Log in
NEWS
Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese Erasmus giovani imprenditori global: le domande entro il 30 agosto Scavi di Pompei, ieri guasto all'impianto di illuminazione: le visite notturne riprendono Anche questo sarà il nostro tempo La consistenza dell’intangibile Torre del Greco, sciolto il Consiglio: arriva il commissario Attentato Barcellona, a Napoli bandiere a mezz'asta a Palazzo S. Giacomo La lezione di Roosevelt: un New Deal per l'Italia Ad ogni opera d'arte il giusto tipo d'esposizione Attacco terroristico a Barcellona: furgone contro la folla sulla Rambla, morti e feriti Guardia Sanframondi, ordinanza del sindaco: No a cellulari e filmati per il rito dei Flagellanti Il volo dell'angelo della console Usa a Napoli Il consolato d'Australia porta "Troppo Napoletano" ad Adelaide Luigi Mercogliano nominato nella direzione regionale di Fdi-An Parco Archeologico di Ercolano, visitatori in aumento: + 16,70% rispetto al 2016 Intesa Sanpaolo, a ferragosto oltre 4.000 visitatori a Palazzo Zevallos Aeroporti, l'Enac va avanti con la certificazione: Ok il 40% degli scali, c'è Napoli Morte garante detenuti, Palmieri: Amica delle persone fragili Morte Garante detenuti, E. Russo: Con lei la detenzione ha fatto progressi Periti industriali, Sansone: Pronti a collaborare per l’adeguamento degli impianti sportivi di Scampia Riforma Madia, altro stop sulla soppressione del Corpo Forestale: parola alla Corte Costituzionale Morte garante detenuti, Dap: Donna di grande valore Scavi di Pompei, al via il cantiere: entro il 2019 area interamente consolidata Regione, Caldoro: No agli aumenti gli stipendi dei manager della Sanità

kimbo shop ildenaro 016

Federico II lancia progetto di bioeconomia

 

Giovedì 11 maggio 2017, alle 9, nell’Aula magna del Centro Congressi di via Partenope dell’Università degli Studi di Napoli Federico II si parlerà di “BioPoliS: un progetto per la bioeconomia e il territorio”, il primo progetto dell’aggregazione pubblico-privata BioChamp. L’incontro, evento conclusivo del progetto BioPoliS, verrà aperto dalla Professoressa Vincenza Faraco, Responsabile Scientifico del Progetto, e proseguirà con i saluti istituzionali del Prorettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Arturo De Vivo, e del Direttore del Dipartimento di Scienze Chimiche, Rosa Lanzetta, e con la descrizione dell’ATS BioChamp del Direttore Centro “Raffaele d’Ambrosio” (L.U.P.T.), delegato del Magnifico Rettore per il progetto, Guglielmo Trupiano, e del Responsabile Scientifico del Corso di Formazione, dottor Mario Malinconico. BioPoliS è il progetto di ricerca Industriale di “Sviluppo di tecnologie verdi per la produzione di BIOchemicals per la sintesi e l'applicazione industriale di materiali POLImerici a partire da biomasse agricole ottenute da sistemi colturali Sostenibili nella Regione Campania” PON03PE_00107_01 (MIUR, PON R&C 2007-2013 D. D. Prot. N. 713/Ric. 29/10/2010).
BioChamp opera nell’ambito della chimica verde ed è costituita da sette imprese, ARCA 2010 società cooperativa a r.l., BST S.P.A., BIOCHEMTEX S.p.A. (del gruppo Mossi & Ghisolfi), CONSORZIO SANNIO TECH, NOVAMONT S.p.A., SAPA SRL, SOCRATIS S.c.ar.l., e tre enti pubblici di ricerca, l’Università degli Studi di Napoli Federico II, il Consiglio Nazionale delle ricerche e l’Università della Campania "Luigi Vanvitelli". La mission di BioChamp è sviluppare una piattaforma tecnologica sostenibile che realizzi la completa valorizzazione delle biomasse rinnovabili e la produzione 'green' sia di biochemicals che biocarburanti. Grazie a una stretta collaborazione tra le sette aziende private e i tre enti pubblici di ricerca coinvolti nel progetto, tra cui l’Università degli Studi di Napoli Federico II rappresenta il soggetto capofila, e tramite l’integrazione di numerose competenze multidisciplinari legate alla ricerca agronomica, chimica, biotecnologica e industriale, il progetto ha generato come risultato finale un prototipo di filiera agroindustriale per la produzione integrata di biochemicals, che porta benefici ambientali ed economici per la regione Campania, contribuendo alla salvaguardia dell’ambiente. Le tecnologie verdi di BioPoliS possono valorizzare i terreni degradati o inquinati della regione Campania, non utilizzabili per l'agricoltura, e trasformare le biomasse in biomateriali d’interesse industriale, rivitalizzando la chimica in chiave ambientale nel nostro paese. Parte integrante del progetto BIOPOLIS ricerca è stato il corso di formazione in “Esperto nella gestione di bioraffinerie: allestimento di sistemi colturali sostenibili, bioconversione di biomasse in biochemicals, loro polimerizzazione e successiva trasformazione dei polimeri in materiali per l’industria”, coordinato dal Centro Interdipartimentale di Ricerca “R. d’Ambrosio” LUPT della Federico II. Con il progetto BioPoliS, infatti, si è dimostrata la fattibilità di processi 'green' per la produzione di biosuccinato da fonti rinnovabili non appartenenti alla catena alimentare da destinare all'industria chimica e di bioplastiche in sostituzione di equivalenti da fonti fossili. Il progetto BioPoliS ha sviluppato tecnologie abilitanti chiave (KET) nel settore delle biotecnologie industriali - reazioni catalizzate da nuovi enzimi/biocatalizzatori per la conversione sostenibile di biomasse in zuccheri e fermentazioni con microorganismi in grado di convertire con alte rese gli zuccheri così ottenuti in green chemicals- e in quello dei materiali - nuove tecnologie per l'ottenimento di biomateriali per svariate applicazioni quali film, prodotti stampati, adesivi e schiume.