n63

Log in
NEWS
Cai, Napoli capitale della montagna: c'è l'assemblea nazionale Mann, flash mob per dire no alla sentenza del Tar Università di Salerno, occhialini 3D per il piano formativo in live surgery Napoli, il ministro Orlando a de Magistris: Noi attenti alla città Ariano International Film Festival, presentata a Cannes la V edizione Napoli, cambia la giunta. Il sindaco: non c'è giudizio politico Napoli, de Magistris: Governo garantisca più risorse Bcc Napoli, bilancio di solidità Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto

kimbo shop ildenaro 016

Federico II, avatar e intelligenza artificiale per abbattere le barriere culturali

  •  Sara Stellabotte
  • Pubblicato in Futura


Secondo dati Onu la grave crisi economica dei Paesi avanzati, la forte disuguaglianza economico-sociale e i conflitti politico-religiosi sono i principali fattori delle attuali migrazioni internazionali; fenomeno che lungi dall’arrestarsi si presenta in continua crescita. Tra i paesi europei, l’Italia ha subito negli ultimi anni ondate immigratorie senza precedenti. L’incontro e la commistione, dunque, di popoli con culture, tradizioni, lingue, modelli comportamentali così diversi tra loro, rende necessaria l’attuazione di politiche mirate di accoglienza e integrazione. La scuola si rivela in tale momento il luogo ideale affinché si possano costruire le basi per una dialogo e una convivenza pacifica. Per fare ciò è necessario che le istituzioni scolastiche offrano ai docenti di ruolo e a quelli in formazione gli strumenti più appropriati per comprendere la complessità delle relazioni interculturali.

Ed è proprio di formazione e strategie di accoglienza che si è discusso stamane presso la Sala Pignatiello di Palazzo San Giacomo con la presentazione del progetto Accord (Attain Cultural integration through COnflict Resolution Development), presentato stamattina venerdì 10 marzo presso Palazzo San Giacomo da Davide Marocco, docente di Psicometria alla Federico II e coordinatore del progetto, Annamaria Palmieri, assessore all'istruzione del Comune di Napoli, Edoardo Massimilla, direttore del Dipartimento di Studi Umanistici della Federico II e Giuseppina Mangione, primo ricercatore responsabile area Sud dell'Indire -Istituto Nazionale di Documentazione Innovazione Ricerca Educativa. 

In questo nuovo progetto la tecnologia sarà al servizio delle formazione: un team di ricercatori creerà, sulla base di sistemi di intelligenza artificiale, una serie di situazioni virtuali che simuleranno i complessi meccanismi alla base dei rapporti interculturali, i docenti potranno interagire attraverso un avatar e migliorare le loro abilità di comunicazione e negoziazione, le cosidette softskills. Attraverso una sorta di gioco i docenti impareranno a gestire i rapporti con studenti e famiglie di culture diverse e a gestirne eventuali conflitti dovuti alla rispettive diversità. Come spiega Davide Marocco, coordinatore Accord: “Agiremo su due piani complementari di ricerca: da un lato elaboreremo dei Mooc, ovvero dei Massive Open Online Course con cui gli insegnanti potranno acquisire conoscenze teoriche sui temi della negoziazione e della gestione dei conflitti; dall’altro svilupperemo dei serious games, in modo da dare agli insegnanti il modo di mettere in pratica le metodiche apprese utilizzando un videogioco appositamente sviluppato, in cui sarà possibile sperimentare diverse situazioni conflittuali in un ambiente protetto e pedagogicamente rilevante”.

Il progetto Accord, delle durata di tre anni, è finanziato all’interno della misura europea Social Inclusione through education, training and youth e vede l’Università di Napoli Federico II come uno dei suoi principali partner seguita da Aidvanced srl, Institute for Learning Innovation dalla Germania, l’Università de Barcelona, l’Università di Vienna in associazione con il Ministero federale per l’educazione austriaco Fondazione Mondo Digitale e il Centre for Migration and Intercultural Studies dell’Università di Anversa in Belgio.

Oggi più che mai – sottolinea l’Assessore alla Scuola del Comune di Napoli Annamaria Palmieri – in un mondo che sembra attratto più dal rifiuto che dall’accoglienza, la scuola assume un ruolo fondamentale nella costruzione di incontro e  convivenza tra differenze e storie e per questo progetti come “Accord” sono importanti e vanno sostenuti”.