n63

Log in
NEWS
Cai, Napoli capitale della montagna: c'è l'assemblea nazionale Mann, flash mob per dire no alla sentenza del Tar Università di Salerno, occhialini 3D per il piano formativo in live surgery Napoli, il ministro Orlando a de Magistris: Noi attenti alla città Ariano International Film Festival, presentata a Cannes la V edizione Napoli, cambia la giunta. Il sindaco: non c'è giudizio politico Napoli, de Magistris: Governo garantisca più risorse Bcc Napoli, bilancio di solidità Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto

kimbo shop ildenaro 016

Ti vedo per la prima volta: malattia e felicità

 

L’ultimo romanzo di Diego Galdino “Ti vedo per la prima volta” racconta la storia d’amore e l’enigma della sofferenza di Josephine, una ragazza che soffre di narcolessia e deve rinascere improvvisamente dal sonno di morte che la coglie nei momenti più impensabili della sua vita. Amatissima da suo padre, che le ha trasferito il valore più importante della sua vita, quello di <<Non mollare mai>>, vive nella convinzione che sua madre sia morta alla sua nascita fino all’età adulta, quando scopre che ella non è deceduta bensì ha rinunciato a lei con un accordo voluto da una suocera senza scrupoli. La madre, Maria, si è ricostruita la vita, incontrando Giovanni, un uomo generoso con un figlio piccolo, Lorenzo, di cui diviene madre-per-scelta. Dalla coppia nascono poi Carlotta ed Emilia. Alla morte della donna emerge la scabrosa verità e Josephine improvvisamente conosce la sua nuova famiglia. Lorenzo che è il più turbato dalla morte della madre e dalla segreta verità mai svelata, s’innamora di Josephine, la Bella addormentata che ha paura di aver paura, che lotta affinché la sua esistenza sia piena e normale, evitando di fermarsi di fronte ai limiti che la malattia le impone. Una vita condizionata, difficile, allietata dalla scrittura e da una vecchia polaroid della madre, regalatale dalla nonna per il diciottesimo compleanno con la quale aveva immortalato ogni risveglio dopo una crisi narcolettica e i più svariati momenti della sua vita. Tanta autoironia nella sua vita ma sempre, dietro l’angolo, la tentazione dell’autocommiserazione. Con fatica ha imparato a vedere il lato positivo delle cose, ricordando a se stessa che la vita è un valore e conviene cercare di goderne il più possibile. Le fragilità fisiche o mentali vengono nascoste per vergogna o senso di colpa, eppure esse in alcuni frangenti si trasformano quasi in un vantaggio perché permettono di gustare appieno aspetti dell’esistenza che altrimenti non si scorgerebbero e danno all’animo umano una sensibilità più profonda, nel bene e nel male. Mentre rimugina sulla sua mancata libertà e felicità irrompe nella sua vita Lorenzo, un giovane per il quale passare le giornate sempre nella stessa città può essere considerato uno spreco di tempo tranne che per Roma, di una bellezza che uccide, capace di farsi perdonare due ore di traffico insensato, mostrando anche solo di sfuggita uno dei suoi migliori scorci. Prima di Josephine non ha amato nessuna donna come la sua città. Nel racconto l’autore, Galdino, nato e cresciuto a Roma, dove ha un suo bar, visitato quotidianamente da un’affezionata clientela, trasferisce l’ammirazione per la sua città, meravigliosa ancor più della Svizzera. La protagonista ammaliata dalla bellezza della città eterna, conosciute le due sorellastre e il fratello acquisito, vive intensamente l’amore per Lorenzo, ma ben presto i due giovani si troveranno a fare i conti con un’improvvisa dolorosa realtà che da una certa suspense al romanzo.

L’amore e la malattia, la felicità e la dipendenza, la libertà e la fragilità sono veramente conciliabili tra loro? L’autore, con scrittura scorrevole e armonica, propone ai lettori un’acuta riflessione sulla  tragica verità dei tempi presenti ove l’efficientismo sembra dominare ogni aspetto dell’esistenza e rinnegare i valori più profondi della vita.

 

 

Altro in questa categoria: « Com passione: il verbo dell’anima