Log in
NEWS
Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano Made in Italy, studio di Confartigianato: Protagoniste le piccole imprese Gianfranco Rotondi (Fi): Alle elezioni ci sarà un vincitore e sarà il centrodestra Regione, aumento stipendio ai manager. Di Scala (Fi): Grottesca difesa di De Gregorio Guardia Sanframondi, al via domani i "Riti Settennali" Roghi, emergenza sui Monti Lattari: fiamme vicino ad hotel Napoli, Moxedano: Situazione trasporti sempre più complicata Confartigianato: Le Pmi italiane pagano l'energia il 29% in più rispetto alla media Ue Montenero, al via la prima edizione di "Corti al Mulino" Premio Capri Danza International, al via la V edizione alla Certosa di San Giacomo Attentato Barcellona, a Napoli rafforzate le misure di sicurezza Diwine Jazz Festival, a Montecorice quattro serate tra vino e buona musica Da Pasqualino, omaggio a Capri: ecco i faraglioni di pizza Ermanno Russo: Che errore depotenziare l'oculistica al Vecchio Pellegrini Napoli, Comune: Dal 28 ordinanza per fornire indicazioni sui vaccini Geometri, Carlino: Al fianco dei periti industriali per il campetto a Scampia Estate, 38 mln di italiani in vacanza: tra i souvenir i prodotti tipici del territorio Giovani Confapi Napoli, Marrone: Bene l'occupazione, investire sulla formazione Lavoro, dati Cgia: nell'ultima parte dell'anno 123 mila nuovi posti Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils

kimbo shop ildenaro 016

I media e il processo penale: parola all'avvocato Borzone.

 

 

La tendenza tutta italiana ad impostare titoli ed articoli in maniera univocamente accusatoria, nell'ambito della cronaca giudiziaria era nota. Ma le proporzioni, sono davvero allarmanti. Per fortuna c'è chi si è occupato della vicenda, facendo valutazioni, analizzando e riportando in maniera dettagliata queste osservazioni. Stiamo parlando dell'Osservatorio sull'informazione giudiziaria italiana dell'Unione delle Camere penali, che ha elaborato un testo che smaschera, sulla base di criteri oggettivi, gli errori che le testate giornalistiche compiono nel narrare gli svolgimenti dei processi penali. Ne ha parlato a Ferrara, pochi giorni fa, l'avvocato Renato Borzone, responsabile dell'osservatorio, assieme alla collega del foro ferrarese Irene Costantino. I due legali, hanno ripercorso i sei lunghi mesi di lavoro che hanno portato poi all'elaborazione del “Libro Bianco sull'informazione giudiziaria”. Durante questo lasso di tempo, ad ogni avvocato era affidata l'analisi di tutti gli articoli di cronaca giudiziaria presenti sulla carta stampata. Ciò che emerge, è a dir poco sconcertante, e in un certo senso conferma la tesi di Renato Borzone: “si sta creando una sorta di collegamento organico tra magistratura inquirente e alcuni giornalisti”. Purtroppo, la tesi del legale è quantomai veritiera e lo dimostrano le titolazioni e i contenuti dei pezzi sulla carta stampata, oltre al fatto che le fonti alle quali i giornalisti attingono, provengono nella quasi totalità, dalle procure,non tenendo conto delle tesi della difesa.  “Preso Killer”, “Catturato l'assassino” e chi più ne ha più ne metta. Il vizio formale e sostanziale di questi titoli, va a ledere per altro un principio sacrosanto: la presunzione di innocenza. In particolare, questo tipo di giornalismo, calpesta un dettato costituzionale, sancito dal comma 2 dell'art. 27 della Carta, che recita «l'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva». Dunque l'opinione pubblica, è costretta, e talvolta è desiderosa, purtroppo, di leggere dei giornali che non solo non rispettano la Costituzione, ma violano i diritti e soprattutto la dignità della persona chiamata in giudizio, la quale magari poi verrà assolta. Insomma prima della fine dell'iter processuale, si assiste a processi sommari sulla carta stampata. “Un aspetto molto grave- conclude Borzone- è che in Italia si attribuisce un falso ruolo al processo penale. Sarebbe opportuno capire che, il processo, non è un ordigno fatto per emettere sentenze di condanna. Emerge invece, che quando i magistrati emettono una sentenza di condanna, la stampa sia in un certo senso delusa”. Come già anticipato, molti giornali ritengono la condanna, l'esito naturale del processo. Una triste e amara realtà, epilogo di un giornalismo asservito al potere. Per fortuna non tutto”.