Log in
NEWS
Nicola Caputo (Pd): Archiviate tutte le indagini a mio carico Alilauro, torna Batò Naples Ciro a Mergellina, querelle col Comune: dipendenti in protesta Assoagenti, visita all'Interporto Sud Europa: Risposte immediate al mercato merci Centro Democratico, c'è Bersani: Basta personalismi, non lasciamo campo alla destra Anm, possibili disagi per stasera Gepin, lunedì al Mise ultima chiamata per i lavoratori Pd, Bassolino: Partito è solo la parte più grande del centrosinistra Confapi, Marrone: 100 mln dalla Regione per le bonifiche, bene così Trasporto locale, lunedì sit in dell'Usb in Prefettura Turismo, da oggi tassa di soggiorno anche su affitti Estate 2017: 7 mln di visitatori negli agriturismo Siccità, ministro Galletti: Investiremo sui bacini idrografici Pil pro capite, Campania perde oltre il 5% dal 2007 Musei, nel 2018 a Napoli apre quello dedicato a Darwin e Dohrn Scoperto dal Tigem meccanismo che regola la crescita dei tumori Crescita, buone notizie dal territorio Ambasciata del Kosovo a caccia di investitori campani nel settore eolico La diplomazia Usa riporta a Napoli la statua di Zeus Winckelmann al Mann: la star è il Cavallo Mazzocchi Gruppo Onorato rafforza la flotta con la Superfast Baleares Bonifiche in Campania, in arrivo 100 milioni Garanzia Giovani, a 509 mila giovani proposta almeno una misura Asi, ecco la rete campana: più servizi e meno burocrazia Torre del Greco, domani il Green Day: laboratori su energie Pil a +2,4%, De Luca: Campania prima regione per crescita Imprese, nel Mezzogiorno una su 4 è donna Lepore sui dati del Pil campano: Siamo alla svolta Nel fine settimana visite didattiche a Cappella San Severo e Madre Napoli, è pronto il progetto di trasformazione dell'ex base Nato Premio Biagio Agnes da oggi a Sorrento Eastwest e Europeye portano a Napoli il Digital Challenge Adler Pelzer Group, nuovo sito a Bratislava: previsto un fatturato annuo di 47 milioni Rc auto, Codacons: Prezzi ancora alti, divario Nord-Sud abnorme Festival Ville Vesuviane, sabato al via nella dimora del Leopardi

kimbo shop ildenaro 016

I media e il processo penale: parola all'avvocato Borzone.

 

 

La tendenza tutta italiana ad impostare titoli ed articoli in maniera univocamente accusatoria, nell'ambito della cronaca giudiziaria era nota. Ma le proporzioni, sono davvero allarmanti. Per fortuna c'è chi si è occupato della vicenda, facendo valutazioni, analizzando e riportando in maniera dettagliata queste osservazioni. Stiamo parlando dell'Osservatorio sull'informazione giudiziaria italiana dell'Unione delle Camere penali, che ha elaborato un testo che smaschera, sulla base di criteri oggettivi, gli errori che le testate giornalistiche compiono nel narrare gli svolgimenti dei processi penali. Ne ha parlato a Ferrara, pochi giorni fa, l'avvocato Renato Borzone, responsabile dell'osservatorio, assieme alla collega del foro ferrarese Irene Costantino. I due legali, hanno ripercorso i sei lunghi mesi di lavoro che hanno portato poi all'elaborazione del “Libro Bianco sull'informazione giudiziaria”. Durante questo lasso di tempo, ad ogni avvocato era affidata l'analisi di tutti gli articoli di cronaca giudiziaria presenti sulla carta stampata. Ciò che emerge, è a dir poco sconcertante, e in un certo senso conferma la tesi di Renato Borzone: “si sta creando una sorta di collegamento organico tra magistratura inquirente e alcuni giornalisti”. Purtroppo, la tesi del legale è quantomai veritiera e lo dimostrano le titolazioni e i contenuti dei pezzi sulla carta stampata, oltre al fatto che le fonti alle quali i giornalisti attingono, provengono nella quasi totalità, dalle procure,non tenendo conto delle tesi della difesa.  “Preso Killer”, “Catturato l'assassino” e chi più ne ha più ne metta. Il vizio formale e sostanziale di questi titoli, va a ledere per altro un principio sacrosanto: la presunzione di innocenza. In particolare, questo tipo di giornalismo, calpesta un dettato costituzionale, sancito dal comma 2 dell'art. 27 della Carta, che recita «l'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva». Dunque l'opinione pubblica, è costretta, e talvolta è desiderosa, purtroppo, di leggere dei giornali che non solo non rispettano la Costituzione, ma violano i diritti e soprattutto la dignità della persona chiamata in giudizio, la quale magari poi verrà assolta. Insomma prima della fine dell'iter processuale, si assiste a processi sommari sulla carta stampata. “Un aspetto molto grave- conclude Borzone- è che in Italia si attribuisce un falso ruolo al processo penale. Sarebbe opportuno capire che, il processo, non è un ordigno fatto per emettere sentenze di condanna. Emerge invece, che quando i magistrati emettono una sentenza di condanna, la stampa sia in un certo senso delusa”. Come già anticipato, molti giornali ritengono la condanna, l'esito naturale del processo. Una triste e amara realtà, epilogo di un giornalismo asservito al potere. Per fortuna non tutto”.