Log in
NEWS
Alla fine è sempre la povera gente, credulona e sprovveduta, a pagare il conto Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte

kimbo shop ildenaro 016

Purifica le anime e protegge dallo smog, nascerà a Salerno la chiesa hitech

  •  CF
  • Pubblicato in Futura

Massima riduzione dell’impronta ecologica, intonaci naturali, vernici fotocatalitiche e un “super-cappotto” isolante che manda in pensione anche i più sofisticati impianti di climatizzazione. Il tutto nel bel mezzo di una “piazza botanica”. Non si tratta della sede di una qualche software-house fiorita nel bel mezzo di Menlo Park o Mountain View, ma della nuova chiesa che sorgerà nel centro di Salerno. Ospiterà i fedeli dei quartieri Torrione e Sala Abbagnano, diecimila anime finora servite da una chiesa fatiscente con vista su un parcheggio asfaltato. Approvato nel 2016 dalla Conferenza Episcopale Italiana con un finanziamento di 4,5 milioni di euro, il nuovo progetto firmato da Overtel e Centola&Associati cambierà tutto. “Rivoluzioneremo il cuore del quartiere nel segno della tecnologia e della sostenibilità mediterranea”, spiega l’architetto Luigi Centola, protagonista dell’appuntamento svoltosi ieri al Blu di Prussia nell’ambito del ciclo “Incontri di Architettura”curato da Elvira Romano. “Intervenire su tessuti urbani non significa solo costruire edifici più o meno intelligenti ma rigenerare luoghi”, aggiunge l'architetto. E infatti la nuova chiesa di  S. Giovanni e S. Felice in Felline diventa lo spunto per reinventare un nuovo parco urbano. Al posto del parcheggio ci sarà una piazza-sagrato con filari di ulivi, cipressi e un gruppo di palme, in tutto oltre 250 nuovi alberi e arbusti della macchia mediterranea con prato rustico in gramigna su tutta l’area libera: una autentica “piazza botanica” aperta sette giorni su sette agli abitanti del quartiere. La piazza pubblica avrà pavimentazione ecologica drenante e sarà illuminata con sistemi a led. I parcheggi rimarranno ma saranno posizionati ai due angoli marginali del sito per non generare impatti negativi al Parco del Galiziano.

 

1 render dalla nuova piazza sagrato verso lingresso della chiesa

Centro propulsore della rigenerazione del quartiere, la piazza botanica è funzionale anche al comportamento ecologico dell’edificio. È qui che sistemi attivi e passivi e scelta dei materiali restituiscono il senso di quel che Centola definisce “sostenibilità mediterranea”. E così tamponature verticali massive, aperture contrapposte a seconda dei venti estivi dominanti, sistema camino per ventilazione combinata, coperture chiare e riflettenti, pavimentazioni esterne traspiranti e tanto verde profondo con essenze botaniche autoctone “diventano tutti elementi di un unico sistema che serve a migliorare il comportamento naturale della chiesa”.  Comportamento che trova uno dei suoi punti nevralgici nel “super-cappotto” esterno che renderà inutile gli impianti di condizionamento per l’aula che accoglie i fedeli.Oltre alle essenze botaniche, di autoctono ci sono pure i materiali. Il cappotto, dal punto di vista architettonico, è la reinterpretazione del bugnato storico in basalto dei palazzi e delle chiese campane, realizzato in composito alleggerito con inerti di lava, lapilli e pomice di pochi centimetri su scocche isolanti di polistirolo o poliuretano. Ma torniamo alla tecnologia. La finitura esterna delle tamponature è realizzata con vernici fotocatalitiche che di fatto trasformano il tetto in un bosco. “Abbiamo calcolato l’equivalenza per cui 100 metri quadri sottoposti alla luce hanno lo stesso effetto di riduzione dell’inquinamento di un bosco di 100 metri quadri di alberi di alto fusto. Otre 1.200 metri quadri di superficie compensano le emissioni medie prodotte da circa 200 autovetture in un anno. Uno straordinario lavoro di purificazione ambientale”, conclude Centola. Come dire, l'architettura diventa la continuazione della fede con altri mezzi.