Log in
NEWS
Cairano, c'è la Festa del Migrante tra storia, ricordi e tradizione Campania, il Governo impugna la legge sulla sociologia del territorio Atitech, Palmeri: la Regione manterrà gli impegni assunti Cluster tecnologici, nuovo bando Miur: 393 milioni di euro alle Regioni del Sud Confindustria, Srm, Svimez: una rivoluzione è in atto Un'estate letteraria al Blu di Acciaroli Start up innovative, Campania prima regione del Sud con 547 attività Metro, inaugurata l'uscita San Giacomo. Delrio: Napoli città europea Sud, Alemanno (Mns): C'è il disegno di legge per la Macro Regione Confapi Napoli, Marrone contro l'abusivismo balneare: Grave danno alle imprese World top model, a Villa Parthenope 20 ragazze in passerella per il concorso internazionale Vita e Morte di un archeologo Al MANN “Oltre la Mostra” racconta Joachim Winckelmann I migranti del pensiero Garanzia Giovani, il Governo rifinanzia il programma con 1,3 miliardi Governo, 4,5 mln alla Campania per sicurezza edifici scolastici Rifiuti fino alla falda, sigilli a discarica di Casalnuovo In Dl Sud fondi per tribunale di Santa Maria Capua Vetere Pepe in Grani, a Caserta la migliore pizza d'Italia Fondazione Banco di Napoli, critiche interne all'operazione Brs Vodafone a quota 1,3 mld di ricavi. E porta il 4G a Napoli "Ritorno al Cilento", oltre 50mila visitatori per la mostra di Paestum Napoli, locali di via Falcone respingono le accuse Natalia Sanna eletta presidente della commissione regionale pari opportunità Banco di Napoli Fondazione risponde a istanze del ministero Dl Sud, 90 mln per ristrutturate le sedi giudiziarie di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia Regione, Consiglio convocato per il 24 e 25 luglio Nicaragua, nuove opportunità di investimento per le imprese campane Monumenti nell'"Iride": scatti in mostra al Consiglio regionale Da affittacamere a produttori di formaggi: la mappa delle imprese nei piccoli Comuni Bankitalia, sale il numero di ricorsi all'arbitro: record in Puglia e Campania Mdp, Todisco primo consigliere regionale: ma resterà in carica solo due mesi Giffoni Innovation Hub sigla intesa con iOS Academy di Napoli Vito Busillo confermato alla vicepresidenza di Anbi Nuovo procuratore di Napoli, la decisione ad agosto Anm, linea bus 621 al posto della funicolare di Mergellina

kimbo shop ildenaro 016

Mentre il Vesuvio arde e nessuno riesce a sedare l’incendio

Mentre il Vesuvio arde e nessuno riesce a sedare l’incendio, e altri roghi sembrano insidiare il lato flegreo della città, il cittadino comune colpevolizza a turno, non necessariamente nell’ordine, lo Stato, il Comune o la Regione per il disastro in fieri. Dissenso scontato e, per qualche verso, legittimo. L’interpretazione dei beni culturali e la loro gestione sembrano nuvolette rosa, lontane anni luce dal fumo denso e scuro i cui sentori, a tratti, invadono anche Napoli. E’ un momento grave che richiede energie e disponibilità enormi per essere fronteggiato e isolato. Meno titoloni, “il Vesuvio brucia... “, occorrono i fatti. Sic est. Tra un canadair che viene da Lametia e uno che torna a Roma, succede però che le vicende cittadine continuano il loro iter. Il Comune vende al Demanio l’Albergo dei Poveri. Splash. Una doccia gelida sulla città. La transazione era già stata annunciata ad aprile, ma forse non molti avevano creduto che davvero succedesse. Qualche imprenditore rivede accendersi il barlume della speranza del saldo di vecchie parcelle, gli arrabbiatissimi vogliono vedere in questa dismissione una politica distruttrice tendente a chissà quale misfatto. Ecumenici e salvifici altri leggono l’avvenimento come ultima spiaggia di un amministrazione che deve salvarsi da fallimento e commissariamento. Una penitenza meritata e necessaria per la salvezza. Dovremmo dire Amen? Certamente no, la faccenda non è spirituale ma terrena, terribilmente materiale. Senza addentrarci in conteggi dei quali non potremmo mai avere precisa cognizione, dobbiamo però porci la domanda: Meglio usare uno dei nostri più interessanti monumenti per costruire nuove economie che a esso rendano merito e onore, o dismetterlo per riempire, senza colmare del tutto, un insanabile barato economico? Sappiamo perfettamente che un accurata e ben preparata progettazione del restauro ben poco spazio lascia a iniziative fantasiose e indipendenti. Usare dunque una progettazione imbrigliata da regole ferree, e cedere in uso per novanta anni a imprenditori piccoli pezzi della grande struttura. Lasciare loro il suo restauro come parte di un tutto, e quindi come tale collaborante al risultato finale, garantirebbe all’amministrazione proprietaria un bel po’ di vantaggi: primo tra tutti la conservazione della proprietà, che non disturba mai. La manutenzione e il restauro: anche questo sarebbe un gradevole effetto. Un incasso in percentuale sugli introiti derivanti dalle attività con sede nel palazzo. Se a questo si aggiungessero un idea concreta ma entusiasmante sull’uso, la detassazione sui lavori di restauro e sul prodotto delle attività che in esso potrebbero essere svolte, ecco che magicamente i sensori degli imprenditori comincerebbero di nuovo a vibrare. Rendere l’impresa appetibile, questo dovrebbe essere il compito di una avveduta gestione di questo come di ogni altro bene culturale. La missione del National Trust in Inghilterra è 'curare luoghi speciali, per sempre e per tutti. Le amministrazioni proprietarie di beni culturali dovrebbero a questo mirare. Vendere le proprietà immobiliari che non sono suscettibili di redditività, questo sarebbe un buon investimento. Se il comune, con operazioni come quella descritta, si liberasse di tutti gli immobili senza pregio che possiede, invogliando gli imprenditori fare il loro mestiere, cioè fare investimenti sulle grandi e preziose strutture, potrebbe finalmente avere un bilancio con voci in attivo, fare cassa e nello stesso tempo, conservando e manutenendo le proprietà importanti, tenerle a reddito senza spendere un soldo.