Log in
NEWS
M5s, inizia l'era Di Maio: eletto candidato premier, sarà anche il leader del movimento Ap, Barone: in Campania pronti con qualunque sistema elettorale Sacrificio di Salvo D'Acquisto, i carabinieri commemorano il 74° anniversario Ambiente, Premio San Michele a "L' Oro di Capri" Enel avvia la produzione in Brasile dei due parchi solari più grandi del Sud America Piano ospedaliero e territorio, lunedì a Napoli il ministro Lorenzin Infezioni cutanee, la scoperta made in Italy: così l'organismo le combatte in due mosse Capodimonte, riaprono i prati della Reggia per le Giornate Europee del patrimonio Boom ecobonus: 2,8 milioni di italiani pronti a ristrutturare casa Napoli, via al Bilancio consolidato 2016: stop al divieto di assunzioni Baroque Park, a Villa Bruno viaggio nel mondo dei libri Treno storico Napoli-Pietrelcina, De Luca e Moretti al viaggio inaugurale: Mantenuti gli impegni Incendi, nasce la filiera della prevenzione Aib Confapi Napoli, Falco: serve un'Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno Napoli, successo per gli Itinerari Unesco al Wtu di Siena Capri, referendum per il futuro di via Krupp: via alla raccolta firme Cooperazione interregionale, nuovo bando Ue da 60 milioni Forza Italia, entra l'ex Idv Di Nardo: Nessun tradimento, torno a casa Festival di Bari sulle buone pratiche delle città europee. C'è anche Napoli Ryanair cerca il riscatto. In inverno nuovi collegamenti Napoli-Malta Conti pubblici: così i derivati possono affossare il bilancio dello Stato Musica, parata di stelle a Roma per "Napoli nel Cuore" Francesco Todisco (Mdp): Eolico, bene i sequestri della Gdf Fisco, indagine Cgia: Campania tra le regioni meno tartassate Cura dei pazienti fragili, a Roma un convegno organizzato da Lucio Romano Moda, nascono 6 imprese al giorno: record di giovani a Napoli Confindustria, Robiglio si candida alla presidenza di Piccola Industria Test di Medicina, boom di irregolarità: 5 atenei nel mirino. C'è anche Napoli Targa in memoria di Giancarlo Siani: un Qr Code per far conoscere la sua storia ai più giovani Mostre, quasi 1.500 persone al Madre per la videoinstallazione di Cerami "Mai Soli", a Salerno il primo gruppo-appartamento per anziani Capri, nasce il Comitato "Via Krupp aperta e pubblica" Trasporti, De Luca annuncia arrivo del bigliettaio a bordo dei bus Trofeo Pulcinella, cento pizzaioli in gara a Napoli Evasione fiscale da 1,5 mln: sequestrata coop che lavora per le Fs

