Log in
NEWS
Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano Made in Italy, studio di Confartigianato: Protagoniste le piccole imprese Gianfranco Rotondi (Fi): Alle elezioni ci sarà un vincitore e sarà il centrodestra Regione, aumento stipendio ai manager. Di Scala (Fi): Grottesca difesa di De Gregorio Guardia Sanframondi, al via domani i "Riti Settennali" Roghi, emergenza sui Monti Lattari: fiamme vicino ad hotel Napoli, Moxedano: Situazione trasporti sempre più complicata Confartigianato: Le Pmi italiane pagano l'energia il 29% in più rispetto alla media Ue Montenero, al via la prima edizione di "Corti al Mulino" Premio Capri Danza International, al via la V edizione alla Certosa di San Giacomo Attentato Barcellona, a Napoli rafforzate le misure di sicurezza Diwine Jazz Festival, a Montecorice quattro serate tra vino e buona musica Da Pasqualino, omaggio a Capri: ecco i faraglioni di pizza Ermanno Russo: Che errore depotenziare l'oculistica al Vecchio Pellegrini Napoli, Comune: Dal 28 ordinanza per fornire indicazioni sui vaccini Geometri, Carlino: Al fianco dei periti industriali per il campetto a Scampia Estate, 38 mln di italiani in vacanza: tra i souvenir i prodotti tipici del territorio Giovani Confapi Napoli, Marrone: Bene l'occupazione, investire sulla formazione Lavoro, dati Cgia: nell'ultima parte dell'anno 123 mila nuovi posti Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils

kimbo shop ildenaro 016

Picasso a Capodimonte prova d'interpretazione inconsapevole

Un viaggio di lavoro per un gruppo di artisti. Metti un coreografo, un impresario, un poeta ed un pittore. Potrebbe essere l’inizio di una vecchia barzelletta se i personaggi non fossero Massine, Diaghilev, Cocteau e Picasso. “Quisquilie e pinzillacchere” direbbe il grande artista napoletano, e si sa, nelle barzellette il napoletano non può mancare mai. Non racconteremo pero’ una storiella ed il grande Totò, con la “gita” napoletana di questo gruppo d’artisti non ha nulla a che vedere. Il viaggio a Napoli segnò per Picasso l’inizio di una nuova stagione non solo artistica. L’incontro con la futura moglie, la contaminazione col mondo napoletano, ed i suoi personaggi, un nuovo modo di esprimere la propria sensibilità artistica. Tutto questo è ora in mostra a Capodimonte e a Pompei e ruota intorno a Parade, la più grande, per dimensioni, pittura dell’artista. L’impatto con la città e la sua cultura trovano una rappresentazione in questa tela, compresi i personaggi che parteciparono all’avventura napoletana. Igor Stravinskij (il moro), Diaghilev (il marinaio), Massine (Arlecchino), la ballerina Olga Khokhlova sua futura moglie. Picasso stesso, che si rappresentò come una scimmia. La tela è esposta ad un pubblico composito tanto di studiosi e competenti quanto di curiosi e turisti d’ogni età. Ottimo. Forse. La vista di quest’opera di grandi dimensioni è offerta al pubblico di Capodimonte insieme a bozzetti, disegni ed altre opere collegate per una descrizione ed un racconto che un visitatore culturalmente strutturato non fatica a cogliere Mettiamoci però nelle vesti di chi conosce Picasso solo perché autore delle facce smembrate, dei corpi scomposti, delle immagini strane: possiamo affermare con sicurezza che il “turistaquasipercaso” riesca facilmente a riconoscere nei personaggi rappresentati i compagni di quel viaggio memorabile di Picasso nell’anima di Napoli? Come possiamo comprendere, noi turisti senza stellette, la virata del cubismo di Picasso verso la fase neoclassica? La presentazione della mostra è stata un trionfo d’equilibrio tra la rappresentazione teatrale “live”, per dirla con un termine moderno, e quella immobile dipinta sulla tela. Due ballerine in tutu’, due Pulcinella, un giocoliere. Gli accenni di passi di danza, e le armoniche movenze della maschera napoletana hanno trascinato il visitatore VIP nel mondo rappresentato sulla tela. Gli invitati hanno potuto emozionarsi per essere diventati anch’essi parte dell’opera del genio spagnolo, mentre il sipario si riproponeva nella sua vera funzione. Bene, benissimo, bravi bravissimi: un vero esempio d’interpretazione. Purtroppo, ed è davvero desolante dover dire purtroppo, l’exploit interpretativo sembra essere stato riservato solo agli invitati all’inaugurazione. C’è quasi da pensare che quella che si potrebbe leggere come una scelta interpretativa sia stata pensata invece come una momentanea soluzione da offrire agli invitati di una festa. Il pubblico ordinario ammutolisce davanti alla enorme tela e quasi rimane schiacciato dalla scena di Parade. Poco contano i suoi argomenti affrontati analiticamente, lo sfondo del Vesuvio inconfondibilmente napoletano, gli strumenti musicali ed i costumi che lo legano a Depero: la narrazione è affidata solo alle didascalie e alla narrazione di qualche pur competente guida. Ciò che impressiona è la dimensione, forse il tono un po’ circense di quanto rappresentato. Può bastare a creare emozione? Può servire a innescare la meravigliosa dipendenza del visitatore da un opera esposta e dal suo autore? Difficile. Il valore, invece, dell’unione tra quanto dipinto sul sipario, e i personaggi un po’ circensi, un po’ metropolitani che escono dalla tela e coinvolgono il visitatore in un movimento reale di ballerine e di un Pulcinella che sostituisce il Vesuvio , può avere su turista un impatto straordinario che potrà guidarlo all’approfondimento del legame di Picasso con Depero e con Napoli . Un esperienza che regalerà l’emozione irripetibile di aver fatto parte, se pure per qualche minuto , di un opera d’arte. Le intuizioni ci sono, la domanda è: perché riservarle al solo pubblico delle grandi occasioni?. Purtroppo c’è anche la risposta: perché si tratta di intuizioni non supportate dalla conoscenza scientifica dell’interpretazione e dei suoi effetti.