Log in
NEWS
Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve" Sinfonia d'inverno, grande successo per il charity gala a sostegno del Pausilipon L' Esercito di Terracotta dell'imperatore Quin: prima nazionale a Napoli Il sognatore sveglio, a Castel Nuovo la follia dell’Arte di Antonio Ligabue Sanità responsabile, dibattito con il ministro Lotti Top Italian Restaurant, i migliori chef del Belpaese all'estero per Gambero Rosso Agroalimentare: insetti a tavola dal 1º gennaio, ma il 54% degli italiani dice No Nuovi pianeti, un modello della Nasa per cercare ET Ambiente e lavoro, nuovo bando Uia: Bruxelles cerca città innovative Agroalimentare, Masiello (Coldiretti): Bene etichettatura per i derivati dal pomodoro Ravello, prorogato fino al 4 novembre lo spettacolo "Villa Rufolo mille anni di magia" Da bottega a museo: ecco il nuovo Ospedale delle bambole Città della Scienza, sos Cgil: Lavoratori allo stremo Premio Sepe a Orfeo, Grimaldi e allo show Made in Sud. Lavoro e corruzione i temi al centro della sesta De Luca sulla sanità: Stiamo preparando una grande rivoluzione Premio Sepe, Cutolo di Mcl: Un omaggio ai grandi personaggi di Napoli Debiti Pubblica amministrazione, valgono il 3% del Pil: il doppio della media Ue Mozzarella di bufala campana, nel mondo è conosciuta come Pino Daniele e Cannavaro Isa Yachts del gruppo Palumbo presenta in Florida le sue novità per il mercato mondiale

kimbo shop ildenaro 016

Dai sotterranei ai bastioni, l'altra Napoli del Maschio Angioino

Dopo il successo di "Aperti per ferie", registrato nel mese di agosto, l'associazione culturale Timeline Napoli continua a raccontare Napoli da un punto di vista inedito: per tutto il mese di Settembre 2017, dal lunedì al sabato (ore 10-16), si aprono al pubblico spazi di norma non visitabili del Castelnuovo-Maschio Angioino, che Timeline Napoli è riuscita a recuperare nella scorsa stagione con l'aiuto di professionisti e di volontari, implementando partnership nel settore della ricerca del sottosuolo - come con IdroGeo S.r.l. - e conducendo nuovi studi di approfondimento di carattere storico-speleologico coi quali è stato possibile sviscerare la storia di "sotto" del maniero di piazza Municipio.

Percorsi inediti, esplorazioni e "nuove" pagine di storia da scrivere.
L'offerta turistica di Timeline Napoli si suddivide in itinerari tematici (anche per le scuole), esplorazioni di siti storici, caccia al tesoro storica, adatti al pubblico, ai privati e alle istituzioni. "La Fortezza del tempo" è una visita guidata tematica a carattere storico-archeologico ideata per condurre il pubblico all'interno e all'esterno della fortezza voluta da Carlo I d'Angiò, rivoluzionata da Alfonso d'Aragona. Dall'Arco di Trionfo si attraversa il cortile per scendere nel sotterraneo del castello, formato da due ambienti posti nello spazio sottostante alla Cappella Palatina: l'uno chiamato "fossa del miglio", deposito del grano della corte aragonese e utilizzata anche per rinchiudervi i prigionieri condannati alle pene più dure, conosciuta più comunemente come "fossa del coccodrillo". L'altro ambiente, denominato "prigione della congiura dei Baroni", conserva quattro bare senza nessuna iscrizione, contenenti delle spoglie mortali, forse quelle dei nobili che avevano partecipato alla congiura dei Baroni nel 1485. Dalla descrizione fatta dal De La Ville Sur-Yllon nel 1893 risulta che i cadaveri erano vestiti secondo la moda del Quattrocento e che uno di questi, forse un prelato, era stato ucciso per soffocamento. Ma c'erano anche altri spazi del castello, come i sotterranei della Torre dell'Oro, della Torre di Guardia e della Torre di San Giorgio, che venivano adibiti a prigioni. Salendo poi per la scala a chiocciola della Regina Giovanna, quella che percorreva per raggiungere i suoi amanti, si arriverà a scoprire lo storico portone di bronzo e il panorama mozzafiato che offrono i bastioni esterni.

"Il segreto del Drago" è una caccia al tesoro storica (solo previa prenotazione al 3317451461) che condurrà i bambini dai 6 ai 12 anni alla corte di Alfonso d'Aragona per scoprire - muniti di mappa e accessori - la vera storia del re, capostipite del ramo aragonese di Napoli, e i segreti a lui legati. Celebre membro dell'Ordine del Drago, da vero principe precursore del Rinascimento, Alfonso favorì i letterati, che credeva avrebbero tramandato la sua fama ai posteri, e prestò una grande attenzione alla forza della Conoscenza. La stessa che l'associazione vuole trasmettere a partire dai "cittadini del domani".

Timeline Napoli è costituita da professionisti appassionati di storia: conta su un team di professionisti speleologi, geologi, archeologi, ingegneri, linguisti e semplici appassionati. L'obiettivo principale dell'associazione è il rivalutare e recuperare la "parte nascosta" del patrimonio storico della città, abbandonato all'incuria del tempo, al fine di rendere accessibili in maniera completa i siti storici dimenticati. Le ricerche condotte dai professionisti dell’associazione, anche con l’ausilio di mezzi speleologici, riguardano le cavità sotterranee di Napoli e di altre città, come ipogei, cisterne antiche, ricoveri bellici, passaggi militari, le cripte abbandonate, i sotterranei dei castelli e tutte quelle strutture di difficile accesso. Il team di ricerca possiede tutte le necessarie abilitazioni e certificazioni per i lavori in corda, oltre ai necessari attestati per i lavori in ambienti confinati.