kimbo shop ildenaro 016

Il riso abbonda...sulle tavole dei buongustai

IL RISO. Oryza Sativa appartiene alla famiglia delle graminacee. Il primo produttore mondiale di riso è la Cina, il primo produttore europeo è l’Italia con il 52%  della produzione concentrata nelle province
IL RISO. Oryza Sativa appartiene alla famiglia delle graminacee. Il primo produttore mondiale di riso è la Cina, il primo produttore europeo è l’Italia con il 52%  della produzione concentrata nelle province di Pavia e Vercelli, seguite da Novara e Milano. Il consumo interno è circa 43,33% mentre il resto del raccolto è per l’esportazione. In Italia la varietà più diffusa è del tipo japonico dal chicco tondeggiante, mentre appartiene al tipo indico quello di forma più allungata. Il riso contiene alta percentuale di potassio, vitamine B e poco sodio; la gran parte delle proteine concentrate nel cariosside strato esterno del chicco e i principi nutritivi più preziosi si perdono con la raffinazione. E’ ricco di amido, in particolare amilosio che lo rende facilmente digeribile ed è privo di glutine quindi adatto ai celiaci. La raccolta del riso avviene  in settembre: il chicco separato dalla spiga è denominato risone ed è lasciato essiccare prima della pulizia. Le principali fasi di lavorazione: Pulitura: eliminazione di impurità, semi estranei, terra. Sbramatura: il chicco, cariosside,è liberato dagli strati esterni glume e glumelle, eliminati gli scarti non edibili, la lolla, si ha il riso integrale definito “sbramato di risone”. Sbiancatura: eliminazione del rivestimento scuro che ricopre il chicco e il germe, ricco di nutrienti. Viene prima tolta la pula (epicarpo e mesocarpo) e si ottiene il riso semiraffinato, per ultimo il farinaccio, con il germe, arrivando al chicco raffinato costituito soprattutto di amido. Brillatura e Oliatura: il chicco spazzolato viene trattato con olio di vaselina e una soluzione di glucosio e talco, per rendere levigata, bianca e brillante la superficie.                                                                                                             CATEGORIE: In Italia il riso è classificato dall’Ente Nazionale Risi in 4 gruppi: comune o originario, semifino, fino e superfino; per l’UE la suddivisione si basa su forma e misura dei chicchi (tondi, medi, lunghi). Le categorie in Italia:                                                                                                                                                                                         COMUNE o ORIGINARIO: i chicchi sono piccoli e tondi (Balilla, Ticinese). Adatto per dolci e minestre che addensa sfarinandosi. Cottura 12-13 min.                                                                                                                                              SEMIFINO: chicco di medie dimensioni dalla forma semiaffusolata o leggermente tondeggiante (Rosa Marchetti, Maratelli, Vialone nano). Adatto per minestre e risotti casalinghi. Cottura 13-15 minuti. FINO: i grani sono allungati, semiaffusolati o affusolati (Ribe, Ringo, S. Andrea, Vialone nano). Adatto per risotti e contorni. Cottura 14-16 minuti.                                                                                                                   SUPERFINO:  chicco grosso e lungo o molto lungo dalla forma affusolata (Arborio, Roma, Baldo, Carnaroli). Adatto per risotti e insalate, assorbe bene il condimento e i chicchi non si incollano. Cottura 16-18 minuti.       Individuate le varietà italiane caratterizzate da eterogeneità, da un confronto emerge che vi è accordo tra analisi sensoriali e la caratterizzazione chimico-merceologica. Si ha infatti un’analogia tra le analisi di texture (consistenza e collosità) e alcuni caratteri sensoriali (rispettivamente masticabilità e adesività). Degno di nota è il fatto che questa corrispondenza è marcata anche se i dati sperimentali sono ottenuti con tecniche analitiche diverse (analisi strumentale e analisi sensoriale) e le modalità di preparazione dei campioni sono differenti. Dal punto di vista pratico, i test effettuati con le apparecchiature, in particolare le citate analisi di texture (consistenza e collosità) risultano più rapidi per esecuzione e fruibilità dei risultati. Alcuni tipi di riso e loro caratteristiche: Riso bianco classico Utile in caso di diarrea. È carente di vitamine e minerali; è invece ricco di amido, che lo rende astringente, aiuta a combattere diarree e fermentazioni intestinali.  Riso Parboiled Stimola il metabolismo. Rispetto al riso brillato, il parboiled ha un contenuto di vitamine del gruppo B e di ferro da 2 a 4 volte superiore.  Riso basmati A basso apporto di grassi. Tra tutte le varietà di riso è quella che contiene meno lipidi. È ben digeribile e ideale come contorno, al posto del pane.  Riso nero selvatico Ricco di proteine. Cresce nel Nordamerica e si ricava dal seme di una pianta acquatica (Zizania aquatica). Ha un altissimo contenuto proteico (doppio di quello del riso comune) ed è indicato in caso di colite e gastrite Riso rosso Riduce il colesterolo cattivo. A chicco lungo o corto, è il riso ideale per chi vuole mantenere pulite le arterie.  Riso integrale Aumenta il senso di sazietà. È indicato per chi desidera perdere peso e in caso di stitichezza.  E se lo slogan della FAO è “il riso è vita”, allora concedetevi i meravigliosi piatti a base di riso, anche dolci.