Log in
NEWS
Scuola del gusto di Torrecuso, De Luca: Pil campano cresciuto grazie all'agricoltura Giappone, il sistema Italia al Tourism Expo 2017 Alimentare, De Luca: Nessuna disputa, la mozzarella è campana Scuola del gusto di Torrecuso, Del Basso De Caro: Facciamo cose concrete Regione, De Luca: A S. Agata dei Goti un polo oncologico d'eccellenza Puliamo il mondo, per il progetto di Legambiente chiusura sul Vesuvio Imbavagliati, dal festival del giornalismo civile l'appello per Giulio Regeni e Ilaria Alpi M5s, Fico: Di Maio non è il capo del Movimento Università, Verdi: invalidare il test di ingresso in Medicina La filosofia incontra il cinema in Floridiana Confagricoltura, confronto a Benevento sul caso cinghiali: passare dall'emergenza alla gestione ordinaria Salerno, De Luca a Minniti: Invii gli agenti dei corpi speciali Avvocati, prima vittoria del sannita Lizza nel ricorso del Corpo Forestale contro la legge Madia M5s, inizia l'era Di Maio: eletto candidato premier, sarà anche il leader del movimento Ap, Barone: in Campania pronti con qualunque sistema elettorale Sacrificio di Salvo D'Acquisto, i carabinieri commemorano il 74° anniversario Ambiente, Premio San Michele a "L' Oro di Capri" Enel avvia la produzione in Brasile dei due parchi solari più grandi del Sud America Piano ospedaliero e territorio, lunedì a Napoli il ministro Lorenzin Infezioni cutanee, la scoperta made in Italy: così l'organismo le combatte in due mosse Capodimonte, riaprono i prati della Reggia per le Giornate Europee del patrimonio Boom ecobonus: 2,8 milioni di italiani pronti a ristrutturare casa Napoli, via al Bilancio consolidato 2016: stop al divieto di assunzioni Baroque Park, a Villa Bruno viaggio nel mondo dei libri Treno storico Napoli-Pietrelcina, De Luca e Moretti al viaggio inaugurale: Mantenuti gli impegni Incendi, nasce la filiera della prevenzione Aib Confapi Napoli, Falco: serve un'Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno Napoli, successo per gli Itinerari Unesco al Wtu di Siena Capri, referendum per il futuro di via Krupp: via alla raccolta firme Cooperazione interregionale, nuovo bando Ue da 60 milioni Forza Italia, entra l'ex Idv Di Nardo: Nessun tradimento, torno a casa Festival di Bari sulle buone pratiche delle città europee. C'è anche Napoli Ryanair cerca il riscatto. In inverno nuovi collegamenti Napoli-Malta Conti pubblici: così i derivati possono affossare il bilancio dello Stato Musica, parata di stelle a Roma per "Napoli nel Cuore"

kimbo shop ildenaro 016

Da Napoli a Parigi passeggiando con gli occhi. Cognizioni misteriche in mostra

 

Due città, due artiste, un fil rouge che attraversa Napoli per arrivare fino a Parigi. Giovedì 18 maggio 2017, alle ore 18.00, presso l’Institut Français Napoli sarà inaugurata la mostra “Cognizioni Misteriche tra Napoli e Parigi”, a cura di Maurizio Vitiello. In esposizioni le opere recenti dell’artista francese Tatiana Chafcouloff e dell’artista napoletana Maria Pia Daidone. Le due artiste, con un diverso approccio tecnico e operativo, propongono respiri simbolici e misterici che lasciano emergere l’identità “glocal” delle due città, in favore sì di una coincidenza tradizionale e localizzata, ma pur sempre all’interno di un orizzonte più ampio e globalizzato.Tatiana predilige la china. “La china non cancella, non nasconde; la china evita gli errori; la china esalta la linea della continuità, perché non è previsto il ritorno, il ripensamento”, spiega Maurizio Vitiello che sottolinea come l’artista presti la tecnica scelta a quell’idea secondo cui sono i profili delle chiese, il compattarsi visivo di monasteri ed architetture ecclesiastiche ad offrire la chiave di un sapere altro, di una via di accesso al sublime. “L’egregia combinazione della Chafcouloff per la visione di Notre Dame, in carboncino e china dorata, ricorda l’importanza di un luogo ecclesiastico vitale e della sua eredità. Tra le sculture dei santi all’entrata di Notre Dame ce n’è uno senza testa, è St. Denis. Secondo la leggenda il martire fu decapitato e quando la testa toccò terra il corpo la raccolse e camminò per sei chilometri.” Lo stesso martirio toccò a San Gennaro, tanto che non sembra un caso il fatto che le similitudini tra le due artiste trovino manifesto in una sola opera comune, “San Gennaro e Saint Denis: analogie”, in un gioco di rispondenze alchemiche tra la città parigina e il centro partenopeo. E fu proprio Napoli, nel 1632, ad essere definita urbs sanguinum per via di quel suo ossequioso custodir reliquie di martiri cristiani: patti con la divinità che si suggellano nel sangue e che nel sangue “che si scioglie” identificano il miracolo. “La Daidone” continua Vitiello, “riesce a smistare una rinnovata attenzione sui misteri del sangue, che a Napoli si ripetono nelle edicole votive, che imprimono una religiosità corrente marcando il senso di una comunità nella sponda della street corner society”.Il tutto immerso in quella che è una rievocazione dell’esprit du temps, un ripercorrere il passato, seppur con un’attenzione forte ai linguaggi del presente, tanto che ci si avvicina all’esposizione come il flâneur di Baudelaire, quel botanico del marciapiede, che passeggiando (da flânerie appunto ), scopre e impara a conoscere il tessuto della città. E lo fa in modo pigro, disinvolto come il turista di oggi, ma senza la stessa frenesia, anzi “con al guinzaglio delle tartarughe”, come ironizzava il poeta francese.  Davanti alle opere della Chafcouloff e della Daidone ci si sente come osservatori urbani, invitati a cogliere, in un vagare intellettuale quanto intuitivo, impressioni estetiche e sociali. E così, passeggiando con gli occhi di opera in opera, di impressione in impressione, ci si trova d’un tratto da Napoli a Parigi.