Log in
NEWS
Artriti croniche, ecco la nuova App per giovani pazienti Via al Reddito di inclusione: ecco come richiedere il sussidio Enpam, 30milioni di incentivi ai giovani medici per l'acquisto di un ambulatorio Regione, sostegno a investimenti nelle aziende agricole, Coldiretti chiede la proroga Cisl, Furlan: Oggi per la Campania scriviamo un nuovo libro Natale, Sos Confcommercio: rischio Napoli a luci spente Capodichino, cancellati 9 voli per la nebbia Regione, Cesaro (Fi): su Sma Bonavitacola assente, lavoratori a rischio 24Finance, acquisita Miafin M5S, consiglieri regionali si tagliano stipendi e donano attrezzature al Loreto Mare Doriana Buonavita eletta nuovo segretario della Cisl Campania Alis, Grimaldi: Realtà ormai riconosciuta a livello internazionale Unicredit, tour Champions League a Napoli: c'è anche Zola Blunauta inaugura una nuova boutique a Napoli Qatar, contratto da 9 mln di euro alla 3Ti Progetti per la Metro di Doha Clp, addetti sul piede di guerra: Nessun pagamento da settembre Atradius, studio su export e mercati di Asia e Pacifico: fatture pagate sempre in ritardo Ddl Falanga su sanatoria degli abusi edilizi in Campania torna alla Camera. Barricate del Wwf Groupon: I campani che vanno fuori a cena preferiscono le cucine giapponese e spagnola "Con gli occhi di Mario", al Maschio Angioino mostra fotografica dedicata a Berlinguer VelAccessibile, al via la campagna di crowdfunding con Meridonare per la velaterapia Inner Wheel, con Rivieccio per sorridere nel segno del sociale Russia-Ucraina, alta tensione Molestie sul lavoro, per combatterle le aziende avviano programmi di formazione Macedonia, da domani a Skopje appuntamento con il format del Giffoni Film Festival Psicologi, ecco la mappa degli iscritti all'Ordine in Campania Società Italiana di Oftalmologia Genetica, da domani il congresso nazionale a Napoli Tasse, indagine Cgia: ogni campano versa allo stato quasi 6mila euro l'anno Antico Setificio di San Leucio, speciale tour gastronomico con le tipicità casertane BabBarattolo, il dolce storico napoletano ora è in formato da viaggio Fca, a Pomigliano raccolta firme per far partire il nuovo piano industriale Libri, a Roma la presentazione della storia di Antonio Tessitore Cesare Moreno vince il Premio Napoli Cultura 2017 Confesercenti Salerno presenta un progetto sulle nuove strategie di vendita per i negozi di vicinato A Grazzanise le celebrazioni per i 50 anni del 9° Stormo dell'Aeronautica

kimbo shop ildenaro 016

La passeggiata di Totti

Ci sono a volte situazioni che colpiscono, inaspettatamente, per la loro bellezza e mentre il cervello dice di controllarsi, l’emozione vince e non puoi fare a meno di lasciarti andare commovendoti, provando un “doloroso” piacere.
Come affermava Pier Paolo Pasolini il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo.
L’altra sera ho assistito, senza averlo programmato ma poi sono stato conquistato, a un evento straordinario, dentro una scenografia accuratamente preparata che ha messo in rilievo l’insieme complesso delle passioni e dove la spontaneità ha trovato la sua cifra distintiva.
Sto parlando dell’addio di (a) Francesco Totti.
Una rappresentazione intensamente coinvolgente e inevitabilmente commovente.
La sua lunga passeggiata con in braccio la bambina piccola, gli altri due e sua moglie:tutti e cinque bellissimi.
Le riprese tv riprendevano i volti di personaggi, noti e no, sugli spalti che esprimevano stati d’animo intrecciati e condivisi con sottotraccia comune l’amore.
Espressioni intense e come se in ogni volto l’amore volesse rallentare l’uscita di scena di quest’atleta, che si stava avviando con la sua lunga passeggiata verso il mondo del mito.
Dice “io adesso vado via, finisco e ho paura”.
Parole semplici, chiare, vere espresse senza pudore.
Dice “maledetto tempo” ma per lui il tempo è stato buono e non è finito.
L’essenza di ogni fine bello e buono non coincide con la fine e in qualche modo chi ha rappresentato molto rilancia una storia infinita.
Sono tanti, li dico come mi vengono in mente: Gigi Riva, Gino Bartali, Marco Pantani, Pelè, Fausto Coppi, Cassius Clay, i fratelli Abbagnale, Roger Federer, e moltissimi altri che sono nell’aria e riempiono la storia per sempre.
Però non avevo mai visto una festa come quella per Totti.
Una grande metafora che ha per un magico momento unito tutti, anche gli avversari.
La potenza emotiva di quel cartello dei laziali che conteneva un omaggio al grande avversario mi è sembrata bellissima.
Faceva capire che ci possono essere avversari che sono buoni nemici, opposti a una diffusa tendenza a riempirci di falsi amici.
Quello che era festeggiato, con amore, non era solo un giocatore ma un uomo intelligente e simpatico di una romanità schietta e non caricaturale, che ha conquistato con la sua condotta di vita oltre che con i suoi risultati sportivi, e la sua vera appartenenza al club sapendo rinunciare a molto pur di farne parte e così ne è diventato parte definitivamente.