Log in
NEWS
Alla fine è sempre la povera gente, credulona e sprovveduta, a pagare il conto Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte

kimbo shop ildenaro 016

Le stese e il Medioevo: Napoli 1343-2017

Gli avvenimenti di cronaca nera, le "stese" di camorra, le continue aggressioni ai danni di inermi cittadini, le esecuzioni d'imprenditori  sollecitano la reminiscenza di un saggio storico costruito, grazie a  fonti angioine e aragonesi, sopravvissute alle macerie della Seconda Guerra Mondiale, e scritto per tentare di leggere il martoriato tessuto sociale della nostra città. Qualche anno fa Amedeo Feniello, storico del medioevo, collaboratore all’inserto culturale "La Lettura" del Corriere della Sera, dette  alla luce il romanzo storico "Napoli 1343. Le origini medievali di un sistema criminale" .  In esso colse il parallelismo storico tra la lontana notte del 1343, quando nel golfo di Napoli una nave genovese in rada, carica di merci fu assalita e il capitano barbaramente trucidato, e la sua terribile notte del 31 gennaio 2005, quando davanti alla scuola, dove insegnava, vennero  ammazzati tre giovani. Da entrambe le cronache “noir” era possibile cogliere l'efferatezza dell'operato. La mattanza nella provincia di Napoli era stata realizzata con l'inganno, i sicari per mimetizzarsi si erano travestiti da gendarmi, avevano ammanettato e sparato alla testa per rivendicare il controllo assoluto su quel territorio. Omertà o antica saggezza la scelta del silenzio da parte della popolazione? Solo una bambina in un tema aveva descritto l'esecuzione raccapricciante a cui aveva assistito con la sua famiglia.

Coinvolto dall'improvviso desiderio d'impegno civile della dirigente, Feniello si era ritrovato a parlare dello scottante tema della criminalità con l'assessore alle politiche sociali della Regione e aveva scoperto la vacuità degli interventi prospettati, nonché l'aria sbrigativa dell'interlocutrice. Tanto grave l'accaduto, tanto evanescenti le risposte. Infine era stata chiusa la scuola perché considerata oggetto sensibile dai carabinieri, in quanto erano in ballo gli interessi dei clan. Quest'esperienza si riannodò alla successiva attività di ricercatore dello storico e saggista in cui  ha cercato con solerzia  una risposta a questa consuetudine criminale, a questa malapianta che alligna nel territorio partenopeo. Legami e nessi storici da riscoprire a partire dal 1343 in un'ottica di lungo periodo, filamenti malsani di un unico arbusto: la mala dai mille volti e i suoi loschi affari in settecento anni. Nella cronaca relativa ai fatti di pirateria del 1343 sembra che a far gola ai cittadini napoletani fossero i viveri, carni e frumento, preziosissimi in tempo di carestia, al punto tale da camuffarsi come  esponenti del Re Roberto il Saggio da poco defunto (da neanche un anno era divenuta regina Giovanna I). Sì trattava di clan cittadini familiari armati che si organizzarono per realizzare l'assalto alla nave mentre era ferma nel porto di Baia.

Colpisce l'impunità dei protagonisti dell’epoca in un momento difficile della monarchia e di forte degrado della vita politica. Si trattò di un episodio di ordinaria violenza medievale o lo svilupparsi di una trama di sofferenza, miseria, prevaricazione, violenza che scorre ancora oggi nelle strade di Napoli? Eppure Napoli nel Trecento era capitale del Regno, come oggi è capitale del Mezzogiorno, era  crogiuolo di culture e tradizioni, di scambi vivi e intensi, la medesima vivacità e bellezza naturale apprezzate ancora oggi nel XXI  secolo da tanti turisti e cittadini partenopei. Allora dominavano le famiglie e i clan dei "seggi" e debole era il potere centrale, la violenza occupava sovente il posto del dialogo nella risoluzione della conflittualità. Era già forte la commistione tra interessi privati e pratica di governo. Assente lo Stato, sfiduciati i cittadini, ieri come oggi, la bella Parthenope soffoca in un'agonia disperante? O è possibile ancora immaginare un futuro diverso di crescita economica e di emancipazione civile?