Log in
NEWS
Malazè 2017, nun vac 'e press ovvero slow experience Ansaldo Sts, contratto da 100 mln con Rfi Gepin, accordo trovato. Assessore Palmeri: Salvi 270 addetti Napoli, in commissione il caso delle emissioni acustiche aeree Agenzia beni confiscati, summit al consiglio regionale campano Giornalisti campani lanciamo "Radio Svago Web" Strategia del cambiamento e cambiamento della strategia Apple, il 28 la vicepresidente Jackson a Napoli Forza Italia, Caldoro: Centrodestra Ok anche al Sud, adesso unire Trenitalia, dal 4 settembre il Frecciargento Foggia-Roma: tappe a Benevento e Caserta Simona Capasso nominata vice presidente di Federmeccanica Pacco sospetto nella stazione metro Vanvitelli, Anm: Falso allarme Verdi Campania, Borrelli e Peretti: Torna a splendere il Sole che ride Europa, sfida tra città green: in palio fino a 350mila euro Confindustria, nasce la federazione unica Carta-Grafica: 23,7 mld di ricavi nel 2016 ExtraMann, l'Archeologico di Napoli "adotta" 9 siti Università Luigi Vanvitelli, dopo il cambio del nome un nuovo logo Fi, De Siano sul voto: Centrodestra unito è maggioranza in Campania Ischia Film Festival, a John Turturro l'IQOS Innovation Award Competitività, formazione dei lavoratori: bando Fondimpresa da 72 milioni di euro Chin8 Neri partner di Festival Show Torre Annunziata, anche De Luca l'inaugurazione della stazione Circum di Villa Regina--Antiquarium Stress: sette anni fa la nascita del distretto, domani la firma delll'ccordo col Ministero Pane tipo, Angri chiede marchio Igt Lions, Tesoro di San Gennaro primo museo "cardioprotetto" Confapi, Caccapuoti: Professionisti in crisi per il prelievo dell'Iva Unione Industriali Napoli, "100 anni di imprese" in una mostra a Palazzo Partanna Confindustria Salerno, domani a Fisciano la presentazione dell'accordo con Intesa San Paolo Premio Biagio Agnes: i big del giornalismo per la IX edizione, Fiorello mattatore Bacoli, Giovanni Picone è il nuovo sindaco di Bacoli: la spunta su Della Ragione Export, vendite in crescita nei mercati extra Ue: il made in Italy conquista Usa, Cina e Russia Piano periferie, sbloccati gli ultimi 800 mln Kimbo, il caffè made in Naples tra le eccellenze italiane in Usa Vaccino contro il tumore fegato, parte la sperimentazione al Pascale "E lucevan le stelle...", dal 1° luglio eppuntamento al Museo di Pietrarsa

kimbo shop ildenaro 016

Alla scoperta di Eldorado

  •   Fiorella Franchini
  • Pubblicato in Culture

Al MANN la Fondazione Ligabue racconta “Il mondo che non c’era”

di Fiorella Franchini

Una favolosa mostra al MANN racconta “Il mondo che non c’era”, viaggio nell’arte, nella cultura, nei costumi dell’America precolombiana, dagli Olmechi ai Maya, dagli Aztechi agli Inca. 

Quando tra la fine del XV e gli inizi del XVI secolo, i grandi esploratori scoprirono il  continente americano, la visione culturale dell’Europa cambiò profondamente. Un evento epocale, secondo l’antropologo Claude Lévi- Strauss, un “Mundus Novus”, che pochi anni dopo un gruppo di geografi che lavorava a Saint-Denis des Voges volle chiamare, “America”, in onore di Amerigo Vespucci che per primo si rese conto di essere giunto in una terra sconosciuta.

Attraverso 200 reperti della vasta Collezione Ligabue, si possono ripercorrere cinquemila anni di civiltà. Si tratta di una delle raccolte più complete e importanti in quest’ambito in Italia. A poco più due anni dalla scomparsa di Giancarlo Ligabue, imprenditore, paleontologo, studioso di archeologia e antropologia, esploratore e appassionato collezionista, l’esposizione vuole essere anche un omaggio alla sua figura da parte del figlio Inti che, con la “Fondazione Giancarlo Ligabue” da lui creata, continua l’impegno nell’attività culturale, nella ricerca scientifica e nella divulgazione, dopo l’esperienza del Centro Studi  e Ricerche fondato oltre quaranta anni fa dal padre.

In linea con il programma di eventi Classico/Anticlassico” del riconfermato direttore Paolo Giulierini, la mostra è un momento di bellezza, per la rarità e la qualità dei reperti, un’occasione di confronto tra universi paralleli e differenti, un’opportunità di approfondimento della storia dimenticata, quella di popoli raffinati e colti, annientati dalla violenza e dall’avidità dei Conquistadores, quella di un’invasione crudele, fatta di stragi e razzie.

Le rarissime maschere in pietra di Teotihuacan, i vasi Maya, le statuette antropomorfe della cultura Olmeca, tessuti e vasi provenienti da Nazca, le Veneri ecuadoriane di Valdivia, le sculture azteche e gli straordinari monili in oro che tanto hanno influenzato l’arte moderna, da Bretòn a Picasso a Diego Rivera a Henry Moore, trasportano il visitatore dentro un universo ancora inesplorato. Tantissime le suggestioni: dal gioco della pallacorda, precursore del nostro calcio, agli splendidi vasi decorati per bere il cacao, donati all’ospite, le ricorrenti raffigurazioni del mais, le statuette dai crani deformati per farli somigliare a pannocchie e poi giaguari, colibrì e pappagalli, meravigliose decorazioni plumarie. Oggetti che si prestano a molteplici letture, emozionali, filosofiche, storiche, religiose e che alimentano curiosità e approfondimenti verso una società complessa e sontuosa che spaziava dai riti sciamanici alla sapienza astronomica.

Impossibile non lasciarsi contagiare dal fascino di tanti capolavori e nasce spontaneo un fervore d’immaginazione e di scoperta, lo stesso entusiasmo che anima la Fondazione e i membri del comitato scientifico, il curatore JacquesBlazy specialista delle arti pre-ispaniche della Mesoamerica e dell’America del Sud, AndréDelpuech, Direttore del Musée de l’Homme-Muséum d’Histoire Nationale Naturelle di Parigi, l’archeologo peruviano Federico KauffmannDoig, Adriano Favaro, che dirige il Ligabue Magazine e ricorda la volontà di Giancarlo Ligabue di condividere e divulgare, “fondendo insieme spirito di avventura e rigore scientifico”. Numerose le fotografie che documentano spedizioni e ritrovamenti in molti luoghi del mondo e grande attenzione, dunque, per l’aspetto didattico dell’allestimento che mira a coinvolgere fino al 30 ottobre tante scolaresche e giovani visitatori.

Non resta che partire per questa esplorazione nelle sale del MANN alla ricerca di cose dell’altro mondo, alcune perdute, altre ancora da scoprire e da studiare. Tra flashback cinematografici e reminiscenze salgariane l’Arte, la Storia, la Geografia, l’Antropologia s’insinuano nella mente e nel cuore e abbiamo già conquistato il nostro Eldorado.