Log in
NEWS
Alla fine è sempre la povera gente, credulona e sprovveduta, a pagare il conto Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte

kimbo shop ildenaro 016

Nasce Corporea, la scienza contro i nemici di Napoli

  •  Antonio Averaimo
  • Pubblicato in Futura
 
 

"Chi sono i nemici di Città della Scienza?", chiedemmo al consigliere delegato di Città della Scienza, Vincenzo Lipardi, l’uomo che insieme allo scienziato Vittorio Silvestrini ha dato vita alla cittadella della scienza di Bagnoli. Non sappiamo se conoscesse la risposta, al momento non la conoscono nemmeno i magistrati chiamati a pronunciarsi sull’incendio che il 4 marzo 2013 distrusse gran parte degli edifici che compongono la struttura. Si limitò a rispondere così: "I nemici di Città della Scienza sono quelli che vogliono che Napoli resti esattamente com’è». Probabilmente chi ha appiccato il fuoco voleva sicuramente che il quartiere in cui sorge Città della Scienza restasse com’era prima che il sogno di Silvestrini prendesse corpo: un deserto. La chiamano desertificazione industriale: lì dove c’erano le industrie simbolo della stagione dell’industrializzazione di Napoli e del Mezzogiorno, oggi si vedono solo distese chilometriche di erbacce, lo scheletro di quella che era l’Italsider, la colmata. Città della Scienza nacque come cattedrale nel deserto: al degrado di quello che era il cuore industriale di Napoli ha cercato di rispondere con la sfida dell’innovazione, molto prima che questa parola diventasse di comune uso e abuso. Innovazione, divulgazione scientifica, start up sono parole di casa a Bagnoli. Il sogno sembrava finito quel 4 marzo, ma chi ha appiccato l’incendio e soprattutto chi lo ha ordinato non conosceva bene i napoletani. E non è stata solidarietà a chiacchiere. 

Alle parole di indignazione sono seguiti i fatti: una catena di solidarietà ha fatto arrivare nelle casse della Fondazione Idis, a capo di Città della Scienza, 1,4 milioni. Il resto lo hanno fatto le istituzioni. Sono 270 milioni i soldi stanziati dal governo Renzi, 18,5 quelli messi in campo dalla Regione Campania, solo per restare alla stretta attualità. Non hanno voluto far mancare il loro sostegno alla rinascita della cittadella scientifica di Bagnoli anche alcuni delle migliaia di ragazzi venuti qui in gita con le scuole. Già, perché Città della Scienza è un punto di riferimento per tutti quegli insegnanti che vogliono far conoscere le meraviglie della scienza ai propri studenti. Uno di loro gli ha persino consegnato i soldi della sua paghetta, ha ricordato a volte Silvestrini, commosso. Sabato, a quattro anni esatti dall'incendio, vedono la luce Corporea, un grande museo sui segreti del corpo umano, e il Planetario che sarà anche un cinema 3D. All'inaugurazione di sabato sono attesi il presidente del Senato Pietro Grasso, e i ministri Fedeli, De Vincenti e Delrio: le istituzioni. Il sogno dell’innovazione a Napoli non è finito. Città della Scienza rinasce poco alla volta, tra tre anni con tutta probabilità sarà pronto il museo. I nemici di Napoli non l’hanno avuta vinta.