n63

Log in
NEWS
Napoli, limitazioni al traffico nel centro antico fino al 30 giugno Firema, riprende l'attività. De Luca: Salva grazie a commesse e investitori stranieri Psicologi, pronta la task force di assistenza ai migranti Eav, De Luca. Tre anni per concludere il piano di ammodernamento Start up, Fascione: Contributi a fondo perduto dalla Regione Sicurezza, mercoledì a Napoli vertice in prefettura Assocamerestero, accordo con Cfi per la promozione del sistema fieristico italiano Premio giovani talenti, a Ercolano i protagonisti della moda campana del futuro Eav, De Luca a un pendolare: Problemi? Serve tempo, non sono brioche Sicurezza, De Magistris su Fb: Lo Stato faccia di più Sicurezza, G. Alfano: Serve un piano straordinario per Napoli Eav, De Gregorio: A Pasqua del prossimo anno il Cuma Express Camorra, Verdi: Per sconfiggerla serve una reazione dei cittadini Nuoto, festa al Grand Prix di Napoli per Federica Pellegrini San Vitaliano, veglia di preghiera di solidarietà ai lavoratori del salumificio Spiezia Pd, Simone Valiante: Si apra una riflessione vera sull'Industria Dl manovra, Boccia: Voucher? Il futuro dell'Italia non passa di qui Migranti, a Napoli la nave di Msf con 1500 persone Salerno, i Neri per caso chiudono"Porto di Parole": c'è anche De Luca Capri Watch. il marchio campano protagonista al Roland Garros con tre testimonial Cai, Napoli capitale della montagna: c'è l'assemblea nazionale Mann, flash mob per dire no alla sentenza del Tar Università di Salerno, occhialini 3D per il piano formativo in live surgery Napoli, il ministro Orlando a de Magistris: Noi attenti alla città Ariano International Film Festival, presentata a Cannes la V edizione Napoli, cambia la giunta. Il sindaco: non c'è giudizio politico Napoli, de Magistris: Governo garantisca più risorse Bcc Napoli, bilancio di solidità Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default

kimbo shop ildenaro 016

Praterie di Posidonia, un ricercatore napoletano scopre i segreti della "Foresta Amazzonica" del Mar Mediterraneo


Scoperti i segreti delle praterie di Posidonia, la 'Foresta Amazzonica' del Mar Mediterraneo, che sono un vero e proprio polmone subacqueo cruciale per la produzione di ossigeno. Ricercatori italiani hanno scoperto che queste piante funzionano in modo diverso a seconda della profondità in cui vivono e questo può aiutare a mettere a punto strumenti su misura per proteggerle. Il risultato, pubblicato su Scientific Reports, si deve al gruppo internazionale guidato da Gabriele Procaccini, della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli. I ricercatori hanno studiato i fondali della Baia di Calvi in Corsica e hanno analizzato il funzionamento di una specie di Posidonia che vive lungo tutta la sua fascia costiera del Mediterraneo, la Posidonia oceanica. Questa pianta è minacciata dai cambiamenti climatici da inquinamento e interventi dell'uomo sulle coste. "L'obiettivo è stato scoprire le strategie di adattamento di questa pianta marina per mettere a punto strategie per proteggerla", dice all'Ansa Procaccini. Per esempio, ha aggiunto, la scoperta è importante per i programmi di riforestazione, perché indica che le piante che si sono adattate a vivere vicino alla superficie non possono essere impiantare a 40 metri di profondità e viceversa. La Posidonia è una specie da tutelare, ha rilevato Procaccini, perché svolge importanti funzioni per l'ambiente a partire dalla produzione di ossigeno, che è pari a quella delle foreste tropicali. Inoltre cattura l'anidride carbonica in atmosfera e la immagazzina. Le sue praterie stabilizzano anche i fondali, proteggendo le coste dall'erosione, e ospitano una grande varietà di specie vegetali e animali. Poiché le praterie si estendono dalla superficie del mare fino a 40 metri di profondità, la Posidonia deve adattarsi a diverse condizioni di luce. I ricercatori hanno scoperto che la luce influenza fortemente le attività metaboliche della pianta, cioè di fotosintesi e respirazione. Le piante più vicine alla superficie si attivano prima e più a lungo, quelle che si trovano più in profondità invece, si attivano più tardi, e hanno un metabolismo più lento.