Log in
NEWS
Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte La cultura meridionale nel mondo, si presenta a Napoli "American Friends of Capodimonte"

kimbo shop ildenaro 016

Relais Blu, gusto d’incanto tra le due costiere

Se il Paradiso fosse come qui e se in Paradiso si mangiasse come qui, nessuno avrebbe più timore a lasciare la vita terrena. Bisogna anche dire però che senza l’intervento umano questa frazione di Massalubrense, Termini-Marciano, non sarebbe altro che un luogo di collina in apparente semiabbandono che degrada verso le più fortunate Massalubrense o Marina del Cantone. Quasi a confine tra le due costiere, sorrentina ed amalfitana, una vista di incomparabile bellezza, controindicata ai cardiopatici! Se si allunga la mano da qui sembra di toccare i Faraglioni e Capri tutta. Con ischia, Procida ed il Vesuvio non a portata di mano ma di vista, questo Boutique Hotel a 4 stelle, dallo stile coraggioso in quanto fuori dai canoni architettonici di questa costiera, quello del total white, può accogliere gli ospiti solo per undici camere, belle ed ampie, arredate con eleganza e tutte vista mare (bandiera blu), con un sapiente mix tra arredi classici e moderni, sospeso sul mare, è emotivamente coinvolgente. una piscina a sfioro, chiamata “infinity Pool” non a caso, in quanto l’infinito passa anche da qui, per questi panorami dalle albe e dai tramonti che lasciano tracce indelebili nella memoria, con ulivi secolari, pini marittimi e fiori che sono il flavour di questo posto, cielo, mare e macchia mediterranea infine caratterizzano questo hotel improntato sul relax. Due terrazze ultrapanoramiche utilizzate anche per la colazione e l’aperitivo, completano la bellezza di questa struttura ove mai ce ne fosse stato bisogno. Vi faccio ritorno dopo qualche anno, trovo cambiamenti e migliorie, così come si esprimono i grandi albergatori, metamorfosi ed evoluzione, sempre in progress con un unico credo, il cliente. Quindi una relazione quaternaria qui ci sta: acampora sta agli hotel come il relais Blu sta al Paradiso. Quattro generazioni, oggi Antonino Acampora, titolare nelle vesti di direttore generale, amante dell’architettura e dell’arte, formatosi alla famosa ecole Hotellerie di losanna (CH), si occupa della struttura di famiglia dal 2006, con una passione: l’enogastronomia. Dal 2013 in cucina Roberto Allocca, dopo importanti esperienze e da primo negli emergenti (2011) alla Stella Michelin nel 2014, ma si sa, una grande cucina senza una grande sala non funziona, qui Pasquale GrandeMaitre e Luigi Nitto sommelier, nobilitano le performance dello Chef con grandi capacità e mediterranea accoglienza. l’ospitalità è di livello, in un contesto charme, dell’architettura e del panorama vi ho parlato, passo alle vie di fatto. alla lettura del menu emerge una carta tattica, tecnica e strategica, non può mai scontentare nessuno, polpo, astice, baccalà, totani, maruzze, tonno, granchio, triglia che si contrappongono a fois gras, bufalo, anatra, vitello, agnello, verdure ed ortaggi. Si evince dunque che lo Chef è capace e riesce con il suo “cum petere” ad esaltare qualsiasi linea gastronomica. una ribolla gialla di Sirch nel calice, pani (bianco, nero, babà rustico, taralli, grissini) e burro sulla tavola, sono pronti. inizio con un polpo arrosto con crema di ricotta, cipollotto nocerino, fave e piselli, proseguo con un cappellaccio ripieno di granchio reale con il suo consommé e friarielli ripassati, ora il calice si riempie di affumicato, una Particella 928 di Cantina del Barone. Filetto di triglia in sfoglia di pane cafone con salsa al prezzemolo e carciofo farcito al fois gras, una Schiava gentile della Cantina Tramin sposa l’alto adige con il mare. l’agnello di laticauda con verdure primaverili e cremoso al pecorino si accompagna con un potente Pignacolusse di Jermann. la crema di avocado con marshmallow al limone, sfera di cioccolata con mandorle in diverse consistenze e per finire la “colazione napoletana” composta da morbido di pastiera con gelato alla frolla ed aria di caffè mi danno il sospetto che deve essersi sparsa la voce sulla mia golosità per i dolci … il vino dolce della casa di Jermann, un Picolit, chiude la emozionante degustazione. Buona la carta dei vini con quella dei distillati e dei sigari. un “meet up” di una bellissima struttura con una cucina di valore, come dire piacere e cuccagna il giusto compromesso per vivere felici, al relais Blu.