n63

Log in
NEWS
Cai, Napoli capitale della montagna: c'è l'assemblea nazionale Mann, flash mob per dire no alla sentenza del Tar Università di Salerno, occhialini 3D per il piano formativo in live surgery Napoli, il ministro Orlando a de Magistris: Noi attenti alla città Ariano International Film Festival, presentata a Cannes la V edizione Napoli, cambia la giunta. Il sindaco: non c'è giudizio politico Napoli, de Magistris: Governo garantisca più risorse Bcc Napoli, bilancio di solidità Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto

kimbo shop ildenaro 016

Le stese e il Medioevo: Napoli 1343-2017

Gli avvenimenti di cronaca nera, le "stese" di camorra, le continue aggressioni ai danni di inermi cittadini, le esecuzioni d'imprenditori  sollecitano la reminiscenza di un saggio storico costruito, grazie a  fonti angioine e aragonesi, sopravvissute alle macerie della Seconda Guerra Mondiale, e scritto per tentare di leggere il martoriato tessuto sociale della nostra città. Qualche anno fa Amedeo Feniello, storico del medioevo, collaboratore all’inserto culturale "La Lettura" del Corriere della Sera, dette  alla luce il romanzo storico "Napoli 1343. Le origini medievali di un sistema criminale" .  In esso colse il parallelismo storico tra la lontana notte del 1343, quando nel golfo di Napoli una nave genovese in rada, carica di merci fu assalita e il capitano barbaramente trucidato, e la sua terribile notte del 31 gennaio 2005, quando davanti alla scuola, dove insegnava, vennero  ammazzati tre giovani. Da entrambe le cronache “noir” era possibile cogliere l'efferatezza dell'operato. La mattanza nella provincia di Napoli era stata realizzata con l'inganno, i sicari per mimetizzarsi si erano travestiti da gendarmi, avevano ammanettato e sparato alla testa per rivendicare il controllo assoluto su quel territorio. Omertà o antica saggezza la scelta del silenzio da parte della popolazione? Solo una bambina in un tema aveva descritto l'esecuzione raccapricciante a cui aveva assistito con la sua famiglia.

Coinvolto dall'improvviso desiderio d'impegno civile della dirigente, Feniello si era ritrovato a parlare dello scottante tema della criminalità con l'assessore alle politiche sociali della Regione e aveva scoperto la vacuità degli interventi prospettati, nonché l'aria sbrigativa dell'interlocutrice. Tanto grave l'accaduto, tanto evanescenti le risposte. Infine era stata chiusa la scuola perché considerata oggetto sensibile dai carabinieri, in quanto erano in ballo gli interessi dei clan. Quest'esperienza si riannodò alla successiva attività di ricercatore dello storico e saggista in cui  ha cercato con solerzia  una risposta a questa consuetudine criminale, a questa malapianta che alligna nel territorio partenopeo. Legami e nessi storici da riscoprire a partire dal 1343 in un'ottica di lungo periodo, filamenti malsani di un unico arbusto: la mala dai mille volti e i suoi loschi affari in settecento anni. Nella cronaca relativa ai fatti di pirateria del 1343 sembra che a far gola ai cittadini napoletani fossero i viveri, carni e frumento, preziosissimi in tempo di carestia, al punto tale da camuffarsi come  esponenti del Re Roberto il Saggio da poco defunto (da neanche un anno era divenuta regina Giovanna I). Sì trattava di clan cittadini familiari armati che si organizzarono per realizzare l'assalto alla nave mentre era ferma nel porto di Baia.

Colpisce l'impunità dei protagonisti dell’epoca in un momento difficile della monarchia e di forte degrado della vita politica. Si trattò di un episodio di ordinaria violenza medievale o lo svilupparsi di una trama di sofferenza, miseria, prevaricazione, violenza che scorre ancora oggi nelle strade di Napoli? Eppure Napoli nel Trecento era capitale del Regno, come oggi è capitale del Mezzogiorno, era  crogiuolo di culture e tradizioni, di scambi vivi e intensi, la medesima vivacità e bellezza naturale apprezzate ancora oggi nel XXI  secolo da tanti turisti e cittadini partenopei. Allora dominavano le famiglie e i clan dei "seggi" e debole era il potere centrale, la violenza occupava sovente il posto del dialogo nella risoluzione della conflittualità. Era già forte la commistione tra interessi privati e pratica di governo. Assente lo Stato, sfiduciati i cittadini, ieri come oggi, la bella Parthenope soffoca in un'agonia disperante? O è possibile ancora immaginare un futuro diverso di crescita economica e di emancipazione civile?