Log in
NEWS
Terremoto, l'appello della Fondazione Premio Ischia: Tornate su isola Terremoto a Ischia, Merkel telefona a Gentiloni: Personalmente colpita Ricerca molecolare, passo in avanti contro il cancro al polmone Terremoto a Ischia, Ordine dei medici di Napoli: Pronti per il supporto Terremoto a Ischia, il Comune di Napoli invia due squadre di tecnici a Casamicciola Agricoltura, study tour in Cina per 10 giovani under 40 Incendi, in fiamme l'Oasi Wwf di Persano Terremoto a Ischia, la Regione Campania stanzia 2,5 mln per la prima emergenza Terremoto, crowdfunding di Anci per Centro Italia e Ischia Terremoto a Ischia, Federazione Infermieri: Apprezzamento ai colleghi del Rizzoli Terremoto a Ischia, psicologi campani: Pronti a intervenire Terremoto a Ischia, visita del ministro Pinotti Uova contaminate, i Nas denunceranno sette casi alla magistratura: due in Campania Terremoto a Ischia, polemica abusivismo: ecco cosa dice la legge regionale Terremoto a Ischia, Coldiretti: Pronti a sostenere la ripartenza dell'Isola Consorzio Sannio, i vini beneventani fanno il pieno nella guida WineHunter Award Ragionieri, sussidi straordinari per gli iscritti colpiti dal terremoto a Ischia Maserati Live Innovation, sfida tra start up hi-tech: domande entro il 4 settembre Madre, una domenica con "La magia dei colori": laboratorio didattico per i più piccini Gramigna, la voglia di riscatto contro la camorra sul grande schermo dal 16 novembre Estorsioni ai danni delle Pmi, record di denunce: +64% in 5 anni. Campania seconda Terremoto a Ischia, gli architetti: Continua a mancare una politica di prevenzione Boom del commercio on line: Napoli terza con 1.060 imprese Fs, Sponzfest Express: treno storico sui binari dell'Alta Irpinia Terremoto a Ischia, Confocommercio: Turismo regolare, no ad allarmismi Agriturismi in Campania, finanziamenti fino a 40mila euro Terremoto a Ischia, De Luca: Si legga la nostra legge, nessun condono o sanatoria Trasporti, domenica sciopero Usb: mezzi Anm fermi Terremoto a Ischia, Suor Orsola Benincasa: Sessione di esami speciale per gli studenti dell'isola Intesa Sanpaolo, accordo per l'acquisizione del gruppo svizzero Morval Superenalotto, la fortuna bacia la provincia di Salerno: due "5" da oltre 30mila euro Terremoto a Ischia, colpo al turismo: aliscafi da Napoli semivuoti Terremoto a Ischia, Papa Francesco: Vicino a chi soffre Archeotreno Campania, in viaggio su carrozze d'epoca da Napoli a Pompei e Paestum Terremoto a Ischia, la Procura di Napoli valuta l'inchiesta per disastro colposo

kimbo shop ildenaro 016

Alla scoperta di Eldorado

  •   Fiorella Franchini
  • Pubblicato in Culture

Al MANN la Fondazione Ligabue racconta “Il mondo che non c’era”

di Fiorella Franchini

Una favolosa mostra al MANN racconta “Il mondo che non c’era”, viaggio nell’arte, nella cultura, nei costumi dell’America precolombiana, dagli Olmechi ai Maya, dagli Aztechi agli Inca. 

Quando tra la fine del XV e gli inizi del XVI secolo, i grandi esploratori scoprirono il  continente americano, la visione culturale dell’Europa cambiò profondamente. Un evento epocale, secondo l’antropologo Claude Lévi- Strauss, un “Mundus Novus”, che pochi anni dopo un gruppo di geografi che lavorava a Saint-Denis des Voges volle chiamare, “America”, in onore di Amerigo Vespucci che per primo si rese conto di essere giunto in una terra sconosciuta.

Attraverso 200 reperti della vasta Collezione Ligabue, si possono ripercorrere cinquemila anni di civiltà. Si tratta di una delle raccolte più complete e importanti in quest’ambito in Italia. A poco più due anni dalla scomparsa di Giancarlo Ligabue, imprenditore, paleontologo, studioso di archeologia e antropologia, esploratore e appassionato collezionista, l’esposizione vuole essere anche un omaggio alla sua figura da parte del figlio Inti che, con la “Fondazione Giancarlo Ligabue” da lui creata, continua l’impegno nell’attività culturale, nella ricerca scientifica e nella divulgazione, dopo l’esperienza del Centro Studi  e Ricerche fondato oltre quaranta anni fa dal padre.

In linea con il programma di eventi Classico/Anticlassico” del riconfermato direttore Paolo Giulierini, la mostra è un momento di bellezza, per la rarità e la qualità dei reperti, un’occasione di confronto tra universi paralleli e differenti, un’opportunità di approfondimento della storia dimenticata, quella di popoli raffinati e colti, annientati dalla violenza e dall’avidità dei Conquistadores, quella di un’invasione crudele, fatta di stragi e razzie.

Le rarissime maschere in pietra di Teotihuacan, i vasi Maya, le statuette antropomorfe della cultura Olmeca, tessuti e vasi provenienti da Nazca, le Veneri ecuadoriane di Valdivia, le sculture azteche e gli straordinari monili in oro che tanto hanno influenzato l’arte moderna, da Bretòn a Picasso a Diego Rivera a Henry Moore, trasportano il visitatore dentro un universo ancora inesplorato. Tantissime le suggestioni: dal gioco della pallacorda, precursore del nostro calcio, agli splendidi vasi decorati per bere il cacao, donati all’ospite, le ricorrenti raffigurazioni del mais, le statuette dai crani deformati per farli somigliare a pannocchie e poi giaguari, colibrì e pappagalli, meravigliose decorazioni plumarie. Oggetti che si prestano a molteplici letture, emozionali, filosofiche, storiche, religiose e che alimentano curiosità e approfondimenti verso una società complessa e sontuosa che spaziava dai riti sciamanici alla sapienza astronomica.

Impossibile non lasciarsi contagiare dal fascino di tanti capolavori e nasce spontaneo un fervore d’immaginazione e di scoperta, lo stesso entusiasmo che anima la Fondazione e i membri del comitato scientifico, il curatore JacquesBlazy specialista delle arti pre-ispaniche della Mesoamerica e dell’America del Sud, AndréDelpuech, Direttore del Musée de l’Homme-Muséum d’Histoire Nationale Naturelle di Parigi, l’archeologo peruviano Federico KauffmannDoig, Adriano Favaro, che dirige il Ligabue Magazine e ricorda la volontà di Giancarlo Ligabue di condividere e divulgare, “fondendo insieme spirito di avventura e rigore scientifico”. Numerose le fotografie che documentano spedizioni e ritrovamenti in molti luoghi del mondo e grande attenzione, dunque, per l’aspetto didattico dell’allestimento che mira a coinvolgere fino al 30 ottobre tante scolaresche e giovani visitatori.

Non resta che partire per questa esplorazione nelle sale del MANN alla ricerca di cose dell’altro mondo, alcune perdute, altre ancora da scoprire e da studiare. Tra flashback cinematografici e reminiscenze salgariane l’Arte, la Storia, la Geografia, l’Antropologia s’insinuano nella mente e nel cuore e abbiamo già conquistato il nostro Eldorado.