Log in
NEWS
Legge di Bilancio, De Vincenti: confermati e rafforzati gli impegni per coesione e Sud Ambrogio Prezioso nuovo Presidente di Confindustria Campania InterArtes 2017, dialoghi tra le arti: si parte con Erri De Luca Lilì Marlene, e la musica si tinge di rosa Anm, conto alla rovescia per la procedura di licenziamento collettivo: domani assemblea dei lavoratori Cisl, Furlan: Da domani una donna alla guida del sindacato in Campania Mozzarella Dop congelata alla conquista dei mercai esteri: nuove polemiche sull'oro bianco campano "Mutui usurari", ecco i dettami della Cassazione Chirurgia, al via oggi a Napoli il Congresso nazionale "Pallottole d'argento" contro il mal di testa: nuova sperimentazione all'Università Vanvitelli di Napoli Camera di Commercio di Napoli, appuntamento con l'Alternanza Day Bnl promuove la "Diversity and inclusion week", eventi gratuiti a Napoli Giocare a pallone allunga la vita delle cellule: lo studio dei ricercatori di Napoli e Copenhagen Gianpiero Falco (Confapi Napoli): Legge Bassanini da rivedere, frena la spesa Ue Rimadesio, il design made in Italy sbarca in Giappone Agroalimentare, da oggi scatta l'obbligo di etichetta per il latte made in Italy Povertà, Italia peggior Paese dell'Europa Occidentale: a rischio quasi uno su tre Campania, si rompe una condotta: stop all'acqua in cinque comuni tra Napoli e Salerno "Carlo Poerio e l'Europa", da oggi via alla mostra dedicata al patriota napoletano Musica, De Sica canta Napoli nella stagione Ico Magna Grecia Una piattaforma digitale per i malati di Sm: il progetto della Federico II vince il Premio Merck Cisl, Annamaria Furlan al congresso regionale della Campania Anche i liberali marciano Terna e Fondazione Cariplo portano anche a Napoli il roadshow per cercare talenti Rfi sigla un protocollo sulla legalità con la Prefettura di Napoli Sailitalia ripropone l'evento Wine & Sail Unicocampania, oltre 107mila richieste di abbonamenti gratis per studenti Porti di Napoli e Salerno, entro fine mese il decreto sulle zone economiche speciali Napoli, Mara Carfagna all'attacco: Via Marina, che disastro Maratona della Salute, Borsacchi vince la Prevention Race Garanzia giovani: 1,2 mln di iscritti, 172 mila lavorano Sindaci donna, maglia nera alla Campania: solo 5 su 100 Forza Italia, parte in Campania la scuola di formazione dei Seniores Credit crunch, prestiti alle aziende giù di oltre 42 mld in un anno Napoli, Bassolino lancia l'hashtag #deMagistrisdicaalsindaco

kimbo shop ildenaro 016

Trump si concilia con la Cina e la Yellen

 

Contrordine, compagni, si torna indietro. La realpolitik è cosa diversa dalle belle intenzioni e prima o poi bisogna prenderne atto. Meglio prima, ovviamente. La lezione l’ha imparata presto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che con un’intervista al Wall Street Journal, ieri si è rimangiato molte delle cose dette nei giorni scorsi o in campagna elettore.

Sarà anche per l’esposizione maldigerita in capo internazionale con l’attacco alla Siria, il conseguente freddo con Mosca, le minacce alla Corea del Nord, ma pensare di tenere aperto anche un fronte con la Cina sarebbe stato davvero troppo anche per un tipo come Trump. E, dunque, è proprio nei confronti della Cina che si il tycoon ha cominciato a fare marcia indietro. Per Trump, infatti, la Cina non manipola più la sua valuta. In proposito al WSJ il presidente ha detto parole chiare: la sua amministrazione non etichetterà l’economia cinese come manipolatrice di valuta. L’accusa, come si ricorderà, fu fatta in campagna elettorale e ribadita appena qualche mese fa.

Di più. Il presidente degli Stati Uniti è arrivato finanche a dire che  è sua la colpa dell’attuale forza del dollaro: “Credo che il nostro dollaro stia diventando troppo forte, e in parte è colpa mia perché la gente ha fiducia in me”, ha dichiarato al WSJ. “Un dollaro forte porta a dei benefici – ha argomentato – ma potrebbe finire per danneggiare l’economia degli Stati Uniti” - ha infine ammesso.

E non è tutto. L’inquilino della Casa Bianca ha anche lasciato aperta la possibilità di ri-nominare Janet Yellen alla guida della Federal Reserve, cancellando così, con un colpo di spugna, tutte le critiche mossele precedentemente e, soprattutto, contro la politica dei bassi tassi di interesse da lei tenacemente praticata. Politica monetaria che ha svantaggiato i risparmiatori – aveva tuonato in campagna elettorale – e che per questo motivo sicuramente non avrebbe confermato la nomina da presidente della Fed per un secondo mandato di quattro anni, una volta giunta alla scadenza fissata a febbraio 2018.

Dunque, la seconda e in qualche modo anche più significativa svolta. È “molto, molto difficile competere quando si dispone di un dollaro forte e altri paesi stanno svalutando la loro moneta", ha dichiarato Trump al WSJ. E ha aggiunto che apprezza “una politica dei tassi bassi di interesse” e “rispetta” il presidente della Fed. Una frase che, appunto, ha autorizzato gli analisti a ritenere possibile una riconferma di Janet Yellen alla guida della Fed. Ma, soprattutto, che introduce nuovamente un elemento di incertezza sul timing degli aumenti già previsti.

IL CALENDARIO DI OGGI
Giovedì 13 aprile 2017

14:30 USA Richieste settimanali sussidi disoccupazione;

14:30 USA Indice prezzi alla produzione mar;

16:00 USA Indice fiducia consumatori (Univ. Michigan) preliminare apr.