n63

Log in
NEWS
Alitalia verso commissariamento. Ecco l'iter Short term rental in crescita a Napoli Cina-Italia, pattugliamenti congiunti sulla Grande Muraglia Maradona spara a zero contro Federcalcio Argentina: Serve una bomba Associazione Antiracket: Vera liberazione è dal pizzo Perito in lutto, muore il sindaco Apolito Ravello, 4mila ingressi in due giorni a Villa Rufolo Luigi Carrino diventa commendatore Bimbi trapiantati, presidio dei genitori al Monaldi Adler e Rummo, domani Gentiloni a Benevento 25 aprile, a Benevento corteo con migranti Fi, Fasano: La scuola di Cava continuerà negli anni Chiesa, domani Napoli in festa per i 50 anni di sacerdozio di Sepe Salvatore Ronghi (Mns): Alitalia, urge un nuovo modello sindacale Parentopoli nella Sanità campana, Verdi ancora all'attacco Concorso Go Sud, giovedì la presentazione a Villa Pignatelli Football Leader, a Napoli detenuti a lezione di calcio 25 aprile, de Magistris: Mi emoziono nella città delle quattro giornate Pesca, allarme da Marina di Pisciotta per le alici di Menaica: c'è l'interrogazione Reti di imprese per l’artigianato digitale: domande entro il 4 maggio Agricoltura biologica, in Campania bando da 35mila euro Napoli, proposta de Magistris: il Comune acquisisca il Monte di Pietà Napoli, domani il Comitato per l'ordine e la sicurezza sulla movida Unione Industriali Napoli, a Città della Scienza si discute delle Vie dello Sviluppo Terremoto, da Casapulla fondi per Bar Zocchi a Montemonaco Forza Italia: Giacobbe, Chiariello e Trani candidati sindaco per Pozzuoli, Sant'Antino e Ischia Comunali, il movimento De Magistris alla prova delle urne in Campania Boom di multe, nel 2015 incassi su del 45%: Campania seconda con 182 mln di introiti Cervelli che "rimpatriano": regime fiscale agevolato fino al 2 maggio Ippodromo di Agnano, torna il Gran Premio Lotteria: montepremi superiore a 800mila euro Napoli, sindaco chiede incontro al premier su debiti ereditati Capri, il sindaco assicura: Via Krupp non sarà privatizzata 25 aprile: 4mila ingressi in 2 giorni, record a Villa Rufolo Coldiretti lancia l'allarme siccità in Campania Batteri aiutano a capire origine della vita, studio parte da Napoli

kimbo shop ildenaro 016

Picasso a Capodimonte prova d'interpretazione inconsapevole

Un viaggio di lavoro per un gruppo di artisti. Metti un coreografo, un impresario, un poeta ed un pittore. Potrebbe essere l’inizio di una vecchia barzelletta se i personaggi non fossero Massine, Diaghilev, Cocteau e Picasso. “Quisquilie e pinzillacchere” direbbe il grande artista napoletano, e si sa, nelle barzellette il napoletano non può mancare mai. Non racconteremo pero’ una storiella ed il grande Totò, con la “gita” napoletana di questo gruppo d’artisti non ha nulla a che vedere. Il viaggio a Napoli segnò per Picasso l’inizio di una nuova stagione non solo artistica. L’incontro con la futura moglie, la contaminazione col mondo napoletano, ed i suoi personaggi, un nuovo modo di esprimere la propria sensibilità artistica. Tutto questo è ora in mostra a Capodimonte e a Pompei e ruota intorno a Parade, la più grande, per dimensioni, pittura dell’artista. L’impatto con la città e la sua cultura trovano una rappresentazione in questa tela, compresi i personaggi che parteciparono all’avventura napoletana. Igor Stravinskij (il moro), Diaghilev (il marinaio), Massine (Arlecchino), la ballerina Olga Khokhlova sua futura moglie. Picasso stesso, che si rappresentò come una scimmia. La tela è esposta ad un pubblico composito tanto di studiosi e competenti quanto di curiosi e turisti d’ogni età. Ottimo. Forse. La vista di quest’opera di grandi dimensioni è offerta al pubblico di Capodimonte insieme a bozzetti, disegni ed altre opere collegate per una descrizione ed un racconto che un visitatore culturalmente strutturato non fatica a cogliere Mettiamoci però nelle vesti di chi conosce Picasso solo perché autore delle facce smembrate, dei corpi scomposti, delle immagini strane: possiamo affermare con sicurezza che il “turistaquasipercaso” riesca facilmente a riconoscere nei personaggi rappresentati i compagni di quel viaggio memorabile di Picasso nell’anima di Napoli? Come possiamo comprendere, noi turisti senza stellette, la virata del cubismo di Picasso verso la fase neoclassica? La presentazione della mostra è stata un trionfo d’equilibrio tra la rappresentazione teatrale “live”, per dirla con un termine moderno, e quella immobile dipinta sulla tela. Due ballerine in tutu’, due Pulcinella, un giocoliere. Gli accenni di passi di danza, e le armoniche movenze della maschera napoletana hanno trascinato il visitatore VIP nel mondo rappresentato sulla tela. Gli invitati hanno potuto emozionarsi per essere diventati anch’essi parte dell’opera del genio spagnolo, mentre il sipario si riproponeva nella sua vera funzione. Bene, benissimo, bravi bravissimi: un vero esempio d’interpretazione. Purtroppo, ed è davvero desolante dover dire purtroppo, l’exploit interpretativo sembra essere stato riservato solo agli invitati all’inaugurazione. C’è quasi da pensare che quella che si potrebbe leggere come una scelta interpretativa sia stata pensata invece come una momentanea soluzione da offrire agli invitati di una festa. Il pubblico ordinario ammutolisce davanti alla enorme tela e quasi rimane schiacciato dalla scena di Parade. Poco contano i suoi argomenti affrontati analiticamente, lo sfondo del Vesuvio inconfondibilmente napoletano, gli strumenti musicali ed i costumi che lo legano a Depero: la narrazione è affidata solo alle didascalie e alla narrazione di qualche pur competente guida. Ciò che impressiona è la dimensione, forse il tono un po’ circense di quanto rappresentato. Può bastare a creare emozione? Può servire a innescare la meravigliosa dipendenza del visitatore da un opera esposta e dal suo autore? Difficile. Il valore, invece, dell’unione tra quanto dipinto sul sipario, e i personaggi un po’ circensi, un po’ metropolitani che escono dalla tela e coinvolgono il visitatore in un movimento reale di ballerine e di un Pulcinella che sostituisce il Vesuvio , può avere su turista un impatto straordinario che potrà guidarlo all’approfondimento del legame di Picasso con Depero e con Napoli . Un esperienza che regalerà l’emozione irripetibile di aver fatto parte, se pure per qualche minuto , di un opera d’arte. Le intuizioni ci sono, la domanda è: perché riservarle al solo pubblico delle grandi occasioni?. Purtroppo c’è anche la risposta: perché si tratta di intuizioni non supportate dalla conoscenza scientifica dell’interpretazione e dei suoi effetti.