Log in
NEWS
Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve" Sinfonia d'inverno, grande successo per il charity gala a sostegno del Pausilipon L' Esercito di Terracotta dell'imperatore Quin: prima nazionale a Napoli Il sognatore sveglio, a Castel Nuovo la follia dell’Arte di Antonio Ligabue Sanità responsabile, dibattito con il ministro Lotti Top Italian Restaurant, i migliori chef del Belpaese all'estero per Gambero Rosso Agroalimentare: insetti a tavola dal 1º gennaio, ma il 54% degli italiani dice No Nuovi pianeti, un modello della Nasa per cercare ET Ambiente e lavoro, nuovo bando Uia: Bruxelles cerca città innovative Agroalimentare, Masiello (Coldiretti): Bene etichettatura per i derivati dal pomodoro Ravello, prorogato fino al 4 novembre lo spettacolo "Villa Rufolo mille anni di magia" Da bottega a museo: ecco il nuovo Ospedale delle bambole Città della Scienza, sos Cgil: Lavoratori allo stremo Premio Sepe a Orfeo, Grimaldi e allo show Made in Sud. Lavoro e corruzione i temi al centro della sesta De Luca sulla sanità: Stiamo preparando una grande rivoluzione Premio Sepe, Cutolo di Mcl: Un omaggio ai grandi personaggi di Napoli Debiti Pubblica amministrazione, valgono il 3% del Pil: il doppio della media Ue Mozzarella di bufala campana, nel mondo è conosciuta come Pino Daniele e Cannavaro Isa Yachts del gruppo Palumbo presenta in Florida le sue novità per il mercato mondiale

kimbo shop ildenaro 016

Archeologia, a Napoli prima mostra di arte precolombiana del Sud Italia

 

E' la prima volta che in un museo del Sud ospita una mostra completa di arte precolombiana. E accade a Napoli, al Museo Archeologico Nazionale, grazie alla Fondazione Giuliano Ligabue, che porta da oggi e fino al 30 ottobre prossimo una esposizione di 200 pezzi della raccolta dell'archeologo e paleontologo omonimo scomparso nel 2015 durante la sua lunga carriera. "Il mondo che non c'era" offre uno spaccato delle culture mesoamericane dai Maya a quella di Veracruz, tra Messico e Guatemala, nonche' andine, come quella degli Inca. Uno spaccato che viene fuori dal collezionismo appassionato di un uomo, cominciato 50 anni fa con una maschera che proveniva da una citta' del Messico che nel 600 dopo Cristo avanzava gia' 200mila abitanti e continuata ancora oggi dal figlio Inti. Gli oggetti destinati ad abbellire la vita della nobilta' o a servire una religione, se oggi li possediamo, come sottolinea Jaques Blazy, curatore della mostra, "si deve alla fioritura delle grandi collezioni europee rinascimentali. I Medici, signori di Firenze, furono pionieri di questa mania della collezione e gia' alla meta' del XVI secolo comprendevano nelle loro oggetti di provenienza messicana. Fino al secolo XIX l'Europa ignoro' quasi del tutto i popoli vissuti prima dell'arrivo degli spagnoli nei territori del Mesoamerica e dell'America del Sud. Dunque la scoperta del Nuovo Mondo, spiega Blazy, si puo' considerare "una avventura contemporanea". "Ho preso da mio padre Giancarlo - dice Inti Ligabue -quanto sia esaltante il percorso di raccogliere le testimonianze di questi popoli rimasti senza voce. Popoli dei quali si diventa poeti narranti". In qualche modo la mostra napoletana, seconda tappa di un allestimento dopo quelle di Firenze e Rovereto, consente di riflettere anche sul ruolo cruciale avuto dalla Spagna, attraverso la sua espansione nel nuovo mondo, per l'economia e la ripresa culturale dell'Europa. Proprio a Napoli infatti la mediazione della corte spagnola portera' nella tradizione alimentare alcuni alimenti come cacao, pomodori e patate che oggi sono la base dei piatti tipici. Dalle rarissime maschere in pietra di Teotihucan, la piu' grande citta' del Mesoamerica, ai vasi Maya d'epoca classica, alle statuette antropomorfe della cultura olmeca, alle sculture mezcala, a ori e tessuti, la collezione Ligabue esposta e' ampia e articolata raccontando anche i debiti in termini di progresso economico che il mondo antico ha rispetto quello nuovo.
Tra i reperti piu' interessanti, quelli che si riferiscono al gioco con il pallone, raffigurazioni su vasi di giocatori in tenuta comprensiva del cinturone e delle ginocchiere che servivano a parare i colpi della pesante palla di gomma ottenuta dalla linfa dell'omonimo albero fino alle riproduzioni in pietra delle cinture trofeo che vincevano al termine della partita e che probabilmente gli stessi giocatori portavano in cerimonie connesse alle partite. Quella sfera di materiale misterioso arrivo' anche alla corte di Carlo V per stupire gli europei quando vi si esibirono dei giocatori Aztechi condotti da Cortes. Anche Carlo III di Borbone, che fu sovrano di Napoli prima ancora di essere sovrano di Spagna con il nome di Carlo VII, diede un contributo importante alla archeologia precolombiana, cosi' come l'aveva dato a quella classica, facendo i primi scavi a Pompei ed Ercolano; a lui infatti si deve l'indagine il sito di Palenque, un complesso non a caso definito la Pompei dei Maya, oggetto di una spedizione alla quale partecipo' Antonio Bernasconi, allievo di Luigi Vanvitelli, insieme ad alcuni di coloro che avevano effettuato i primi scavi a Pompei Ercolano.