Log in
NEWS
G7 Interni a Ischia, si punta a un'intesa contro il terrorismo su web Scuola, progetto con il Cern per 800 studenti: 24 andranno a Ginevra Sla, avviata la sperimentazione con una nuova biomolecola Bonifica Resit Giugliano, Galletti: Sarà completata a gennaio 2018 Roberto Race riceve la Honorary Membership dalla The Watson Society Silver Economy Award, incentivi per soluzioni Ict destinate agli anziani ZTL Radar, la nuova App amica degli automobilisti ZTL Radar, la nuova App amica degli automobilisti Ricerca, utilizzo del grafene per il fotovoltico del futuro Oncologia, Napoli esporta il modello Pascale in Cina Porto di Napoli, Del Rio: Presto un nuovo progetto ferroviario per la città Porti, nel 2018 Napoli e Salerno supereranno il milione e centomila crocieristi Zes Napoli-Salerno, Del Rio: Iter completato entro fine anno Porti, Del Rio: A Napoli possono arrivare 2 mln di container in più Waterfront, Del Rio: Da Napoli progetti di qualità Porto di Napoli, De Luca: Il progetto va concluso entro 14 mesi Fincantieri, De Luca e Del Rio: Un incontro con l'azienda per il futuro dei lavoratori Viaggi d’affari e sicurezza: come scegliere l’assicurazione giusta Giuseppe Vitagliano eletto presidente dell'Associazione nazionale Commercialisti di Arzano Tristano Dello Joio presidente del Parco regionale dei Monti Lattari Nicola Massimo è il nuovo ad della Asm di Molfetta Bus nella scarpata, ad Avellino la protesta dei familiari delle vittime Porto di Napoli, faccia a faccia De Luca-de Magistris Dhl e Gesac, a Capodichino nasce il nuovo polo logistico Marco Tardelli nell'organizzazione delle Universiadi di Napoli Consorzio di tutela Mozzarella Dop, a Caserta primo direttivo Assolatte fuori sede Teatro, il San Carlo inaugura la stagione dei concerti 2017 Davide Tizzano confermato nel board dei Giochi del Mediterraneo Madre, la vita di Pippa Bacca raccontata in un libro: oggi le presentazione Università di Benevento, nuovo laboratorio in autoimprenditorialità e creazione di impresa Gennaro Ciaramella nella giunta dell'Unione Nazionale Giovani Commercialisti Porto di Napoli, via al cantiere dragaggi per le grandi navi Napoli, controlli sugli scuolabus: sanzioni e sequestri per gli abusivi Minori non accompagnati, aumentano quelli in comunità: record in Sicilia, Lombardia e Campania Enrico Coscioni primario di Cardiochirurgia d'Elezione al Ruggi di Salerno

kimbo shop ildenaro 016

I media e il processo penale: parola all'avvocato Borzone.

 

 

La tendenza tutta italiana ad impostare titoli ed articoli in maniera univocamente accusatoria, nell'ambito della cronaca giudiziaria era nota. Ma le proporzioni, sono davvero allarmanti. Per fortuna c'è chi si è occupato della vicenda, facendo valutazioni, analizzando e riportando in maniera dettagliata queste osservazioni. Stiamo parlando dell'Osservatorio sull'informazione giudiziaria italiana dell'Unione delle Camere penali, che ha elaborato un testo che smaschera, sulla base di criteri oggettivi, gli errori che le testate giornalistiche compiono nel narrare gli svolgimenti dei processi penali. Ne ha parlato a Ferrara, pochi giorni fa, l'avvocato Renato Borzone, responsabile dell'osservatorio, assieme alla collega del foro ferrarese Irene Costantino. I due legali, hanno ripercorso i sei lunghi mesi di lavoro che hanno portato poi all'elaborazione del “Libro Bianco sull'informazione giudiziaria”. Durante questo lasso di tempo, ad ogni avvocato era affidata l'analisi di tutti gli articoli di cronaca giudiziaria presenti sulla carta stampata. Ciò che emerge, è a dir poco sconcertante, e in un certo senso conferma la tesi di Renato Borzone: “si sta creando una sorta di collegamento organico tra magistratura inquirente e alcuni giornalisti”. Purtroppo, la tesi del legale è quantomai veritiera e lo dimostrano le titolazioni e i contenuti dei pezzi sulla carta stampata, oltre al fatto che le fonti alle quali i giornalisti attingono, provengono nella quasi totalità, dalle procure,non tenendo conto delle tesi della difesa.  “Preso Killer”, “Catturato l'assassino” e chi più ne ha più ne metta. Il vizio formale e sostanziale di questi titoli, va a ledere per altro un principio sacrosanto: la presunzione di innocenza. In particolare, questo tipo di giornalismo, calpesta un dettato costituzionale, sancito dal comma 2 dell'art. 27 della Carta, che recita «l'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva». Dunque l'opinione pubblica, è costretta, e talvolta è desiderosa, purtroppo, di leggere dei giornali che non solo non rispettano la Costituzione, ma violano i diritti e soprattutto la dignità della persona chiamata in giudizio, la quale magari poi verrà assolta. Insomma prima della fine dell'iter processuale, si assiste a processi sommari sulla carta stampata. “Un aspetto molto grave- conclude Borzone- è che in Italia si attribuisce un falso ruolo al processo penale. Sarebbe opportuno capire che, il processo, non è un ordigno fatto per emettere sentenze di condanna. Emerge invece, che quando i magistrati emettono una sentenza di condanna, la stampa sia in un certo senso delusa”. Come già anticipato, molti giornali ritengono la condanna, l'esito naturale del processo. Una triste e amara realtà, epilogo di un giornalismo asservito al potere. Per fortuna non tutto”.