Log in
NEWS
Test di Architettura al Politecnico di Milano, dall'Università della Campania record di candidati idonei Un esoscheletro in 3D al posto del gesso: il Santobono di Napoli fra i vincitori dell'Innova S@lute 2017 Almaviva Napoli, elezioni delle Rsu: la Cgil conquista la maggioranza La periferia di Napoli su "Le Monde": Scampia lontana dai cliché mafiosi Mdp, dal 27 settembre a Napoli la prima festa: è dedicata al lavoro Sepe alla messa per San Matteo, patrono della Guardia di Finanza Porto Marina d'Arechi, Boccia ospite dello stand al Salone Nautico di Genova "Veleno", a Casal di Principe la presentazione del film sulla vera storia della Terra dei Fuochi Olio Dante partecipa all'Atelier della Salute per promuovere uno stile di vita sano Alessandro Paola nuovo comandante dei Vigili del Fuoco di Livorno Regione Campania al Tourism Expo Japan 2017 Bancarotta fraudolenta, 3 arresti a Napoli Stampa ucraina, Srna positivo a controllo antidoping dopo Shakhtar-Napoli Napoli, siglato protocollo per la sicurezza antincendio nelle scuole Sogei implementa anche in Campania il fascicolo sanitario elettronico Settore corilicolo campano in crisi, il caso al centro di un'azione parlamentare Ryanair nel mirino della Procura di Bergamo dopo la denuncia del Codacons VIenna Cammarota, è campana la prima donna al mondo a ripercorrere percorso di Goethe Ntv prepara l'ingresso in Borsa con una nuova governance Formazione delle giovani generazioni tra dubbio e verità Regione, Di Scala (Fi) sul sisma di Ischia: Dal governo nulla di fatto, depositata una mozione urgente Ryanair, cancellazione voli: l'Antitrust apre un procedimento contro la compagnia Forza Italia, De Siano: Pronti ad accogliere nuovi ingressi Architetti, New Generations Festival: le iniziative del Consiglio Nazionale Mandara e Nuova Castelli, accordo per l'export di mozzarella in Usa e Nord Europa Benevento, nodo bonifiche: accordo Procura-Commissario Dall'America Latina all'Italia: borse di studio post-laurea "Due euro l'ora", il film del salernitano Andrea D'Ambrosio al Festiva dei Diritti umani di Tirana Pignataro Maggiore, il sindaco si candida alla presidenza della Provincia di Caserta Ex Montefibre, il 4 ottobre tavolo al Mise Quarto, Laura Russo nuovo assessore per le Politiche sociali Violenza sulle donne, 49 Centri attivi in Campania Divano spiega il fenomeno kaki a una delegazione sudcoreana “Missione europa” per l’Ance: tappe a Lussemburgo, Bruxelles e Londra Bams e Rosemari ammesse nell'esclusivo Fashion Hub Market

kimbo shop ildenaro 016

Vieni a vivere a Napoli, il volto plurietnico della città nel lungometraggio presentato al Metropolitan

Nella foto Guido Lombardi, Andrea Cannavale, Valeria Della Rocca, Valerio Caprara, Nicola Grispello Nella foto Guido Lombardi, Andrea Cannavale, Valeria Della Rocca, Valerio Caprara, Nicola Grispello

di Maridì Vicedomini

”Vieni a vivere a Napoli”, il nuovo progetto della Run Film è stato presentato questa mattina, 20 marzo, al cinema Metropolitan di Napoli. Il lungometraggio proiettato lo scorso anno in anteprima al Bif&St Bari International Film Festival diretto da Felice Laudadio andrà in programmazione nelle sale cinematografiche a partire dal 23 marzo ed offre uno spaccato del volto plurietnico della città di Napoli, capace con la sua immensa generosità di accogliere benevolmente tutti i “cittadini del mondo” che per motivi gravi o futili abbandonano la loro terra d'origine per approdare in Italia al fine di ritrovare una nuova dimensione di vita.

Napoli “capitale del mondo”, metropoli di sane e proficue contaminazioni di più culture e più religioni è stato dunque il motivo ispiratore che ha spinto i due fratelli “figli d'arte” Alessandro ed Andrea Cannavale a produrre un film che rispecchiasse in maniera originale questa insolita e positiva realtà; non a caso i Cannavale hanno articolato il loro lungometraggio in tre episodi, ognuno dei quali è diretto da registi di grande rispetto come Edoardo De Angelis, Guido Lombardi, Francesco Prisco. Il cast, tutto partenopeo: Massimiliano Gallo, Gianfelice Imparato, Antonio Casagrande, Miriam Candurro, Giovanni Esposito.

Il primo episodio dal titolo “Nino e Yoyo firmato da Guido Lombardi vede in scena una donna napoletana Anna, che fa da balia ad un bimbo cinese; tutto va per il meglio fino a che Anna vince un concorso premio per un viaggio di una settimana. Poi è la volta di “Luba”, incentrato sulla figura di Luba Volkova che vanta un passato da star, girato da Francesco Prisco. A chiudere il cerchio il terzo episodio girato da Edoardo De Angelis, intitolato “Magnifico Shock” che narra le vicende di un cingalese di nome Amila Diggamaralalage Bagga Lankapira , appena assunto in un bar del centr ostorico di Napoli per esercitare un'attività di asporto nei vari uffici.

Il film, realizzato in collaborazione con Rai Cinema, distribuito da Europictures, ha il sostegno del Gala del Cinema e della fiction prodotto da Valeria della Rocca, direttore artistico Marco Spagnoli, che vanta al suo attivo già ben otto edizioni. “Il Gala del Cinema e della Fiction”, ha detto la Della Rocca, presente alla conferenza stampa accanto ad altri autorevoli esponenti di spicco del mondo della cinematografia come il professore Valerio Caprara, “è un festival che celebra i prodotti audiovisivi girati in Campania nell'anno precedente ed anche le imprese che sostengono l'attività cinematografica attraverso il product placement ed il tax credit. Il nostro Festival“,ha proseguito la Della Rocca, “rappresenta un'occasione d'incontro altamente qualificata nel mondo dell'audiovisivo, che ha visto, nel corso delle sue trascorse edizioni, premiare i lavori di giovani registi ed interpreti talentuosi agli albori del loro percorso artistico, cioè prima che acquistassero notorietà. Ci è sembrato quindi naturale sostenere l'uscita di “Vieni a vivere a Napoli”, un film, che sarà in concorso il prossimo ottobre, in occasione della IX edizione del Gala Cinema e Fiction”.

La commedia riprone con sottile ironia i due aspetti contrapposti di un unico tessuto sociale con da un lato l'esaltazione dei simboli che hanno reso celebre in maniera positiva l’immagine di Napoli nel mondo quali la pizza, il mandolino, il mare e Pulcinella, e dall'altro le piaghe nefaste che tuttora affliggono il nostro territorio, in primis la malavita e la camorra.