Log in
NEWS
Napoli, locali di via Falcone respingono le accuse Natalia Sanna eletta presidente della commissione regionale pari opportunità Banco di Napoli Fondazione risponde a istanze del ministero Dl Sud, 90 mln per ristrutturate le sedi giudiziarie di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia Regione, Consiglio convocato per il 24 e 25 luglio Nicaragua, nuove opportunità di investimento per le imprese campane Monumenti nell'"Iride": scatti in mostra al Consiglio regionale Da affittacamere a produttori di formaggi: la mappa delle imprese nei piccoli Comuni Bankitalia, sale il numero di ricorsi all'arbitro: record in Puglia e Campania Mdp, Todisco primo consigliere regionale: ma resterà in carica solo due mesi Giffoni Innovation Hub sigla intesa con iOS Academy di Napoli Vito Busillo confermato alla vicepresidenza di Anbi Nuovo procuratore di Napoli, la decisione ad agosto Anm, linea bus 621 al posto della funicolare di Mergellina Hub della Nato a Napoli, oggi la presentazione agli ambasciatori Antonio Brando nell'equipe del Centro di Chirurgia della Mano di Savona Ambasciatore del Nicaragua presenta opportunità di investimento a Napoli Antonio Coppola nominato nella commissione giuridica della Lega Dilettanti Figc Vincenzo Semeraro eletto presidente del Circolo Posillipo Luana Di Tuoro nuova segretaria di Filcams Cgil Napoli Il rifiuto del declino italiano Di seguito un contributo del segretario generale della Fim Cisl Campania, Giuseppe Terracciano, sul futuro di Fca in Campania. Iran-Italia, summit commerciale all'ambasciata di Roma La festa nazionale francese al consolato di Napoli Toledo Spaccanapoli, gli esercenti partenopei danno vita al consorzio Pareo Park, partnership con l'Unicef per 100 ragazzi migranti Ferrovie, nel week end lavori sulla linea Benevento-Cancello Bagnoli, l'allarme di Città Scienza: Il Comune cancella lo Science Center Napoli, curiosità e foto per il disegno di Totò nel Centro storico Bagnoli, Renzi: Abbiamo preso sassi, ora il Comune firma il progetto “Positano gourmet”, cena a 4 mani con Luigi Tramontano e Fabrizio Albini La moda al Museo della Moda, perché lo stile resti sempre Moglie e figli di Renzi visitano museo di Capodimonte Ambasciata britannica smentisce Sun: Visitate Napoli tranquillamente Zoo Napoli, parte crowdfunding per area scimpanzè

kimbo shop ildenaro 016

Nasce Corporea, la scienza contro i nemici di Napoli

  •  Antonio Averaimo
  • Pubblicato in Futura
 
 

"Chi sono i nemici di Città della Scienza?", chiedemmo al consigliere delegato di Città della Scienza, Vincenzo Lipardi, l’uomo che insieme allo scienziato Vittorio Silvestrini ha dato vita alla cittadella della scienza di Bagnoli. Non sappiamo se conoscesse la risposta, al momento non la conoscono nemmeno i magistrati chiamati a pronunciarsi sull’incendio che il 4 marzo 2013 distrusse gran parte degli edifici che compongono la struttura. Si limitò a rispondere così: "I nemici di Città della Scienza sono quelli che vogliono che Napoli resti esattamente com’è». Probabilmente chi ha appiccato il fuoco voleva sicuramente che il quartiere in cui sorge Città della Scienza restasse com’era prima che il sogno di Silvestrini prendesse corpo: un deserto. La chiamano desertificazione industriale: lì dove c’erano le industrie simbolo della stagione dell’industrializzazione di Napoli e del Mezzogiorno, oggi si vedono solo distese chilometriche di erbacce, lo scheletro di quella che era l’Italsider, la colmata. Città della Scienza nacque come cattedrale nel deserto: al degrado di quello che era il cuore industriale di Napoli ha cercato di rispondere con la sfida dell’innovazione, molto prima che questa parola diventasse di comune uso e abuso. Innovazione, divulgazione scientifica, start up sono parole di casa a Bagnoli. Il sogno sembrava finito quel 4 marzo, ma chi ha appiccato l’incendio e soprattutto chi lo ha ordinato non conosceva bene i napoletani. E non è stata solidarietà a chiacchiere. 

Alle parole di indignazione sono seguiti i fatti: una catena di solidarietà ha fatto arrivare nelle casse della Fondazione Idis, a capo di Città della Scienza, 1,4 milioni. Il resto lo hanno fatto le istituzioni. Sono 270 milioni i soldi stanziati dal governo Renzi, 18,5 quelli messi in campo dalla Regione Campania, solo per restare alla stretta attualità. Non hanno voluto far mancare il loro sostegno alla rinascita della cittadella scientifica di Bagnoli anche alcuni delle migliaia di ragazzi venuti qui in gita con le scuole. Già, perché Città della Scienza è un punto di riferimento per tutti quegli insegnanti che vogliono far conoscere le meraviglie della scienza ai propri studenti. Uno di loro gli ha persino consegnato i soldi della sua paghetta, ha ricordato a volte Silvestrini, commosso. Sabato, a quattro anni esatti dall'incendio, vedono la luce Corporea, un grande museo sui segreti del corpo umano, e il Planetario che sarà anche un cinema 3D. All'inaugurazione di sabato sono attesi il presidente del Senato Pietro Grasso, e i ministri Fedeli, De Vincenti e Delrio: le istituzioni. Il sogno dell’innovazione a Napoli non è finito. Città della Scienza rinasce poco alla volta, tra tre anni con tutta probabilità sarà pronto il museo. I nemici di Napoli non l’hanno avuta vinta.