Log in
NEWS
La filosofia incontra il cinema in Floridiana Confagricoltura, confronto a Benevento sul caso cinghiali: passare dall'emergenza alla gestione ordinaria Riordino delle polizie, anche l'Europa apre una procedura contro la Riforma Madia Salerno, De Luca a Minniti: Invii gli agenti dei corpi speciali Avvocati, prima vittoria del sannita Lizza nel ricorso del Corpo Forestale contro la legge Madia M5s, inizia l'era Di Maio: eletto candidato premier, sarà anche il leader del movimento Ap, Barone: in Campania pronti con qualunque sistema elettorale Sacrificio di Salvo D'Acquisto, i carabinieri commemorano il 74° anniversario Ambiente, Premio San Michele a "L' Oro di Capri" Enel avvia la produzione in Brasile dei due parchi solari più grandi del Sud America Piano ospedaliero e territorio, lunedì a Napoli il ministro Lorenzin Infezioni cutanee, la scoperta made in Italy: così l'organismo le combatte in due mosse Capodimonte, riaprono i prati della Reggia per le Giornate Europee del patrimonio Boom ecobonus: 2,8 milioni di italiani pronti a ristrutturare casa Napoli, via al Bilancio consolidato 2016: stop al divieto di assunzioni Baroque Park, a Villa Bruno viaggio nel mondo dei libri Treno storico Napoli-Pietrelcina, De Luca e Moretti al viaggio inaugurale: Mantenuti gli impegni Incendi, nasce la filiera della prevenzione Aib Confapi Napoli, Falco: serve un'Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno Napoli, successo per gli Itinerari Unesco al Wtu di Siena Capri, referendum per il futuro di via Krupp: via alla raccolta firme Cooperazione interregionale, nuovo bando Ue da 60 milioni Forza Italia, entra l'ex Idv Di Nardo: Nessun tradimento, torno a casa Festival di Bari sulle buone pratiche delle città europee. C'è anche Napoli Ryanair cerca il riscatto. In inverno nuovi collegamenti Napoli-Malta Conti pubblici: così i derivati possono affossare il bilancio dello Stato Musica, parata di stelle a Roma per "Napoli nel Cuore" Francesco Todisco (Mdp): Eolico, bene i sequestri della Gdf Fisco, indagine Cgia: Campania tra le regioni meno tartassate Cura dei pazienti fragili, a Roma un convegno organizzato da Lucio Romano Moda, nascono 6 imprese al giorno: record di giovani a Napoli Confindustria, Robiglio si candida alla presidenza di Piccola Industria Test di Medicina, boom di irregolarità: 5 atenei nel mirino. C'è anche Napoli Targa in memoria di Giancarlo Siani: un Qr Code per far conoscere la sua storia ai più giovani Mostre, quasi 1.500 persone al Madre per la videoinstallazione di Cerami

kimbo shop ildenaro 016

Vulcanologia, dai Campi Flegrei uno studio per prevedere eventuali eruzioni

  •  Alfonso Mastellone
  • Pubblicato in Futura

Ricostruire cosa sta accadendo nel vulcano e prevedere l'evoluzione del sistema verso un'eruzione o meno. Questo l'obiettivo dello studio intitolato "Signature of magmatic processes in strainmeter records at Campi Flegrei (Italy)" per l'approfondimento della conoscenza del sistema vulcanico della zona flegrea e per poterne valutare la pericolosità. A condurre lo studio, recentemente pubblicato su Geophysical Research Letters, sono i ricercatori dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) della Sezione di Pisa.

La ricercatrice Ingv, Chiara Montagna, spiega che “questa ricerca propone, per la prima volta, un metodo grazie al quale l'interazione tra magmi (mixing) può essere individuata analizzando i movimenti del suolo vulcanico (segnali di deformazione)”.

Questo processo di mixing, che avviene in profondità e che potrebbe essere considerato precursore di eruzioni, è comune a molti sistemi vulcanici, tra cui i Campi Flegrei, e avviene quando un magma ricco di gas, proveniente da profondità comprese tra gli 8 e 15 chilometri, raggiunge più in superficie una camera magmatica degassata dove si mescola con il magma già presente. Si tratta di un processo che lascia tracce nei materiali eruttati e proprio dal loro studio si comprende come il mixing tra magmi anticipi e causi le eruzioni.

Sofisticate simulazioni al computer hanno riprodotto le dinamiche magmatiche associate al mixing e hanno permesso di calcolare anche le deformazioni provocate sul terreno. Chiara Montagna prosegue dicendo che “le deformazioni del suolo, osservate utilizzando strumenti particolarmente sensibili denominati strainmeters, sono state confrontate con quelle calcolate al computer. Da tale confronto emergono forti similitudini, in determinati periodi di tempo, che permettono di ipotizzare l’arrivo di nuovo magma all’interno di serbatoi a bassa profondità (3-4 km). Minime oscillazioni del terreno, non percepibili dall’uomo e che avvengono in periodi lunghi, (dell’ordine di 100 – 1000 secondi), sono registrate dagli strumenti e rappresentano la manifestazione superficiale dei processi profondi. Questo fenomeno è stato osservato in particolare nei dati registrati a fine ottobre 2006, quando la caldera è stata scossa da uno sciame sismico. Da qui l'idea che quest’ultimo possa essere legato alla risalita di magma verso profondità minori”.