Log in
NEWS
Alla fine è sempre la povera gente, credulona e sprovveduta, a pagare il conto Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte

kimbo shop ildenaro 016

Fondazione con il Sud, finanziata la spiaggia "tartaruga friendly" nel Casertano

Via libera nel Casertano per la "Caretta caretta". Le tartarughe marine potranno nidificare sul tratto di spiaggia recentemente inglobato nella riserva statale di Castelvolturno, ripulito a fondo in queste settimane e adeguatamente delimitato a beneficio della fauna, che qui potrà ora trovare le condizioni ideali per la riproduzione. L'intervento per una spiaggia 'tartaruga friendly' è stato effettuato nell'ambito di Bio.For.Polis, un progetto finanziato da Fondazione con il Sud e che abbraccia la Pineta di Castelvolturno, nel Casertano, e il Tirone Alto Vesuvio, nel Napoletano, gestite entrambe dall'Ufficio Territoriale Carabinieri per la Biodiversità di Caserta. Ingombranti d'ogni tipo e materiale di risulta compromettevano un luogo potenzialmente interessante per le nidificazioni estive delle tartarughe, che già lo scorso anno avevano scelto un tratto di arenile non distante da questo, limitrofo al lido Miramare. Insieme con la dottoressa Flegra Bentivegna, tra i massimi esperti di 'Caretta caretta' a livello nazionale, i coordinatori del progetto hanno così restituito alla collettività una fascia di duna particolarmente suggestiva, sfuggita all'aggressione balneare ma pericolosamente in balia del degrado fino a qualche mese fa. L'intervento favorirà la riproduzione delle 'Caretta caretta' ma anche quella di uccelli come corriere piccolo e fratino, che nidificano proprio lungo gli arenili meno compromessi della costa campana. "Sono specie che patiscono la presenza antropica - spiegano gli ornitologi Elio Esse e Danila Mastronardi dell'Associazione Studi Ornitologici Italia Meridionale capofila del progetto Bio.For.Polis - e dunque la pulizia accurata, che ha portato allo smaltimento di rifiuti ingombranti risultati a norma, si è accompagnata con la cosiddetta 'chiudenda' dell'area, che il Demanio marittimo ha trasferito alla Riserva. Abbiamo visto già i primi risultati, con il passo di numerosi uccelli limicoli, migratori autunnali, che sostano nell'area".