone notizie dal territorio Ambasciata del Kosovo a caccia di investitori campani nel settore eolico La diplomazia Usa riporta a Napoli la statua di Zeus Winckelmann al Mann: la star è il Cavallo Mazzocchi Gruppo Onorato rafforza la flotta con la Superfast Baleares Bonifiche in Campania, in arrivo 100 milioni Garanzia Giovani, a 509 mila giovani proposta almeno una misura Asi, ecco la rete campana: più servizi e meno burocrazia Torre del Greco, domani il Green Day: laboratori su energie Pil a +2,4%, De Luca: Campania prima regione per crescita Imprese, nel Mezzogiorno una su 4 è donna Lepore sui dati del Pil campano: Siamo alla svolta Nel fine settimana visite didattiche a Cappella San Severo e Madre Napoli, è pronto il progetto di trasformazione dell'ex base Nato Premio Biagio Agnes da oggi a Sorrento Eastwest e Europeye portano a Napoli il Digital Challenge Adler Pelzer Group, nuovo sito a Bratislava: previsto un fatturato annuo di 47 milioni Rc auto, Codacons: Prezzi ancora alti, divario Nord-Sud abnorme Festival Ville Vesuviane, sabato al via nella dimora del Leopardi

kimbo shop ildenaro 016

Federico II lancia progetto di bioeconomia

 

Giovedì 11 maggio 2017, alle 9, nell’Aula magna del Centro Congressi di via Partenope dell’Università degli Studi di Napoli Federico II si parlerà di “BioPoliS: un progetto per la bioeconomia e il territorio”, il primo progetto dell’aggregazione pubblico-privata BioChamp. L’incontro, evento conclusivo del progetto BioPoliS, verrà aperto dalla Professoressa Vincenza Faraco, Responsabile Scientifico del Progetto, e proseguirà con i saluti istituzionali del Prorettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Arturo De Vivo, e del Direttore del Dipartimento di Scienze Chimiche, Rosa Lanzetta, e con la descrizione dell’ATS BioChamp del Direttore Centro “Raffaele d’Ambrosio” (L.U.P.T.), delegato del Magnifico Rettore per il progetto, Guglielmo Trupiano, e del Responsabile Scientifico del Corso di Formazione, dottor Mario Malinconico. BioPoliS è il progetto di ricerca Industriale di “Sviluppo di tecnologie verdi per la produzione di BIOchemicals per la sintesi e l'applicazione industriale di materiali POLImerici a partire da biomasse agricole ottenute da sistemi colturali Sostenibili nella Regione Campania” PON03PE_00107_01 (MIUR, PON R&C 2007-2013 D. D. Prot. N. 713/Ric. 29/10/2010).
BioChamp opera nell’ambito della chimica verde ed è costituita da sette imprese, ARCA 2010 società cooperativa a r.l., BST S.P.A., BIOCHEMTEX S.p.A. (del gruppo Mossi & Ghisolfi), CONSORZIO SANNIO TECH, NOVAMONT S.p.A., SAPA SRL, SOCRATIS S.c.ar.l., e tre enti pubblici di ricerca, l’Università degli Studi di Napoli Federico II, il Consiglio Nazionale delle ricerche e l’Università della Campania "Luigi Vanvitelli". La mission di BioChamp è sviluppare una piattaforma tecnologica sostenibile che realizzi la completa valorizzazione delle biomasse rinnovabili e la produzione 'green' sia di biochemicals che biocarburanti. Grazie a una stretta collaborazione tra le sette aziende private e i tre enti pubblici di ricerca coinvolti nel progetto, tra cui l’Università degli Studi di Napoli Federico II rappresenta il soggetto capofila, e tramite l’integrazione di numerose competenze multidisciplinari legate alla ricerca agronomica, chimica, biotecnologica e industriale, il progetto ha generato come risultato finale un prototipo di filiera agroindustriale per la produzione integrata di biochemicals, che porta benefici ambientali ed economici per la regione Campania, contribuendo alla salvaguardia dell’ambiente. Le tecnologie verdi di BioPoliS possono valorizzare i terreni degradati o inquinati della regione Campania, non utilizzabili per l'agricoltura, e trasformare le biomasse in biomateriali d’interesse industriale, rivitalizzando la chimica in chiave ambientale nel nostro paese. Parte integrante del progetto BIOPOLIS ricerca è stato il corso di formazione in “Esperto nella gestione di bioraffinerie: allestimento di sistemi colturali sostenibili, bioconversione di biomasse in biochemicals, loro polimerizzazione e successiva trasformazione dei polimeri in materiali per l’industria”, coordinato dal Centro Interdipartimentale di Ricerca “R. d’Ambrosio” LUPT della Federico II. Con il progetto BioPoliS, infatti, si è dimostrata la fattibilità di processi 'green' per la produzione di biosuccinato da fonti rinnovabili non appartenenti alla catena alimentare da destinare all'industria chimica e di bioplastiche in sostituzione di equivalenti da fonti fossili. Il progetto BioPoliS ha sviluppato tecnologie abilitanti chiave (KET) nel settore delle biotecnologie industriali - reazioni catalizzate da nuovi enzimi/biocatalizzatori per la conversione sostenibile di biomasse in zuccheri e fermentazioni con microorganismi in grado di convertire con alte rese gli zuccheri così ottenuti in green chemicals- e in quello dei materiali - nuove tecnologie per l'ottenimento di biomateriali per svariate applicazioni quali film, prodotti stampati, adesivi e schiume.