n63

Log in
NEWS
Avellino, nasce Associazione antiracket intitolata alla moglie di Libero Grassi Rotte marittime, bando Ue da 1,5 mln: c’è tempo fino al 15 marzo Alfabetizzazione cinematografica: 1,4 milioni di euro da Bruxelles Agricoltura, al Sud balzo in avanti dell’occupazione giovanile Agroalimentare: 2,5 milioni di euro per la ricerca scientifica Sanità, De Luca: Presto la stabilizzazione di 2mila precari Da Verne alla navicella di Star Trek: i viaggi che hanno anticipato la storia Napoli: il mercato delle quotazioni oro piace ai piccoli e medi risparmiatori Investire in oro: conviene nuovamente Cavalleggeri Guide di Salerno a sostegno di Telethon NapoliServizi, de Magistris: L'ad Allocca sarà sostituito Giusy Petitti confermata coordinatrice Felsa Cisl Salerno Spa abusiva in un hotel, sigilli dei Carabinieri Anci, app per servizi pubblici: 50 amministratori under 37 si sfidano a Napoli Delegazione Authority Tunisia in visita al Corecom Campania Pasquale Amoroso neo collaboratore del vice ministro Nencini Gianfranco Coppola eletto nel Consiglio nazionale dell'Ussi Acerra, arriva l'app "Comunica City": tutte le informazioni utili gratis sul telefonino Confidi, sbloccati 225 milioni di euro per finanziare le Pmi italiane Barilla, presentato a Marcianise il contratto di filiera: nuove risorse per la Campania Napoli Pizza Village, a giugno nove giorni di gusto sul lungomare Sottosegretario Cesaro: Forte impegno italiano sul traffico di opere d’arte Napoli, nasce il comitato autonomo degli Lsu del Comune Addio a Squitieri, la moglie: Napoli lo sta abbracciando fino alla fine Addio a Squitieri: Claudia Cardinale: Con Pasquale una storia travolgente Addio a Squitieri: il figlio Mario: Ha mantenuto una napoletanità completa Sciopero taxi, boom di adesioni a Napoli Il linguaggio segreto di Napoli: viaggio tra i simboli della città ermetica Addio a Squitieri, applausi e commozione per l'arrivo del feretro al borgo Vergini Pmi 4.0, via alla Sabatini Ter: le domande dal 1°marzo Salerno, riqualificazione del territorio: professionisti a confronto Nuove tecnologie sul posto di lavoro: italiani più ottimisti degli europei Agricoltura, Svimez: Settore in ripresa al Sud e in Campania Aumento dei tassi in vista, il dollaro si rafforza Pmi agricole, reti ed e-commerce: credito d’imposta fino a 400mila €

kimbo shop ildenaro 016

Praterie di Posidonia, un ricercatore napoletano scopre i segreti della "Foresta Amazzonica" del Mar Mediterraneo


Scoperti i segreti delle praterie di Posidonia, la 'Foresta Amazzonica' del Mar Mediterraneo, che sono un vero e proprio polmone subacqueo cruciale per la produzione di ossigeno. Ricercatori italiani hanno scoperto che queste piante funzionano in modo diverso a seconda della profondità in cui vivono e questo può aiutare a mettere a punto strumenti su misura per proteggerle. Il risultato, pubblicato su Scientific Reports, si deve al gruppo internazionale guidato da Gabriele Procaccini, della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli. I ricercatori hanno studiato i fondali della Baia di Calvi in Corsica e hanno analizzato il funzionamento di una specie di Posidonia che vive lungo tutta la sua fascia costiera del Mediterraneo, la Posidonia oceanica. Questa pianta è minacciata dai cambiamenti climatici da inquinamento e interventi dell'uomo sulle coste. "L'obiettivo è stato scoprire le strategie di adattamento di questa pianta marina per mettere a punto strategie per proteggerla", dice all'Ansa Procaccini. Per esempio, ha aggiunto, la scoperta è importante per i programmi di riforestazione, perché indica che le piante che si sono adattate a vivere vicino alla superficie non possono essere impiantare a 40 metri di profondità e viceversa. La Posidonia è una specie da tutelare, ha rilevato Procaccini, perché svolge importanti funzioni per l'ambiente a partire dalla produzione di ossigeno, che è pari a quella delle foreste tropicali. Inoltre cattura l'anidride carbonica in atmosfera e la immagazzina. Le sue praterie stabilizzano anche i fondali, proteggendo le coste dall'erosione, e ospitano una grande varietà di specie vegetali e animali. Poiché le praterie si estendono dalla superficie del mare fino a 40 metri di profondità, la Posidonia deve adattarsi a diverse condizioni di luce. I ricercatori hanno scoperto che la luce influenza fortemente le attività metaboliche della pianta, cioè di fotosintesi e respirazione. Le piante più vicine alla superficie si attivano prima e più a lungo, quelle che si trovano più in profondità invece, si attivano più tardi, e hanno un metabolismo più lento.