Log in
NEWS
Alla fine è sempre la povera gente, credulona e sprovveduta, a pagare il conto Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte

kimbo shop ildenaro 016

L’inchiesta che (non) cambiò l’Italia

 

Sono passati ormai 25 anni da quel fatidico giorno in cui una squadra di poliziotti, guidati dall’allora sostituto procuratore della Repubblica, Antonio Di Pietro arrestarono, al Pio Albergo Trivulzio, l’ingegner Mario Chiesa. Il 17 febbraio 1992 ha segnato una svolta nella vita del nostro Paese. In realtà, purtroppo l’anno dell’inizio di Tangentopoli è stato anche l’anno delle stragi di Capaci e via D’amelio, l’anno in cui la mafia ha mostrato il suo lato più violento e più brutale. Da Milano a Palermo, passando inevitabilmente per Roma, l’Italia era letteralmente spaccata a metà. Si può dire che, in certo qual modo, quell’anno segnò, se non altro per un breve lasso di tempo, il trionfo della magistratura e la sconfitta totale della politica. Per le strade di tutte le città italiane si leggevano i nomi dei magistrati uccisi negli attentati e a Milano si vendevano spille e magliette con il nome di Nino di Pietro o con la scritta “MANI PULITE”. Nome attribuito all’inchiesta condotta dal pool della procura del capoluogo lombardo, coniato dalla Stampa. La stessa stampa che per almeno due anni è stata una sorta di prolungamento del potere giudiziario. O forse peggio. Eh si, perché l’attenzione alle indagini condotte dai magistrati di Milano era altissima, e l’aspettativa della gente era altrettanto alta. I media dunque, molto spesso travisando la reale informazione giudiziaria , pur di sfamare l’irrefrenabile volontà di giustizia dell’opinione pubblica, ha architettato dei veri e propri processi. Ma ritorniamo sul punto di partenza: l’attività della magistratura. L’inchiesta partita mezzo secolo fa, ha cambiato radicalmente il modo di condurre le indagini, sia dal punto di vista metodologico, quindi la divisone in ruoli ben precisi delle funzioni da svolgere tra i vari magistrati, sia dal punto di vista sostanziale. Di Pietro, Davigo e Colombo, solo per citarne alcuni, hanno tentato di sgominare un sistema corruttivo ampio e diffuso tutti i livelli della società che ha di fatto caratterizzato gli anni della vita della nostra nazione dalla fine della guerra al 1992. Ebbene il tentativo c’è stato, ma quando si parla di Mani Pulite, si parla di un fallimento. Perché purtroppo, il livello corruttivo in Italia, in particolare inerente la sfera politica, è aumentato in maniera pazzesca. Non solo è aumentato, ma corrotti e corruttori hanno affinato le tecniche per riuscire meglio nei loro loschi traffici. Ma c’è di più. Quando i magistrati della procura milanese hanno messo le mani nella “politica” hanno scoperto che imprenditori, uomini d’affari e grandi industriali, finanziavano i partiti per ottenere in cambio appalti, gestione di infrastrutture e quant’altro. Ma ora, dopo venticinque anni, diciamo dopo Craxi in poi, i politici hanno iniziato a rubare non più per sostenere le spese e rinpinguare le casse dei partiti, ma per intascarseli personalmente. Su queste vicende, tanto è stato scritto, tanto è stato detto e tanto si dirà ancora, perché comunque Tangentopoli ha segnato una svolta epocale nel nostro Paese. Al netto di tutto ciò rimangono tre punti fondamentali: il ribaltamento dello scenario politico italiano e dunque la fine del pentapartito, l’interesse dell’opinione pubblica alle vicende giudiziarie e l’avvento delle forze anti-sistema che si sono avvicendate tra i banchi del parlamento in questi anni. Rimane un grande interrogativo: Era meglio prima, o è meglio ora? Lasciamo al lettore il giudizio e la valutazione rispetto a questo grande interrogativo.