Log in
NEWS
M5s, inizia l'era Di Maio: eletto candidato premier, sarà anche il leader del movimento Ap, Barone: in Campania pronti con qualunque sistema elettorale Sacrificio di Salvo D'Acquisto, i carabinieri commemorano il 74° anniversario Ambiente, Premio San Michele a "L' Oro di Capri" Enel avvia la produzione in Brasile dei due parchi solari più grandi del Sud America Piano ospedaliero e territorio, lunedì a Napoli il ministro Lorenzin Infezioni cutanee, la scoperta made in Italy: così l'organismo le combatte in due mosse Capodimonte, riaprono i prati della Reggia per le Giornate Europee del patrimonio Boom ecobonus: 2,8 milioni di italiani pronti a ristrutturare casa Napoli, via al Bilancio consolidato 2016: stop al divieto di assunzioni Baroque Park, a Villa Bruno viaggio nel mondo dei libri Treno storico Napoli-Pietrelcina, De Luca e Moretti al viaggio inaugurale: Mantenuti gli impegni Incendi, nasce la filiera della prevenzione Aib Confapi Napoli, Falco: serve un'Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno Napoli, successo per gli Itinerari Unesco al Wtu di Siena Capri, referendum per il futuro di via Krupp: via alla raccolta firme Cooperazione interregionale, nuovo bando Ue da 60 milioni Forza Italia, entra l'ex Idv Di Nardo: Nessun tradimento, torno a casa Festival di Bari sulle buone pratiche delle città europee. C'è anche Napoli Ryanair cerca il riscatto. In inverno nuovi collegamenti Napoli-Malta Conti pubblici: così i derivati possono affossare il bilancio dello Stato Musica, parata di stelle a Roma per "Napoli nel Cuore" Francesco Todisco (Mdp): Eolico, bene i sequestri della Gdf Fisco, indagine Cgia: Campania tra le regioni meno tartassate Cura dei pazienti fragili, a Roma un convegno organizzato da Lucio Romano Moda, nascono 6 imprese al giorno: record di giovani a Napoli Confindustria, Robiglio si candida alla presidenza di Piccola Industria Test di Medicina, boom di irregolarità: 5 atenei nel mirino. C'è anche Napoli Targa in memoria di Giancarlo Siani: un Qr Code per far conoscere la sua storia ai più giovani Mostre, quasi 1.500 persone al Madre per la videoinstallazione di Cerami "Mai Soli", a Salerno il primo gruppo-appartamento per anziani Capri, nasce il Comitato "Via Krupp aperta e pubblica" Trasporti, De Luca annuncia arrivo del bigliettaio a bordo dei bus Trofeo Pulcinella, cento pizzaioli in gara a Napoli Evasione fiscale da 1,5 mln: sequestrata coop che lavora per le Fs

kimbo shop ildenaro 016

L’Accanto, ritrovo della semplicità perduta

Quando si dice che girato l’angolo trovi quello che non ti aspetti, eccolo qua, basta una leggera deviazione sulla strada che porta a Sorrento, a Seiano di Vico Equense ed ecco un altro Paradiso della nostra costiera, l’Hotel Angiolieri. Nel verde, con un panorama, che il mondo ci invidia, del Golfo di Napoli ed il Vesuvio di fronte a picco sul mare, sulla terrazza con il sottofondo musicale dei cinguettii e del canto del gallo eh sì, perché la zona sottostante popolata da ville con giardini ed orti, il gallo (per fortuna e per piacere …) mi sta riportando ad una atmosfera di natura e semplicità ormai perse. Questa antica villa romana trasformata poi in convento delle Clarisse e dagli inizi ’800 in albergo, è stata meta di personaggi illustri e certamente questo lo si deve anche alla pace ed al silenzio che, insieme ad una accoglienza cordiale e riservata, sono le prime emozioni tangibili all’Angiolieri. Del resto questo bel “sasso”, molto ben curato ed elegante, posizionato sulla roccia con appena 35 camere, garantisce privacy ed alta qualità nei servizi per un lusso certo ma non sovrastante, per una vacanza detox all’insegna del buon gusto. Ormai da cinque anni la “stella francese” svetta sul promontorio dell’Angiolieri con il ristorante l’Accanto diretto dallo Chef vicano Vincenzo Guarino, dalle interessanti esperienze francesi (lo sentirete nel piatto…), Vincenzo mette subito le cose in chiaro, la cucina non è il luogo di tutti, dove ciascuno pensa di avere voce in capitolo, è come in ambito militare dove esistono le regole d’ingaggio e disciplina, valori per ottenere prestazioni di alto livello, per vincere le battaglie che, con una clientela internazionale, diventa d’obbligo. Vincenzo Guarino, si potrebbe definire lo chef dei tre ingredienti che, nella “cucina del senza”, inteso come senza il di più, l’inutile … è un maestro; dove una parte della categoria lavora per sommatoria pensando di ottenere maggiori risultati, qui si lavora per detrazione, con le complicanze dell’ottenimento di un gran piatto con pochi ingredienti. Quelli giusti, abbinati e trattati ad arte, ecco chi è Vincenzo Guarino. Ma una squadra è grande quando si completa oltre che in cucina in sala, Mario de Martino Maitre e Giovanni Starace Sommelier, professionisti empatici, sono semplicemente quello che ci vuole per decretare il successo di un gran ristorante. Pani, schiacciate e grissini in vari gusti; burro tradizionale ed al basilico; pepi al mortaio; ampia selezione di olii; astice in pasta kataifi, crema di fave al profumo di limone, insalata di frutta e verdure; tartare di fassona, tuorlo d’uovo fritto di Parisi, verdure cotte e crude, salsa al provolone del monaco; risotto vialone nano cozze e patate con spuma di patate; spaghettone Vicidomini ai 5 pomodori; anatra alle spezie orientali con chutney di mela annurca e arancia; pre dessert spuma di mandarino e ricotta; brownie con noci di Sorrento, farcito al caramello salato, mousse di caprino e sorbetto alla menta; post dessert mini pasticceria. Cosa ho bevuto? Qui si dovrebbe aprire un capitolo a parte considerata la competenza e la passione condivisa dei Riesling con Giovanni Starace, apertura con Buvoli rosè metodo classico, Peter Jakob Kuhn Riesling Trocken, Domaine Amiot Guy et Fils, Bourgogne chardonnay, Villa Dora Gelsonero Lacryma Christi, Marcel Deiss Riesling Alsace Riesling e per concludere Eiswein di Kracher. Come concludere se non con un plauso a questi grandi protagonisti (dalla proprietà: Elisa Balzano e Gerardo Gargiulo alle brigate di cucina e sala passando per l’accoglienza alla reception), che a pochissimi chilometri da Napoli offrono la scelta di trascorrere una bellissima serata elegante ma non spocchiosa, in un luogo di emozione, intuizione ed empito creativo dove il concetto di ristorazione, inteso come ristorare, corpo ed anima, qui c’è tutto.


Menu degustazione: €.120 sinfonia di sapori – €. 95 degustando il mare - €. 75 la tradizione Grand Hotel Angiolieri: Via Santa Maria Vecchia,2 – Seiano di Vico Equense (Na) – Info e prenotazioni +39 081 8029161 http://www.grandhotelangiolieri.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.